Test sierologici, uno spreco

Test sierologici, uno spreco secondo il virologo italiano

Scienza

Test sierologici, uno spreco secondo Andrea Crisanti, virologo italiano dell’Università di Padova, che preferisce attenersi ai dati concreti

Test sierologici, uno spreco secondo il virologo italiano dell’università di Padova, Andrea Crisanti che crede che la corsa al test sierologico per la ricerca di anticorpi contro il Covid-19 sarebbe uno spreco di soldi. “Sui test sierologici è ufficialmente caos. Ma bisogna aspettare che si faccia luce” ha dichiarato il virologo all’agenzia Adnkronos. In Italia, sono molte le aziende e i cittadini che fanno richiesta per avere il test. “Sebbene in passato per altre malattie si siano rivelati utili, per quanto riguarda il nuovo coronavirus, non emergono dati che permettano di collocare i test sierologici in un percorso diagnost-ico”, ha puntualizzato l’esperto.

Test sierologici, uno spreco. E il vaccino?

Il responsabile del Laboratorio di microbiologia e virologia dell’Azienda ospedaliera del capoluogo patavino è netta. Il virologo Crisanti preferisce riferirsi al il monitoraggio dei contagi attraverso il tracciamento dei contatti, un’adeguata strategia di tamponi, e non abbassare la guardia sulle protezioni individuali. Per quanto riguarda il vaccino, sono in atto i vari studi e sembra essere arrivato quasi a raggiungere l’obbiettivo. A scatenare le polemiche, però, è stata l’ipotesi che Sanofi dia la priorità, di avere il vaccino, agli Stati Uniti. “Dio solo sa se riusciranno a farlo il vaccino. Ci sono un centinaio di candidati – conclude Crisanti – ma non è detto che si riesca a fare per tutte le malattie. Magari lo sviluppano, ma la maggior parte delle volte non si riesce. E poi bisognerà produrlo. Speriamo bene, perché sarebbe uno strumento potentissimo”.

Leggi altro 

Fabiana Carbone

20 anni, diplomata al Liceo delle Scienze Umane- economico sociale. Impegnata come volontaria nel Servizio Civile Universale, progetto Molise Noblesse. Ho seguito un corso da giornalista presso la Scuola di Giornalismo UMDI. Amo gli animali. Ho un cane e un gatto. Sono molto paziente, sempre allegra e positiva. E mi cimento con curiosità nella scrittura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *