Bojano, dalla Regione non arrivano i pagamenti: sospesi i lavori de Le Vie dell’Acqua

Notizie Locali

La Regione Molise non ha accreditato al Comune di Bojano le somme per la liquidazione del primo stato di avanzamento dei lavori all’impresa. La gara d’appalto per i lavori è stata aperta nel 2011, quando sindaco di Bojano era Antonio Silvestri.

(UMDI – UNMONDODITALIANI) Stop a “Le Vie dell’Acqua”. Sono stati sospesi i lavori del progetto approvato dall’amministrazione precedente. Gli interventi pianificati erano previsti nelle seguenti zone: la fontana di Majella, la località Pietre Cadute, (vista la recente frana), Santa Maria dei Rivoli, Taddeo, il primo tratto del fiume Biferno ed infine un canale. Il progetto è un ‘importante iniziativa, che si è posta l’obiettivo di recuperare e di valorizzare alcuni ambiti specifici, dalle sorgenti ai primi tratti del corso fluviale che attraversano e delimitano l’abitato di Bojano, attraverso un percorso che riesca a ricollegare l’acqua con l’abitato e la sua vita quotidiana per una fruizione anche ludica di queste aree e per attività turistico- culturali legate alla conoscenza del territorio ed alla riscoperta dei valori storici. L’impresa Camardo Srl di Baranello ha sospeso i lavori perché la Regione Molise non ha accreditato al Comune di Bojano le somme per la liquidazione del primo stato di avanzamento dei lavori alla stessa impresa. L’appalto dell’opera, come è noto, è stato eseguito nell’aprile 2016 con gara ad evidenza pubblica, mediante procedura aperta. I lavori sono iniziati il 20 ottobre scorso.

LA GARA D’APPALTO

La gara d’appalto per i lavori è stata aperta nel 2011, quando sindaco di Bojano era Antonio Silvestri. La gara era relativa all’affidamento dell’incarico della progettazione preliminare, definitiva e esecutiva, al coordinamento della sicurezza in fase progettuale, alla direzione ed assistenza lavori, misura, contabilità, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, assistenza al collaudo, relazioni specialistiche ivi compresa la relazione geologica e geotecnica, prestazioni accessorie e speciali e di tutte le autorizzazioni e nulla-osta eventualmente necessari all’utilizzo dell’opera. Visto il mancato accreditamento, l’impresa ha deciso di chiedere al direttore dei lavori la loro sospensione fino al saldo integrale del credito vantato, richiesta che è stata accordata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *