Successo Via degli Eremi a Sant’Egidio: diario di bordo di una giornata Molise Noblesse

Successo Via degli Eremi a Sant’Egidio: diario di bordo di una giornata Molise Noblesse

Cultura Notizie Locali

Successo Via degli Eremi al rifugio di Sant’Egidio tra sentieri antichi e bellezze mozzafiato. Lo scatto di suor Margherita nel corso della conferenza camminante, tipica degli eventi MoliseNoblesse, dal titolo “L’Arte di Comunicare per il Bene”

Successo Via degli Eremi a Sant’Egidio! Buona compagnia, amici a quattro zampe e merenda al sacco: tutto quello che è servito per una giornata alla riscoperta del territorio ma anche di sé stessi grazie a suor Margherita. La passeggiata socio-naturalistica è stata caratterizzata da un forte contatto con la natura e la terra natia, ma è stata la conferenza camminante di suor Margherita a caratterizzare l’incontro. “La parola, usata in modo costruttivo, – inizia suor Margherita, sorella eremita poverella –  ha energia e potenza, può sollevare e motivare; abbattere e scoraggiare se usata in modo distruttivo. Per onestà nei confronti dell’interlocutore.”

Pronti, partenza, via!

Il primo appuntamento, 8.30 in sede UMDI – Un Mondo di Italiani International Daily Magazine -, è stato caratterizzato da lievi ritardi di routine ed è partito per incontrarsi con il resto del gruppo nella località Pianelle di Campitello Matese. Da lì, l’incanto. Il sentiero che porta fino a Sant’Egidio sembra esser sfuggito all’impronta consumistica della storia. Alture e strapiombi, praterie e costoni rocciosi, boschi di faggio,di  quercia, di castagno, muschi, felci e natura incontaminata.

Via degli Eremi: la meta è il viaggio

Seppur stancante, la camminata lungo il sentiero è stata magnifica. Circondati dalla natura e dai suoi rumori, i partecipanti si sono insinuati nel cuore della montagna per raggiungere la meta, l’Eremo di Sant’Egidio. Accompagnati dagli amici fedeli di sempre Happy, Margot e Maka,  i presenti hanno potuto imparare a godere della natura. Tra una sosta e l’altra, per odorare questa o quella pianta, gli amici a quattro zampe regalavano prospettive mai considerate e spontaneità ignorata.

Suor Margherita su “L’Arte di Comunicare per il Bene”

Una volta arrivati in cima, ad accogliere i partecipanti è stata Suor Margherita, l’eremita che vive nel rifugio sulla montagna. Il suo intervento riguardava “L’Arte di Comunicare per Il Bene”. Così la suora ha proceduto a parlare ai presenti della forza della parola. Ogni cosa fatta, seguendo il discorso della sorella Margherita, va fatta per amore. “Qualsiasi comunicazione – conclude – deve essere di vita e non di morte”.

Leggi altro

Eliza Kiemiesz

Eliza Kiemiesz, studentessa di Lettere e Beni Culturali all'università del Molise. Madrelingua polacca e poliglotta. Amo particolarmente gli animali ed il contatto con la natura; acque dolci o salate sono il mio ambiente preferito. La mia passione è la scrittura e, di conseguenza, la lettura. Innamorata dell'arte e di tutto ciò che mi fa meravigliare; adoro particolarmente il femminile.