italiani bloccati

Italiani bloccati su navi da crociera, rimpatriano in Italia

Notizie Nazionali

Italiani bloccati sulle navi da crociera della società Royal Caribbean, problemi dovuti in particolare alla pandemia globale che ha interessato diversi Paesi e dovute anche alle restrizioni interessati dalle rotte.

Italiani bloccati sulle navi da crociera della società Royal Caribbean ferme al largo della Florida tornano in Italia, è stata raggiunta una soluzione grazie al lavoro del Consolato Generale d’Italia a Miami, in stretto raccordo con l’Ambasciata d’Italia a Washington e con la Farnesina che hanno seguito sin dal principio il caso dei connazionali bloccati sulle navi da crociera, problemi dovuti in particolare alla pandemia globale che ha interessato diversi Paesi e dovute anche alle restrizioni interessati dalle rotte. È consentito, il rientro dei cittadini italiani o degli stranieri residenti in Italia che si trovano all’estero in via temporanea ,è consentito ai cittadini italiani costretti a lasciare definitivamente il Paese estero dove lavoravano o studiavano. Le circostanze di necessità  urgenza devono essere autocertificate.

Italiani bloccati, in navigazione verso le Barbados

 In navigazione verso le Barbados è la “Freedom of the Seas” la quale arriverà probabilmente il 23 maggio, una volta giunti, da lì 57 italiani a bordo della nave e saranno trasferiti a Londra e ci sarà per loro modo di rientrare in Italia. In viaggio verso Southampton sono le navi “Majesty of the Seas” ed “Empress of the Seas” per loro l’arrivo è previsto a inizio giugno. Importante è stato il lavoro della rete diplomatico-consolare italiana negli Stati Uniti per un blocco che ha interessato 90mila marittimi di diverse nazionalità su diverse navi lungo le coste degli Stati Uniti.

Leggi altro

 

Miriana Meffe

19 anni, diplomata al liceo delle Scienze Umane-Economico Sociale. Attualmente impegnata come volontaria nel servizio civile universale. Amo la natura e la libertà. Mi sono appassionata alla scrittura grazie all’esperienza nella redazione del quotidiano internazionale Un Mondo d’Italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *