Morgan protesta su Battiato. Francesco sulla lapide. E allora David Bowie? E Leonardo da Vinci?

Morgan protesta su Battiato. Francesco sulla lapide. E allora David Bowie? E Leonardo da Vinci?

Attualità

Morgan protesta su Battiato conosciuto da tutti come Franco e non come Francesco, nome di battesimo sulla lapide

Morgan protesta su Battiato a causa del nome posto sulla lapide. Il suo nome d’arte era Franco ed era quello a renderlo riconoscibile alle orecchie di tutti. David Robert Jones? Nome di battesimo di David Bowie.

Morgan protesta su Battiato

“Morgan chiede, per il rispetto che gli è dovuto, la modifica alla lapide di Battiato, dove, invece che portare inciso il nome che tutti associano alla sua riconosciuta popolare grandezza, si legge “Battiato Francesco“. Il problema, dunque, è il nome scelto per la lapide. Non Franco, nome d’arte e popolare, ma Francesco, nome privato e di battesimo.

Lo sfogo su Facebook

Morgan da sfogo ai suoi pensieri sulla sua pagina Facebook: “Ora, d’accordo che evidentemente all’anagrafe così sia stato registrato 75 anni fa, come la burocrazia impone, nell’ineleganza di anteporre il cognome di famiglia al nome proprio, e vabbè” – scrive Morgan – “Se è vero che tutti gli esseri umani nascono tabulae rasae è anche vero che poi nella vita se la giocano e alcuni si differenziano per meriti dagli altri, e sono proprio una testi ‘altri’ a decretare la loro eccellenza, ammirandoli, stimandoli, amandoli e rispettandoli”.

Altri esempi

“Conoscete Leonardo Da Vinci? Si. Perché ha dipinto la Gioconda. Il mondo si ricorderà per sempre e custodirà questa opera firmata da un toscano del quattrocento chiamato Leonardo” – un nome riconosciuto universalmente che rimanda all’artista ed alle sue opere. “Conoscete Robert Jones? Onestamente no. Ma come? È uno dei più grandi comunicatori del 900 e anche dei cantanti e anche dei performer. Ma davvero? Strano, non lo conosco. Si chiama David Bowie in realtà. All’anagrafe David Robert Jones, ma per la storia dell’arte David Bowie”.

Morgan protesta su Battiato ma senza grandi appoggi

I commenti parlano chiaro. Il dolore della perdita e le decisioni sulla lapide del defunto dovrebbero essere lasciate ai famigliari senza polemiche. Si legge sotto il post  “Lasciamo il dolore ai familiari e la pace al nostro amatissimo artista siciliano. Quello che trovo di cattivo gusto e far polemica su quanto riguarda, in maniera diretta o indiretta, una persona che non c’è più

Leggi altro

Eliza Kiemiesz

Eliza Kiemiesz, studentessa di Lettere e Beni Culturali all'università del Molise. Madrelingua polacca e poliglotta. Amo particolarmente gli animali ed il contatto con la natura; acque dolci o salate sono il mio ambiente preferito. La mia passione è la scrittura e, di conseguenza, la lettura. Innamorata dell'arte e di tutto ciò che mi fa meravigliare; adoro particolarmente il femminile.