A Togliatti, in Russia, si parla italiano. All’Istituto di Cultura Italiana, comitato della Dante Alighieri

Cultura

Nasce sul Volga, nella fredda Russia, il nuovo comitato per promuovere l’Italia: l’Istituto di Cultura Italiana della  Regione del Volga ha ricevuto dalla Sede Centrale lo status ufficiale di comitato della Società Dante Alighieri.

(UNMONDODITALIANI – UMDI) Tatiana Burobina si è prodigata a lungo perché l’Istituto di Cultura Italiana della Regione del Volga assumesse lo status di comitato.“Faremo del nostro meglio perché il numero degli amanti della lingua e della cultura italiane aumenti ogni anno nella nostra città e in tutta la Regione del Volga.” Con queste parole la neopresidente del comitato Tatiana Burobina, che da molti anni dirige l’Istituto di Cultura Italiana della Regione del Volga, ha accolto la ratifica ufficiale della sede centrale per la costituzione del nuovo comitato della Società Dante Alighieri a Togliatti, città russa nei pressi del fiume Volga, seconda metropoli dell’Oblast’ di Samara. Con protocollo № 4321, infatti, il Presidente della “Dante”, l’Ambasciatore Bruno Bottai, ha convalidato la costituzione del Comitato a Togliatti e l’elezione del Consiglio direttivo.

La sede di Togliatti si va ad aggiungere ai quattro comitati della “Dante” già esistenti in Russia: a Mosca, a Ekaterinburg, presso l’Universita di Ural, a San Pietroburgo e Rostov-sul-Don.

In una città che, a detta degli abitanti che vengono spesso in Italia, è molto simile per mentalità e cultura alla nostra, ci sarà  quindi un’opportunità in più per avvicinarsi al Bel Paese, che con le sue tradizioni, la sua lingua incanta da sempre i popoli più diversi.

Nel quadro dell’attività del Centro saranno realizzati eventi culturali, musicali, esposizioni, visioni di film, performance degli artisti e naturalmente l’organizzazione di incontri d’affari, la presentazione dei progetti russo-italiani e lo studio della lingua italiana nonché la certificazione. L’attività del Centro può costituire una nuova fase nello sviluppo dei rapporti della Russia con l’Italia nella regione di Samara, anche attirare l’attenzione dell’Italia per la città sul Volga e promuovere il turismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *