Nuovo-focolaio-Covid-Alessandria

Nuovo focolaio Covid Alessandria. Casi di riposo San Salvatore 13 nuovi casi

Notizie Nazionali

Nuovo focolaio Covid Alessandria, in una casa di riposo sono stati contagiati 11 ospiti e 2 Oss, tra queste persone, tre sono gravi e sono state ricoverate in ospedale di Casale Monferrato

Nuovo focolaio Covid Alessandria, a San Salvatore,  in una casa di riposo sono stati contagiati 11 ospiti e 2 Oss, tra queste persone, tre sono gravi e sono state ricoverate in ospedale di Casale Monferrato, prima al Dea poi nel reparto di Malattie infettive, che dall’Asl era stato individuato fino a fine anno come unica struttura in provincia per accogliere malati di questo tipo. La notizia del focolaio è stata diffusa dal sindaco Enrico Beccaria. Gli altri otto ospiti risultati positivi, ma praticamente senza sintomi, sono stati trasferiti in questi giorni alla clinica Salus di via Trotti ad Alessandria per salvaguardare gli ospiti negativi. Il focolaio si è manifestato nella Rsa di San Salvatore solo qualche giorno fa. Un ospite era stato portato all’ospedale di Alessandria per visite ed esami. Tornato alla struttura, nei primi giorni di giugno gli era stato effettuato il tampone, risultato negativo. Ma dopo qualche giorno, e in presenza di sintomi di contagio, gli era stato rifatto il tampone, con risultato positivo.

Nuovo focolaio Covid Alessandria. Le strutture per anziani sono state lasciate sole.

La direzione della struttura sansalvatorese ha preferito isolare i pazienti risultati positivi da quelli negativi. Ecco perché la scelta del trasferimento in ospedale a Casale e nella clinica di Alessandria deciso dalla direzione dell’Oda e dal direttore sanitario dottor Giovanni Negri. Massimiliano Vacchina, che oltre ad essere direttore dell’Oda lo è anche della casa di riposo Villa Serena di Moncalvo, durante il periodo di maggiore emergenza Coronavirus aveva lamentato che le strutture per anziani sono state lasciate sole. Alessia Morbello, direttrice della struttura, dice che la situazione è in via di accertamenti. La presenza di medici e della direzione dell’Oda sono la testimonianza che siamo sempre dalla parte degli ospiti, ma non vogliamo creare allarmismo tra i familiari dei ricoverati.Il sindaco Beccaria sottolinea che di fronte a quanto stava accadendo negli ultimi giorni abbiamo chiesto di fare tamponi. La situazione di San Salvatore non è affatto isolata ed è per questo che si fa appello al senso civico della popolazione perché siano rispettate le disposizione di sicurezza.

Leggi altro

Miriana Meffe

19 anni, diplomata al liceo delle Scienze Umane-Economico Sociale. Attualmente impegnata come volontaria nel servizio civile universale. Amo la natura e la libertà. Mi sono appassionata alla scrittura grazie all’esperienza nella redazione del quotidiano internazionale Un Mondo d’Italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *