San Polo Matese: dal paese del Presepe la Passione Vivente

Cultura

Passione Vivente, 2^ edizione a San Polo Matese. Domenica delle Palme 2016 vissuta nel segno della spiritualità. Particolari e realistiche le stazioni, dalla cattura nell’orto del Getsemani, alla Crocifissione sul Golgota. 50 figuranti e tante sorprese.

(UMDI – UNMONDODITALIANI) “Tutto è compiuto. Padre, nelle tue mani affido il mio spirito”. Seconda edizione della Passione Vivente di San Polo Matese, borgo medievale che perfettamente si adatta all’interpretazione delle antiche vie di Gerusalemme. Infatti dopo il Presepe Vivente, ormai giunto alla 33esima edizione, gli abitanti del paese a ridosso del Matese, rafforzano il loro senso di spiritualità con la speranza di creare una nuova tradizione. Dopo l’inaspettato successo dello scorso anno, che, pur essendo, la prima edizione è riuscita ad accogliere ben 200 persone, per quest’anno sono state allestite 9 delle 15  stazioni della Via Crucis per i 50 figuranti provenienti da tutta l’area del Matese Orientale. Straordinariamente quest’anno arriva una grande novità: la presenza del diavolo tra la folla, interpretato da Rita GIANFRANCESCO. Grande attesa e trepidazione per gli organizzatori, la Proloco, la Parrocchia di San Pietro in  Vincoli e l’Associazione Presepe Vivente, tra i quali gli instancabili Aldo GIANFAGNA, consigliere comunale e Fernando SANTORO, presidente del Gruppo Folk “La Teglia” di San Polo Matese, che, minuziosamente, ogni anno, si occupano trasformare il caratteristico abitato di San Polo Matese, valorizzandone le peculiarità, prima in occasione della Passione e poi per il Santo Natale per il Presepe più longevo del Molise.

La Parrocchia di San Pietro In Vincoli di San Polo Matese,  invita, quindi, il 20 Marzo, Domenica delle Palme, per la 2^ edizione della Passione Vivente del Cristo. A differenza del Presepe, gli ospiti non verranno divisi in gruppi per poi essere guidati all’interno del Presepe  con più giri, ma è stato organizzato un unico tour guidato, che inizierà alle 18.00 presso Piazza IEZZA, dove è stato allestito l’orto degli ulivi del Getsemani, in cui il Cristo verrà catturato, dopo di che gli ospiti potranno seguire Gesù Cristo nelle stazioni principali della Via Crucis fino alla Crocifissione sul Golgota, passando dal giudizio del popolo dinanzi a Ponzio Pilato, alla Veronica che asciugherà il suo volto e Simone il Cireneo, che lo aiuterà nel portare la Croce.

Tra gli interpreti si potranno ammirare Mario CAPPARELLI, nel ruolo del Cristo, il parroco di San Polo Matese, don Luigi, nel ruolo di uno dei ladroni e il presidente dell’Associazione Matese Arcobaleno, Mario LUCARELLI, nel ruolo di San Pietro.

Sarà sicuramente un modo originale di vivere la Domenica delle Palme in attesa della Santa Pasqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *