Rifiuti e pale eoliche al Parco Nazionale del Matese: impegno del ministro Costa. Brave le Mamme Sannite!

di Mina Cappussi e Sabina Iadarola -Mina Cappussi e Giulio Golia de Le Iene popolare programma tv su Italia 1

ministro all'Ambiente, CostaLe Mamme Sannite, il Comitato di Sassinoro, la nutrita delegazione giunta dal Sannio e dal Molise, è riuscita a far assumere l’impegno al Ministro di visitare il sito, di far avviare un’istruttoria su ciò che sta accadendo e di verificare i rischi di impatto e inquinamento che può snaturare, vanificare o compromettere il Parco Nazionale del Matese e le molteplici risorse culturali, storiche, paesaggistiche, produttive, archeologiche. Il 4 dicembre l’incontro al Ministero dell’Ambiente, con il sottosegretario Micillo.

(UMDI – UNMONDODITALIANI) Impianti inquinanti e pericolosi per il trattamento dei rifiuti e pale eoliche in un’area di struggente, selvaggia bellezza, quale è il Parco del Matese. La politica schizofrenica del massimo rendimento non solo non vede la bellezza, ma non si rende nemmeno conto che quella bellezza produce reddito, oltre a garantire il benessere psichico delle popolazioni che ne godono. Meno male che ci sono i cittadini, le associazioni, i comitati, le reti di persone di buona volontà! Sono loro, spesso, a sostituirsi ad una politica miope, interessata a fare interessi personali a discapito della salute, distruggendo il territorio! E così una folta e combattiva delegazione della Rete dei Comitati e delle Associazioni di Campania e Molise il 24 novembre ha raggiunto la città di Scafati ed è riuscita, anche se in modo irrituale, a interloquire con il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, sollevando la questione dell’impatto che si sta generando nell’area interessata dal Parco Nazionale del Matese e nella Valle del Tammaro, a confine tra le due regioni, per via di autorizzazioni rilasciate dalla Regione Campania per impianti eolici e impianti di rifiuti.

Laddove la politica è miope, dicevamo, intervengono i cittadini. Le Mamme Sannite, il Comitato di Sassinoro, diversi esponenti sindacali e la nutrita delegazione giunta dal Sannio e dal Molise, è riuscita a far assumere l’impegno al Ministro di visitare il sito, di far avviare un’istruttoria su ciò che sta accadendo e di verificare i rischi di incidenza, impatto e potenziale inquinamento che può snaturare, vanificare o compromettere il Parco Nazionale del Matese e le molteplici risorse culturali, storiche, paesaggistiche, produttive, archeologiche e di altro genere presenti sul territorio. Ciò avverrà ad iniziare dall’incontro previsto per il 4 dicembre prossimo al Ministero dell’Ambiente, con il sottosegretario Micillo, cui parteciperanno rappresentanti del Comitato e rappresentati istituzionali del territorio.

La Rete dei Comitati di Campania e Molise e il suo coordinatore, Michele Petraroia, con il rappresentante del versante Campano, Davide Iannelli, esprimono grande apprezzamento al coraggio e alla determinazione mostrata dalla delegazione sannita a Scafati che, seppur in modo irrituale, è riuscita a distanza di otto mesi dall’avvio del presidio permanente di Sassinoro a porre il problema direttamente al Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ed auspica che la Regione Molise e le Province di Campobasso e Benevento che hanno adottato, insieme a decine di Amministrazioni Comunali, delibere di contrarietà alla realizzazione di impianti impattanti in quella parte di territorio, possano insieme ai parlamentari assumere le decisioni conseguenti a tutela del Matese e del suo sviluppo ecosostenibile. Il Molise, d'altronde, ha dato prova di tenacia e determinazione quando si è trattato di scalzare iniziative dannose, come quando più volte si era pensato di ubicare impianti di trattamento rifiuti nella piana di Campochiaro e la popolazione di Bojano è insorta con un presidio permanente. Oggi esiste Molise Noblesse, il Movimento per la Grande Bellezza di una piccola regione, che lavora sul fronte della Cultura, affinchè i giovani molisani si riapproprino dell'orgoglio della terra sannita. A tal proposito ci piace riportare i versi "Rifiuti Tossici" che racconta proprio una vicenda terribile che ha cercato di intaccare la Bellezza e la selvaggia fierezza del Molise. Buon Movimento per la Grande Bellezza a tutti!

27 / 11 / 2018

Ultimi aggiornamenti


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10