Monongah – Marcinelle Americana, memoria triste dell’Emigrazione Italiana al Cineforum UMDI di Bojano

di Grazia De Gregorio

Conoscere, per ricordare, affinché tragedie simili non rimangano nell’oblio. I ragazzi turchese affronteranno un dibattito sui temi del docu-film “Monongah – Marcinelle Americana”, il disastro minerario nella Virginia Occidentale che rappresenta la più grave sciagura mineraria dell'emigrazione italiana. Appuntamento martedì 3 dicembre, ore 17:00, piazza Giovanni Paolo II, località Terre Longhe, Bojano. L’evento rientra nell’ambito del progetto Molise Noblesse, Movimento per la Grande Bellezza

(UMDI UNMONDODITALIANI) I Cineforum UMDI hanno la particolarità di rinnovarsi ogni mese, sempre con temi differenti e in grado di scuotere coscienze ed emozioni dei partecipanti… E ogni tanto fanno cambi di programma, escono “fuori dai binari”, e propongono dibattiti importanti, a volte non facili, ma necessari. Il 6 dicembre sarà una giornata dedicata alla memoria delle centinaia di vittime molisane, decedute 112 anni fa nel disastro di Monongah (USA), e i ragazzi turchese affronteranno un dibattito sui temi del docu-film Monongah – Marcinelle Americana. Il disastro minerario nella Virginia Occidentale rappresenta la più grave sciagura mineraria dell'emigrazione italiana. La pellicola narra le vicende dei componenti della famiglia abruzzese dei Basile che, come milioni di connazionali, partirono dall'Italia fra il 1891 e il 1910 alla volta degli Stati Uniti, attratti dalla speranza di una vita migliore. Nell'incidente minerario persero la vita forse 950 minatori, in maggioranza emigrati italiani: mai è stato accertato il numero delle vittime poiché i lavoratori non erano registrati dall'impresa. Il luttuoso evento è il disastro più cruento nella storia dei minatori italiani emigrati. Il film, prodotto dalla Federazione Italiana Lavoratori Emigranti e Famiglie, con il contributo del consiglio regionale per l'emigrazione e l'immigrazione d'Abruzzo, ha attinto immagini storiche fornite dal Museo dell'Immigrazione di Ellis Island di New York, e da materiale fornito dal Museo dell'emigrazione italiana di Gualdo Tadino, dall'Istituto storico Ferruccio Parri di Bologna e dal museo etnografico di Bomba. A completare il dibattito UMDI, una proiezione speciale: Monongah - Cent'anni di Oblio, a cura dell'Associazione Monongah. L’evento è organizzato da Centro Studi Agorà – quotidiano internazionale Un Mondo d’Italiani, Filitalia International, Casa Molise, Servizio Civile Universale, Ippocrates, Comune di Bojano, Associazione Monongah; in collaborazione con partner regionali, nazionali e internazionali per il progetto MOLISE NOBLESSE, MOVIMENTO PER LA GRANDE BELLEZZA, Patto per lo Sviluppo del Molise, TURISMO è CULTURA: Il Pentagramma, Gruppo AWA, Karibu e Integramondo, AITEF Onlus (Associazione Italiana Tutela Emigrati e Famiglie); Matese Mountain Bike, ASMEF; AICCRE Puglia; Matese Arcobaleno; ADIFORM; Via Micaelica Molisana; Attraverso il Molise; Comune di Macchia d’Isernia, Comune di Fornelli; Comune di Campodipietra; Comune di Cerro al Volturno; Comune di Limosano; Molise Avventura, Borghi d’Eccellenza, Corredor Productivo (ARGENTINA); Molise Club Melburne (AUSTRALIA); Società Bagnolese Vancouver (CANADA); Museo Diocesano Bisceglie, Trani, Barletta; Associazione ‘’Il Tratturo’’ Campodipietra; Pro Loco Cerrese 1982. Appuntamento martedì 3 dicembre, alle ore 17:00, piazza Giovanni Paolo II, località Terre Longhe, Bojano. Presentano il dibattito Grazia De Gregorio e Gianluigi Monaco. Segreteria organizzativa: Ilenia PERRELLA, press office: Sabina IADAROLA, Grazia DE GREGORIO, social Web Manager: Andrea DE MARCO, Franco IADAROLA, grafica: Francesco CICCONE.

IL DISASTRO DI MONONGAH

Il disastro di Monongah, avvenuto il 6 dicembre 1907 nella miniera di Monongah, nella Virginia Occidentale, è il più grave disastro minerario della storia degli Stati Uniti d'America. L'incidente rappresenta anche la più grave sciagura mineraria dell'emigrazione italiana: morì circa un terzo dei tremila abitanti di Monongah. Alle ore 10.30 del mattino di venerdì 6 dicembre 1907 nella miniera di carbone della Fairmont Coal Company, di proprietà della Consolidated Coal Mine of Baltimore, si verificò una terrificante esplosione. L'incidente coinvolse le gallerie numero 6 e 8 della miniera. Nei pressi della galleria 8 tutti gli edifici furono completamente distrutti e i suoi tre ingressi furono ostruiti dai detriti. L'enorme ventilatore situato vicino all'entrata della miniera fu strappato e al posto del locale di aerazione non rimase altro che un cumulo di mattoni e metallo accartocciato. Un'ampia e densa nube di fumo acre e polvere fuoriuscì dalla miniera e ricoprì con una spessa coltre le acque del fiume.

LE VITTIME

Le 171 vittime ufficiali italiane erano immigrati da località molisane. Tra i paesi più colpiti i molisani Frosolone (20 vittime), Duronia (36 vittime), Roccamandolfi, Bagnoli del Trigno, Torella del Sannio (12 vittime), Vastogirardi. Il numero dei caduti italiani fa della tragedia mineraria di Monongah una delle più gravi - se non la più grave - mai abbattutesi sulla comunità italiana: nel pur tristemente assai più noto disastro di Marcinelle perirono 262 vittime, 136 delle quali italiane.

02 / 12 / 2019


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-de-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10