Perdonare gli altri per perdonare sé stessi? Emozioni al dibattito dedicato a 50 Sfumature di Rosso al Cineforum UMDI di Bojano

di Grazia De Gregorio

Perdono, genitori, soldi collegati alla felicità e alla realizzazione: i ragazzi Turchese hanno affrontato una discussione sui temi del film 50 Sfumature di Rosso

(UMDI - UNMONDODITALIANI) Perdono: atto di umanità e generosità che induce all'annullamento di qualsiasi desiderio di vendetta, di rivalsa, di punizione”. Così definita, la parola che inizia per “P” a quanto pare è stata il fulcro del penultimo dibattito dei ragazzi turchese. Svoltosi martedì 4 febbraio nella sede della redazione di Un Mondo d’Italiani, a Bojano, l'usuale dibattito punto cardine dei Cineforum UMDI, si è articolato e snodato sui temi del film 50 Sfumature di Rosso, ultimo capitolo della trilogia nata dalla penna di Erika James, poi diventata film. Molto più sentimentale come pellicola del tris cinematografico, Fifthy Shades Freed, con il colore rosso che predomina, e il matrimonio tra Anastasia e Christian, è entrato in punta di piedi nel mese dell’amore per eccellenza, a dieci giorni da San Valentino. Scelta casuale o un romantico scherzo del destino? Non si sa, ma la storia tra Christian e Ana, con quella sfumatura thriller tra antagonisti e un nuovo arrivo, è stata in grado di smuovere le emozioni dei partecipanti e, inaspettatamente, far fare una deviazione al tema sessuale e perverso, per aprire una finestra sul mondo del perdono. Ma i Cineforum UMDI, d’altronde, nascono dalla voglia di far conoscere il mondo del cinema e non solo, prendendo spunto da film di forte impatto emotivo e culturale, mai scontati, e in grado di smuovere le menti. Si riesce così a far partire riflessioni sulla realtà che ci circonda. Ed è proprio quello che è successo a seguito a 50 Sfumature di Rosso, che è stato in grado di far emergere le emozioni dei partecipanti.

IL DIBATTITO

Le argomentazioni trattate dal film sono state oggetto di discussione. Come consuetudine, riuniti in cerchio, i partecipanti hanno dato libero sfogo alle proprie opinioni a riguardo, che hanno portato ad uno scambio di idee e punti di vista tra i ragazzi Turchese. Moderati da Mina Cappussi, e dai presentatori Grazia De Gregorio e Paolo Monaco, si è dato inizio al dibattito vero e proprio, partendo dalla domanda: “Cosa vi ha lasciato questa storia d’amore?”. Qui alcune testimonianze:

GIANLUIGI

“Ciò che ho percepito, è il senso di onnipotenza che danno i soldi… Non sto dicendo che fanno la felicità, ma sicuramente contribuiscono ad essa. Christian aveva tutto, aveva Ana. Ha soldi e amore, e poi anche un figlio. Inoltre, mi ha emozionato il panorama che si vedeva da una delle case che lui aveva comprato per Anastasia…”

SAMUELE

“Il terzo capitolo è quello che mi rimarrà più impresso, soprattutto la parte finale, quando Christian riesce a perdonare la madre biologica e il ‘male’ che gli aveva fatto. Si è liberato dei suoi demoni”

PAOLO

“L’epilogo di 50 Sfumature mi ha colpito in modo positivo… E in un certo senso mi sono immedesimato nei personaggi, soprattutto in alcune scene più tese, thriller. Le ho vissute di pancia!”

GIUSEPPE

“Una domanda che è stata fatta a Christian mi sta ronzando nella mente: ‘Cosa pensi avresti fatto, se avessi vissuto un’altra vita?’. Credo che questa domanda spesso ce la siamo posta, io in primis, ed è un importante spunto di riflessione a mio parere…”

GRAZIA

“Contritamente a tutti, mi sento annoiata, molte scene sono caricature della realtà, la storia è assurda in questo epilogo…”

FRANCESCO CICCONE

“Mi sono sentito toccato dalla questione del perdono della propria madre, dopo anni, dopo gli errori che ha commesso… Perdonare non è mai facile, soprattutto un genitore, il cui comportamento ha o potrebbe influenzare il futuro del figlio. Però un atto del genere lo si deve fare prima per sé stessi, poi per gli altri.”

10 / 02 / 2020


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE QUOTIDIANO DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-De-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer.-Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Leonora Faccio, Monica Corda, Maurizio Barba.

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", che raccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale online degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professioni del web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonimo UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e su SKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina. La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica online con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10