I frutti blu e la Conferenza Camminante Molise Noblesse. Trignolata sul Tratturo Pescasseroli Candela con prunus spinosa

di Sabina e Franco Iadarola

A piedi o in bici, a raccogliere i frutti di prunus spinosa, da mettere a macerare mentre si accende il falò. Mercoledì 2 OTTOBRE 2019 alle 15.00, giovani, adulti, bambini si ritroveranno sull’antico cammino per raccogliere i preziosi frutti di Prunus, i cosiddetti trigni, da far macerare per la realizzazione del trignino. Il prof. Nicola Prozzo dell’Università del Molise terrà una Conferenza Camminante sulle proprietà organolettiche del prunus e sugli altri frutti selvatici rinvenibili nel Matese. A sera momento conviviale. Molise Noblesse, un credo, una bandiera, una medaglia apposta sul petto di chi torna ad inorgoglirsi della terra dei Padri Sanniti

(UMDI – UNMONDODITALIANI) Tutti a raccogliere trigni! I frutti di Prunus spinosa sono al centro di uno studio scientifico dell’Istituto Superiore di Sanità, che sta verificando la loro capacità di inibire la proliferazione delle cellule tumorali. In Molise I trigni, (come sono usualmente chiamati i frutti dell’arbusto spontaneo appartenente alla famiglia delle Rosaceae e al genere Prunus), vengono consumati da decenni, raccolti in estate sui rovi, e usati per fare il famoso “Trignolino”, un liquore decisamente speciale, la cui ricetta rimane segreta quasi quanto il noto liquore “Biferno” del cav. Terriaca, che ha portato con sé nella tomba l’esatto mix di erbe matesine con cui lo realizzava. E i trigni sono anche dell’ultimo evento Molise Noblesse, il Movimento per la Grande Bellezza, che, nell’ambito del progetto “Popoli Italici – Samnites Route” diretto da Mina Cappussi ha organizzato “Trignolata sul Tratturo Pescasseroli Candela mercoledì 2 ottobre 2019 alle 15.00. Lungo l’antico cammino, a piedi o in bici, muniti di cesti, adulti e bambini raccoglieranno i preziosi frutti blu, chesaranno poi messi a macerare in alcool per la produzione del distillato liquoroso. L’evento, (progetto grafico Graphic Core di Eliana Cappussi) come al solito gratuito e aperto a tutti, prevede un raduno alle 14.30 in Piazza Giovanni Paolo II – Terre Longhe, presso la sede del quotidiano internazionale Un Mondo d’Italiani a Bojano, o alternativamente alle 15.00 direttamente alla rotatoria della strada interna (ex Di Penta) per San Polo Matese, che ricalca il tratturo e corre parallela alla SS 17.Punto di forza dell’ennesimo appuntamento Molise Noblesse, le arcinote Conferenze Camminanti, ideate da Mina Cappussi. Questa sarà a cura del Prof. Nicola Prozzo, docente dell’Università del Molise, che illustrerà le proprietà organolettiche del prunus e degli altri frutti selvatici rinvenibili nel Matese, quali more, giuggiole, gelsi, bacche di rosa selvatica. La macerazione in alcool sarà fatta dai ragazzi del Servizio Civile Universale progetto Turchese, sotto la guida di Giulio De Camillis e Mario Lucarelli.A sera, lungo il Tratturo, seguendo le orme di antiche genti, si sarà un falò e un ristoro volante a cura di Mario Lucarelli, Tilde e Daniela Manna, Pierpaolo Monaco e Lidia, Antonio Spina, Lucia Iannetta, Centro Studi Agorà e i ragazzi Turchese che nei giorni precedenti hanno acquistato prodotti a chilometro zero da cucinare al momento.

MOLISE NOBLESSE, UN CREDO, UNA BANDIERA

Molise Noblesse – spiega Mina Cappussi, direttore del quotidiano internazionale UMDI Un Mondo d’Italiani e Ceo dell’iniziativa – non è solo il titolo di un progetto, è piuttosto una filosofia di vita, è un principio, una linea di pensiero, una condotta. Un credo, una bandiera, una medaglia apposta sul petto di chi torna ad inorgoglirsi della terra dei Padri Sanniti. Perché Molise Noblesse è diventato oggi un “modo di essere”, un brand, un logo, un marchio, un sito, un riferimento su centinaia di eventi e di appuntamenti organizzati da Centro Studi. Per scalfire il rumore suscitato dal ritornello “Il Molise non esiste” bisognava fare altrettanto, e forse ancora più “rumore”. E noi l’abbiamo fatto, contando sulla forza e la buona volontà dei molisani, intercettando le speranze e i sogni di chi non vorrebbe mai lasciare questa terra, e parallelamente toccando con mano la disperazione di chi è consapevole della mancanza di opportunità per poter restare!” Insomma, non solo il Molise esiste, ma è Nobile. Per tradizioni, per storia, per accoglienza, per i prodotti della terra, per bellezze naturali, per dignità del suo popolo, discendente dei fieri Sabini. Disveliamo il Mito della nobiltà del Molise e di una Emigrazione riscattata da immagini stereotipate e obsolete. Un brand per la promozione del territorio”.

Il Molise – aggiunge – può situarsi a pieno titolo nella rete internazionale della Cultura e dei Viaggi tra Storia, Memorie, Arte e Territori sul filo conduttore della nobiltà di una terra che ha un grande potenziale da sviluppare e lo fa con una serie di iniziative volte a costruire una memoria collettiva del senso dell’appartenenza. A questo si aggiunga l’esperienza totalizzante dell’emigrazione, della nobiltà della nostra emigrazione. I molisani sono riusciti ad esportare oltre i confini regionali l’amore per questa terra poco conosciuta, contribuendo a costruire quell’immagine dell’Italia, patria universale della Cultura, della Bellezza, del Gusto e dell’Eleganza, che è alla base della fortuna economica del Made in Italy. Lo facciamo attraverso ricerche e iniziative volte a valorizzare i personaggi storici e i talenti molisani, e a far conoscere i mille volti della regione, i paesi, le chiese, i castelli, le dimore storiche, i luoghi caratteristici, le tradizioni. Intendiamo costruire una immagine suggestiva della nostra piccola regione. Il Molise esiste ed è Molise Noblesse”

TRIGNO E TRIGNOLINO: ALLEATO DELLA SALUTE

Per quanto riguarda il trigno, i molisani conoscono da generazioni le proprietà benefiche delle sue foglie e dei suoi frutti dal colore blu, tanto da utilizzarli per farci un liquore, il trignolino, o in aggiunta al tabacco della pipa. Ora però, per la prima volta, uno studio scientifico condotto dall'Istituto superiore di sanità (Iss) sta verificando un importante effetto antitumorale. A illustrare le potenzialità della 'pianta molisana' è la ricercatrice Iss Stefania Meschini: ''Il prunus - spiega - è ricco di antiossidanti e si sta studiando la sua capacità di contrastare la capacità di proliferazione delle cellule tumorali. Nella sperimentazione in laboratorio, abbiamo trattato con l'estratto della pianta cellule cancerose di pazienti affetti da cancro a colon, polmone e cervice uterina”.

CHI ORGANIZZA ASSIEME A CENTRO STUDI AGORA’

L’evento è organizzato da Centro Studi Agorà – Un Mondo d’Italiani e Matese Mountain Bike, Università del Molise – Dip. Sc. Umanistiche, in collaborazione con partner regionali, nazionali e internazionali per il progetto MOLISE NOBLESSE: MOVIMENTO PER LA GRANDE BELLEZZA, Patto per lo Sviluppo del Molise. TURISMO è CULTURA: Casa Molise, Ippocrates, Il Pentagramma, Gruppo AWA, Karibu e Integramondo, AITEF Onlus (Associazione Italiana Tutela Emigrati e Famiglie); ASMEF; AICCRE Puglia; Matese Arcobaleno; ADIFORM; Via Micaelica Molisana; Attraverso il Molise; Servizio Civile Universale, Comune di Macchia d’Isernia, Comune di Fornelli; Comune di Campodipietra; Comune di Cerro al Volturno; Comune di Limosano; Molise Avventura, Borghi d’Eccellenza, Corredor Productivo (ARGENTINA); Molise Club Melburne (AUSTRALIA); Società Bagnolese Vancouver (CANADA); Museo Diocesano Bisceglie, Trani, Barletta; Associazione ‘’Il Tratturo’’ Campodipietra; Pro Loco Cerrese 1982.

01 / 10 / 2019


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-de-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10