Tour de France, impresa di Ciccone: secondo posto e maglia gialla

di Andrea De Marco -

Nell'arrivo terribile di La Planche des Belles Filles, l'abruzzese, che in passato ha anche subito due interventi al cuore, si arrende al belga Teuns, ma per una manciata di secondi spodesta dalla vetta Alaphilippe. Perde terreno Nibali

(UMDI-UNMONDODITALIANI) Era la quarta volta che il Tour de France arrivava a La Planche des Belles Filles. Nei due precedenti, colui che al termine di questa salita brutale (copyright Richie Porte) ha indossato la maglia gialla (Wiggins nel 2012, Nibali 2014) ha poi finito per portarla anche a Parigi. Probabilmente Giulio Ciccone interromperà la tradizione, ma per il 24enne abruzzese questo è l’ultimo dei pensieri. Nel primo arrivo in salita, spartiacque tra chi ha ambizioni di vittoria e chi è destinato ad un ruolo di comprimario, Ciccone fa l’impresa della vita. Vero, lo scorso maggio aveva vinto la tappa del Mortirolo al Giro in un giorno da tregenda, ma la maglia gialla al Tour de France è tanta roba. Il coronamento di una rinascita per un ragazzo che è stato operato due volte ad un cuore che gli dava contunui problemi di tachicardia. Ciccone non vince la tappa, perché l’altro sopravvissuto della fuga di giornata, Dylan Teuns, riesce a raschiare dal barile delle emozioni quelle poche stille di energia in più per spuntarla. "E' stato ancora più bello. A un certo punto pensavo solo alla tappa. Non sono riuscito a vincerla, ero arrabbiato dopo l'arrivo. Faccio fatica a crederci, è una soddisfazione grandissima: il sogno che avevo fin da bambino", spiega quasi divertito il nuovo leader.

La tappa

Dietro, per quelli che in giallo a Parigi potrebbero arrivarci, non ci sono verdetti eclatanti, ma corpose indicazioni. Ad esempio Geraint Thomas mostra una brillantezza fin qui nascosta, Thibaut Pinot legittima le aspirazioni della Francia intera per tornare a vincere il Tour dopo 34 anni, Bernal c’è anche se ci si poteva aspettare un tocco di freschezza in più, Landa, Quintana, Fuglsang sono lì. Da lodareanche la splendida arrampicata di Alaphilippe, che cede la maglia ma dà ragione a quanti lo vorrebbero -lui che è un cacciatore di classiche - concentrato anche sulle corse a tappe, un po' sul modello di Laurent Jalabert. Dovendo trovare uno sconfitto –ma non per ko –, siamo costretti a indicare Vincenzo Nibali, che si pianta sullo sterrato e paga una cinquantina di secondi a Thomas. Tornando all’ascesa verso La Planche des Belles Filles, rispetto ai primi tre assalti è stato aggiunto un tratto in più: oltre un km sullo sterrato, nel dettaglio più polvere che pietre. Roba da Dna degli organizzatori del Tour: rendere le cose più affascinanti e complicate. Uno del Gpm infatti è il Ballon d’Alsace, che dopo due anni di percorsi pianeggianti -si fa per dire viste le strade dell’epoca- fu la prima montagna inserita nel programma dell’edizione 1905. La fuga va via, miccia accesa dall’eritreo Behrame. Davanti sono in 14. Tra i big l’unico che autorizza un fido in avanscoperta è Nibali (la Bahrain ha davanti proprio Teuns). Ci sono velocisti che si avvantaggiano in attesa della tempesta: il nostro Pasqualon, il tedescone Greipel, lo stesso Nils Politt. E poi c’è gente che, se azzecca la fuga giusta, non sai mai come va a finire. Specialisti dell’attacco come De Gendt e Wellens e ovviamente Ciccone. L’abruzzese ha in ritardo in classifica di circa un minuto e 43’’. Considerando che l’azione arriva anche ad un margine di sette minuti e mezzo, si gode per parecchio tempo la gialla virtuale, non sa ancora… Lui e De Gendt provano a fare da soli sul Grand Ballon, poi rientrano dei ranghi. Sul Col des Chevréres, momento topico della gara, De Gendt va da solo. Torna utile a Ciccone la scelta della Trek, che con lui aveva mandato in avanscoperta Julien Bernard (figlio di Jeff, ex maglia gialla ma anche promessa non rispettata del ciclismo francese). Gran tirata, battistrada ripreso e staccato. Ai piedi dell’ultima salita è partita a 4: Ciccone, Teuns, Wellens e Meurisse. Il neo del quartetto è forse un eccessivo controllo, mentre dietro il campione del mondo Valverde si mette al servizio di Landa e Quintana. E’ il primo a scattare, in maniera secca, un po’ sullo stile di quanto fatto in un Giro d’Italia condizionato dalla partenza mediocre è proprio Landa. Ma è una salita perfida, non concede il benché minimo margine di errore. Davanti intanto Ciccone e Teuns monopolizzano: sembra un match di boxe tra due pugili allo stremo. Vince Teuns, ma vince anche Ciccone: il suo cuore un po’ matto viene riscaldato dalla maglia gialla.

12 / 07 / 2019

Ultimi aggiornamenti


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-de-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10