Sarcopenia: prevenirla, si può

di Romina Nocera -

Gran parte di chi soffre di cancro, soffre anche di sarcopenia, cioè della perdita di massa muscolare che causa fatica, debolezza, astenia. E provoca ricadute anche sull'umore. Uno studio, condotto su pazienti con tumore avanzato e pubblicato su The Oncologist, ha dimostrato che la sarcopenia si associa a alla depressione

(UMDI-UNMONDODITALIANI) - La sarcopenia è la perdita di massa muscolare associata alla riduzione di forza muscolare e di performance fisica, spiega Emanuela Turcato, responsabile della Unità Operativa Complessa di Geriatria dell’ospedale Sacro Cuore Don Calabria Di Negrar, Verona. Viene definito fenomeno fisiologico dell’invecchiamento: con il passare degli anni si verificano modificazioni della composizione corporea che comportano un impoverimento del tessuto muscolare, che diventa sempre più ricco in tessuto adiposo e fibroso, a scapito delle fibre muscolari. Questa condizione può realizzarsi già dopo i 40-50 anni, aggravandosi col passare del tempo e viene accentuata dalle patologie infiammatorie croniche. C’è poi una forma particolare di sarcopenia, che è legata al cancro. Tipica del paziente oncologico, anche giovane, può manifestarsi soprattutto se la malattia è a carico del tratto digerente (esofago, stomaco, pancreas) e del distretto testa-collo. In questi pazienti, infatti, il calo del peso è dovuto sia a disturbi digestivi che a sintomi che condizionano l’alimentazione. Spesso questi malati arrivano alla diagnosi proprio perché hanno perso peso, sono affaticati e cercano la causa di questo deperimento repentino. Più dell’80% dei pazienti con tumore del pancreas o dello stomaco, in effetti, riporta un calo ponderale significativo alla diagnosi. Nel carcinoma del colon, nelle neoplasie dell’esofago e in quelle del distretto testa-collo, l'incidenza della sarcopenia è del 50-60%. La situazione si aggrava con l’avanzare dello stato di malattia e a questo bisogna aggiungere che chi ha un tumore spesso ha poco appetito, si nutre meno, anche per gli effetti collaterali delle chemioterapie. E si muove di meno per lo stile di vita al quale il cancro e le cure, almeno in alcuni casi, costringono. Contrastare questo processo che nel cancro sembra inevitabile si può, mantenendo un adeguato stato nutrizionale e favorendo l’incremento degli introiti proteici e calorici. È quindi importante assumere ogni giorno un’adeguata quantità di proteine e soprattutto proteine ricche di aminoacidi essenziali. Essendo noto che la dieta vegetariana e soprattutto vegana è più sana e difende l'organismo da molti tumori e diverse patologie cardiocircolatorie, sono da preferire le proteine vegetali. Molto importante è anche un regolare e moderato esercizio fisico.

Importanza delle valutazioni nutrizionali

È quindi necessaria una valutazione nutrizionale fin dal momento della diagnosi e per tutta la durata delle terapie, al follow up oncologico, rimediando attraverso un counseling personalizzato per i pazienti a rischio. Se il paziente ha perso peso e ha difficoltà ad alimentarsi, può ricorrere agli integratori orali, per esempio miscele di aminoacidi essenziali, o a un supporto nutrizionale artificiale che va intrapreso in base non solo allo stato clinico, ma anche ai trattamenti previsti. Non bisogna tuttavia farsi ingannare dal sovrappeso o dall’obesità. Anche i soggetti in sovrappeso o obesi vanno strettamente seguiti, perché potrebbero verificarsi casi di cali di peso repentini, che implicano sempre una perdita di massa muscolare dannosa. Fondamentale inoltre l’esercizio fisico.

12 / 01 / 2018

Ultimi aggiornamenti


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: già Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo - Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. - Tutor: Annarita Guidi. -

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10.