poesie senza tempo successo gurdialfiera

Poesia senza tempo, successo per la giornata della Poesia a Guardialfiera

Cultura Notizie Locali

Poesia senza tempo, successo, emozioni e commozione nella Cattedrale di Guardialfiera, per celebrare la giornata della Poesia dal titolo “Poesia senza tempo nel Nostro Tempo”. Successo nella giornata dell’ 11 luglio 2020, con poeti giunti da Campania, Molise, Puglia e Veneto per godere della bellezza di poesie recitate al suono delle campane e alla vista del suggestivo paesaggio

Poesia senza tempo, successo annunciato già dalla presenza di Sua Eccellenza Mons. Angelo SPINA, poeta, arcivescovo di Ancona, che ha aperto la celebrazione Eucaristica in memoria di Domenico Simi De Burgis, ideatore della giornata mondiale della poesia, affermando: “La poesia è il primo gradino che gli uomini salgono per volare verso il cielo”. Così ha inizio la cerimonia tenutasi nella splendida Cattedrale di Guardialfiera, che ha voluto render omaggio alla “Vita” ed al “Ricordo”.

Poesia senza tempo, successo e poeti accorsi da Campania, Molise, Puglia, Veneto

Un ricordo senza eguali, quello che ha anticipato la funzione religiosa di un mai “domo“ Vincenzo DI SABATO. Con le lacrime agli occhi e la voce rotta dall’ emozione, si è rivolto alla moltitudine di poeti accorsi da Campania, Molise, Puglia, Veneto. “I Poeti muoiono, la poesia vive eterna” le parole di Maurizio VARRIANO accompagnate dalle note leggere e senza tempo di Lino RUFO e, tutto inizia al suono delle campane, ci si raccoglie, una volta usciti dalla porta principale della Casa del Signore retta con dignità dal parroco Don Antonio ANTENUCCI. Il Sacrato si riempie di poeti ed amici e, le note delle poesie senza tempo nel nostro tempo, raffigurate senza eguali da Antonietta Aida CARUSO, iniziano ad aleggiare ed incantare un paesaggio che manca solo del sole diurno, è sera.

Accompagnati da un vento tanto leggero, tanto amato dai presenti, dopo il saluto dell’onorevole Rosalba TESTAMENTO, Aida ROMAGNUOLO, Francesca CARNEVALE, Vincenzo TOZZI, sindaco dei Poeti, Mons. Angelo SPINA ha voluto ricordare a se stesso ed a tutti i presenti che la sua ispirazione è fonte di poesia e, i poeti sono i traghettatori buoni di uomini in cerca di un Dio che delle sue note poetiche ne fa seme per la buona terra.

Il trio Subart Ensemble incanta con la sua musica

Tutto ebbe inizio prima ancora che il male oscuro del secolo ci ritenesse colpevoli di una irragionevole colpa. Per dispetto ci ha relegato in casa e da lì, la ricerca di pace ed assoluta certezza che la poesia “Risorge il Mondo”. “Ho sceso, dandoti il braccio, almeno milioni di scale e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino. Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio. Il mio dura tuttora, né più mi occorrono le coincidenza, le prenotazioni, le trappole, gli scorni di chi crede che la realtà sia quella che si vede. Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio non già perché con quattro’occhi forse si vede di più. Con te le ho scese perché sapevo che di noi due le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate , erano le tue“.

Eugenio MONTALE, mai così vero ed attuale, da il via e dopo aver ascoltato la musica di amici della Subart Ensemble, un trio formato da voce con chitarra, tastiera e duduc, un raro ed affascinante strumento musicale armeno, che mai mancano all’appello venendo dalla vicina Termoli, i poeti sciorinano la loro arte e ritirano i giusti riconoscimenti, anche grazie ai commenti critici di, Maurizio VARRIANO, Carol GUARASCIO ed Elena VARANESE ed all’ineguagliabile conforto di MAICOL ed la sua splendida collaborazione.

Poesie senza tempo, successo ed emozioni che uniscono gli animi

Poesia senza tempo, successo che vede Rosalia RUGGIERO, Virginia MACCHIAROLI MUCCIACCIO, Mina CAPPUSSI riconosciute per le poesie più lette, Enzo BACCA, Filomena DOMINI, Teresa FABIANO per quelle più commentate, Pasquale DI LENA, Pina DI NARDO, Rosanna PALAZZO per la sezione dialettale, Marilena FERRANTE, Mario ANTENUCCI, Iliana ONESTI per le poesie visive, Lorenzo LOMMANO, Carlo BOSNA e Giovanni MUCCIO per le Menzioni Speciali, si susseguono sulle scale Sante e, la poesia vince, convince e rende unici nell’aggregazione, passione, commozione.

Un susseguirsi di grande afflato partecipativo che nel “senza tempo, nel tempo sospeso da un mostro all’apparenza invincibile” ha reso magica una serata che ha visto porre, i premi posti in essere da Antonietta Aida Caruso nelle magiche forme di opere d’arte, dal Centro Studi 2000 N. Perazzelli, da Molise Web, nelle mani dei poeti dal Sindaco Vincenzo TOZZI, Aida ROMAGNUOLO, Costanzo CASCAVILLA, già sindaco di San Giovanni Rotondo e fautore del gemellaggio tra amministrazioni in seno al filo conduttore della poesia, Teresio DI PIETRO, Rosalba Testamento, Antonio VINCELLI, Francesco BONOMOLO.

Successo a Guardialfiera, patria di una poesia contro il malessere del Mondo

Un’organizzazione perfetta che ha permesso di goder senza pari le emozioni e le note mai stonate di artisti e poeti che della bellezza ne fan un trono mai per sentir lagni, ma per governar con lo scettro più “umano e sinuoso al Mondo” quello della poesia. Inimmaginabile vittoria contro il malessere del Mondo ed oltre 50.000 lettori, 600 mail, apprezzamenti e pianti, hanno lasciato il segno indelebile su di un Borgo, Guardialfiera, che ha dell’incredibile nell’essere la patria di una poesia che, mai come ora, grazie a Domenico Simi De Burgis, rimbomba al suon di trombe intonate alle note “alte” di un Mondo che della bellezza, purtroppo, non ne fa più uso ma, solo consumo.

Il pianto interrotto solo dalla composta reattività a non essere troppo uguali, sempre diversi e mai pienamente coscienti del patrimonio umano, folli quanto basta, innamorati di un Mondo che nella diversità ci regala emozioni ed amicale partecipazione, ha scandito le ore e, la sera, la tarda sera, ci ha obbligati entusiasticamente, a chiudere le porte dell’oblio e lasciar spazio alla “Vita”. “T’amo senza sapere come, né quando, né da dove, t’amo direttamente senza problemi né orgoglio: così ti amo perché non so amare altrimenti che così, in questo modo in cui non sono e non sei, così vicino che la tua mano sul mio petto è la mia, così vicino che si chiudono i tuoi occhi con il mio sonno“.

Leggi altro

Manuela Canzona

23 anni, laureanda in Scienze del Servizio Sociale presso l'Università degli Studi del Molise, diploma in Liceo delle Scienze Umane economico-sociale, impegnata come volontaria nel Servizio Civile Universale, ho abbracciato il progetto Molise Noblesse Movimento per la Grande Bellezza. Sono una persona empatica e paziente. Mi piace viaggiare ed amo la natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *