Successo per Give Peace a Chance, tra chiacchiere alla chitarra, musica e un muro di desideri per Molise Noblesse a Bojano

di Grazia De Gregorio

Evento conclusivo del ciclo Parole & Musica: una chiacchierata informale per Molise Noblesse, Give Peace a Chance è stata una conversazione amichevole sui temi di libertà, presa di coscienza, etica, diritti umani, diritti civili, diritti degli animali, controinformazione, massificazione, e impreziosita dalle parole e accordi delle canzoni che hanno fatto la storia, a trent’anni dalla caduta del muro

(UMDI UNMONDODITALIANI) Un inno di pace, voci all’unisono unite per un solo scopo, scatole cariche di parole e musica, a trent’anni dalla caduta di quel mostro di cemento chiamato Muro di Berlino. La Sala Universitaria dello storico Palazzo Colagrosso di Bojano, il 26 novembre 2019, ha ospitato Give Peace a Chance, evento conclusivo del ciclo “Parole & Musica”: una chiacchierata informale per Molise Noblesse, aperta al contributo di tutti. Non è stato un concerto, un convegno; non è stata nemmeno una conferenza, convention o meeting, ma una conversazione amichevole sui temi di libertà, presa di coscienza, etica, diritti umani, diritti civili, diritti degli animali, controinformazione, massificazione, e impreziosita dalle parole e accordi delle canzoni che hanno fatto la storia! A prestare la voce ai Beatles, ai Pink Floyd, a Bob Dylan e a Lucio Battisti, l’esecuzione unplugged a cura dell’avvocato chitarrista rock Alfonso Mainelli, accompagnato dal canto di Grazia De Gregorio e Kaory Ruggeri, volontarie del servizio civile. Luce soffusa, un caloroso cerchio di persone, che contrastava l’atmosfera fredda di fine novembre, che si rifletteva timida fuori le finestre del Palazzo e la voce di John Lennon a dare il benvenuto ai ragazzi turchesini, ideatori dell’evento, e ospiti presenti; GIVE PEACE A CHANCE! era l’inno che riecheggiava in sala. Il brano del 1969, scritto dall’ex Beatles, è diventato uno dei “vestiti migliori” del movimento pacifista americano a cavallo tra gli anni ’60 e ’70, quando gli USA perdevano uomini in Vietnam e tra le strade del paese a stelle e strisce si protestava contro la guerra e per i diritti umani. Quale titolo migliore, dunque, di DIAMO UNA POSSIBILITA’ ALLA PACE (traduzione di give peace a chance) per l’evento che ha riportato alla memoria anche il trentennale della caduta del muro di Berlino, avvenuta il 9 novembre del 1989. Nulla di casuale, nemmeno le scatole poste al centro del cerchio, pensate come se fossero un muro di idee, parole.

INTERVENTI MUSICALI

Particolarità dell’evento Give Peace a Chance, sono stati i piccoli stacchi musicali. Grazia De Gregorio ha prestato la sua voce alle canzoni Another Brick in The Wall dei Pink Floyd, e Imagine di John Lennon; Kaory Ruggeri ha eseguito Let It Be dei Beatles, Knocking On Heaven’s Door di Bob Dylan e Il Mio Canto Libero di Lucio Battisti. Gli iconici brani sono stati eseguiti in acustico dall’avvocato dall’anima rock, Alfonso Mainelli.

SCATOLE, MURI…

“All in all it’s just another brick in the wall…” Un evento impregnato fino all’ultimo di musica. C’era da aspettarselo che tutto venisse curato nei dettagli, persino delle semplici scatole di cartone, che sono diventate un muro da “abbattere”. Un muro con su scritte le parole di artisti famosi e canzoni, che ogni partecipante ha fatto cadere giù, pietra dopo pietra, leggendo la frase, e iniziando così il dibattito. “Possiamo essere eroi anche solo per un giorno”; “La libertà spaventa perché così siamo liberi di sbagliare. E l’uomo ha paura di sbagliare”; “Ci vuole coraggio per essere liberi”; “Immagino la gente che vive in pace”, sono solo alcune delle frasi riportate sulle scatole, nel ricordo di artisti come John Lennon, David Bowie, Martin Luther King, o Bob Marley, in nome della pace e della libertà umana.

27 / 11 / 2019


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-de-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10