Expo Bologna 2015. Mina Cappussi con Philippe Daverio e Giorgio Grasso

Cultura

La Mostra Expo Bologna sarà la vetrina dei maggiori e più rappresentativi artisti contemporanei, fra cui il direttore UMDI, Mina Cappussi, che parteciperà con il suo quadro Urphanomen Ceruleo dopo i successi al Ministero dei Beni Culturali.

(ITM – UNMONDODITALIANI) La Galleria d’Arte Contemporanea Wikiarte in Via San Felice 18 – Bologna ospiterà il vernissage della mostra Expo Bologna – V Edizione.

Dopo il successo delle passate edizioni, la Galleria Wikiarte di Bologna ha deciso per la quinta edizione della ormai storica Mostra Expo Bologna di invitare Artisti e Critici che si sono contraddistinti nel 2014 per innovazione e percorso artistico. Fra questi anche il direttore di UMDI, Mina Cappussi, con la sua opera Urphanomen Ceruleo realizzata appositamente per l’Expo bolognese. Mina Cappussi, oltre che affermata e nota giornalista, direttore di numerose testate della carta stampata, è reduce da una Personale di Pittura “Discronie Archetive verso un Nuovo Rinascimento” che è stata prorogata fino a lunedì 12 gennaio presto la prestigiosa Sala della Crociera del Ministero dei Beni Culturali, in via del Collegio Romano a Roma.

La mostra della durata di un mese (dal 23 gennaio al 19 febbraio) che si svolgerà durante il periodo di Arte Fiera Bologna 2015, avrà come ospite il Prof. Philippe Daverio per la serata del 23 gennaio, mentre per la serata di chiusura del 19 febbraio avrà come ospite il Dott. Giorgio Grasso.

In questa quinta edizione della mostra Expo Bologna 2015, troveremo  opere incoerenti ed incostanti tra loro, apparentemente discordanti e differenti, ma legate dal quel filo sottile che abbandona la comprensione per raggiungere l’Io più inconscio dello spettatore, chiamato a lasciarsi andare senza dogmi e pregiudizi davanti ad ogni singola opera, che sia essa pittorica, fotografica o scultorea. Si può quindi interrogarsi su cosa sia l’Arte, ma come diceva  Charles Pierre Baudelaire, l’arte è “prostituzione” il mettersi a nudo di fronte al pubblico, spogliandosi delle proprie paure e inibizioni, lontano quindi da preconcetti culturali e sociali.

L’ Evento oltre ad essere pubblicizzato nel mese di gennaio su importanti riviste di settore come il mensile Arte ed il bimestrale Art&Art, prevede la realizzazione di un catalogo con prefazione a cura del Dott. Giorgio Grasso, che verrà distribuito durante tutto  il periodo della mostra. Curatrice della mostra è Deborah Petroni

Selezionatissimi gli Artisti in mostra, che saranno presentati dal prof. Daverio:

Stefano Brandetti, Clara Brunelli, Karam Sebastiano Cannarella, Silvana Canobbio, Luciano Cantoni, Mina Cappussi, Paola Carosiello, Monica Steliana Cirtita, Simonne Chevalier, Fabio Dall’Olio, Angela De Luca, Liana Degan, Dejavu, Josine Dupont, Michela Farinella, Mauro Fastelli, Stefano Galli, Vito Giarrizzo, Barbara Legnazzi, Francesca Libardoni, Cristiano Licciardello, Loretta Loiacono, Antonio Lucarelli, Gianluca Magnani, Matteo Mancini, Gabriele Marchesi, Angela Marchionni, Silvana Mascioli,  Roberta Massucci, Mauro Mattarelli, Maria Luisa Mezzadra, Daniele Miglietta, Enrico Nicodemo, Aleksandar Petkov, Gene Pompa, Fabio Possanza, Massimo Renzi, Franco Rota Candiani, Andrea Speziali, Marco Travan (Matra), Mauro Trentini, Luana Tuis, Jucci Ugolotti, Anna Vasile, Maurizio Virgili, Andrea Zanchi.

Quelli che segono sono gli Artisti in permanenza presso la Galleria:

Sauro Benassi, Antonia Pia Bianchimani, Mario Esposito, FeoFeo, Lucia Fiaschi, Ruth Helena Fischer, Rubens Fogacci, Enzo Forgione, Gian Luca Galavotti, Francesca Guariso, Filippo Guicciardi, Angela Iannone, Livio Lovisione, Stefano Manzotti, Erika Marchi, Mauro Martin, Riccardo Melotti, Modan, Luisa Modoni, Ronak Moshiri, Ludmilla Radchenko, Marco Randazzo, Aldo Righetti, Marzia Roversi, Maryna  Sakalouskaya, Susanne Seilkopf, Ezio Tambini, Roberto Tomba, Luca Tridente, Ignazio Emilio Ximenes

L’aperitivo per la vernice del 23 gennaio sarà curata da Claudio Cavallotti cuoco della storia.

Per la molisana Mina Cappussi un gran ben risultato, che si aggiunge al successo ottenuto presso il Ministero dei Beni Culturali con un parterre di critici che hanno tracciato un giudizio unanime positivo (Genny Di Bert, Massimo Pasqualone, Maracello Carlino, Dante Fasciolo, Gioia Cativa, Vittorio Sgarbi ecc…), e a tutte le altre proposte e agli eventi in programma come artista-poetessa-scrittrice. Tra questi la partecipazione il 23 aprile all’Expo Internazionale di New York e la mostra in permanenza presso il Museo di Arte Contemporanea di San José in Costa Rica annesso all’Ambasciata Italiana, nonchè l’inserimento tra gli Artisti Contemporanei del Movimento del Metateismo di Davide Foschi nella prossima pubblicazione Mondadori, la partecipazione ai cataloghi dei Poeti D’Azione e la nomina di Madrina della Poesia del Movimento Disarmonico – gruppo trans-nazionale “Folli sognatori del Bello” di Carlo Gentili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *