Molise fantastico chiude il 2018 con Geo su Rai Tre. Grazie Maurizio Varriano!

di Mina Cappussi -

Torneremo in queste valli per far conoscere al mondo l’aspra bellezza del Molise. 23 minuti nella regione in cui è stato fondato il Movimento per la Grande Bellezza e dove è nata l’avanguardia artistica e-MOVO Mirror Art. Il Caciocavallo impiccato di Frosolone, Campitello di Roccamandolfi, ciaspolate, sci, alpinismo e cavalli, il pane di Macchiagodena, una passeggiata in motoslitta per arrivare in un bosco fantastico che apre le “porte“ ad uno scenario da fiaba come solo il Molise più vero riesce a proporre. Immagini ed un racconto dal sapore antico girate da Roberto Amodio, Stefano Barbieri con la regia di Riccardo Barbieri e le musiche di Claudio Luongo. Un Molise che incanta con le sue bellezze, le sue prelibatezze, le sue unicità. Il profumo del pane De Cesare ha letteralmente inebriato le telecamere, l’artigianato di Frosolone, i piatti prelibati del rifugio, accompagnati dal vino simbolo del Molise, la Tintilia.

(UMDI – UNMONDODITALIANI) “Il Molise è uno scrigno inestimabile di tesori, torneremo in queste valli per far conoscere al mondo l’aspra bellezza del Matese”. La voce narrante profonda, sensuale, ma distaccata al contempo, le immagini stupende, i tempi lunghi come si conviene ad una regione che ha fatto dello slow food e slow living il suo cavallo di battaglia: la puntata di Geo su Rai Tre l’ultimo giorno del 2018 ha calamitato consensi a non finire, e non solo tra i molisani in Molise, a Roma, all’estero, anche tra tantissimi italiani desiderosi di conoscere il territorio dei Sanniti Pentri, quelli delle famose “Guerre Sannitiche” contro Roma. Chi scrive sapeva della puntata, anticipata con dovizia di particolari da Maurizio Varriano, ma è stata una molisana a Roma, originaria di Agnone, a mandare un messaggio per invitare a guardare la puntata. E così il documentario Rai sul Molise ha fatto il giro del mondo a suggellare quel Molise Noblesse, Movimento per la Grande Bellezza, partito dal Matese per intercettare il bello dell’Italia

“23 minuti di pura bellezza” aveva scritto il coordinatore nazionale di Borghi d’Eccellenza, Maurizio Varriano in un comunicato stampa, ed effettivamente proprio di questo si è trattato. “Promessa rispettata – aggiunge Varriano - il 2018 si chiude con Geo. La notissima trasmissione di Rai Tre condotta da Sveva Sagramola, vince in ascolti, diventa la trasmissione del pomeriggio più seguita in assoluto, ed il 2018 punta ancora sul Molise. Il 31 dicembre su Geo Rai Tre, ancora una puntata senza eguali sul Molise: Macchiagodena con il latte, il pane, la polenta cucinata a Campitello Matese in una suggestiva baita ad oltre 1200 metri di altezza ed innevata all’inverosimile; il Caciocavallo di Frosolone, che nella splendida location del pianoro di Campitello di Roccamandolfi con ciaspolate, sci, alpinismo e cavalli, diventa impiccato e da companatico ad un eccellente pan cotto, preparato proprio con il pane di Macchiagodena; una passeggiata in motoslitta per arrivare in un bosco fantastico che apre le “porte“ ad uno scenario da fiaba come solo il Molise più vero riesce a proporre. Immagini ed un racconto dal sapore antico girate da Roberto Amodio, Stefano Barbieri con la regia di Riccardo Barbieri e le musiche di Claudio Luongo. Un Molise che incanta con le sue bellezze, le sue prelibatezze, le sue unicità. Il profumo del pane De Cesare ha letteralmente inebriato le telecamere, l’artigianato di Frosolone che ha permesso la realizzazione del paiolo per la polenta, gli amici Remo Muccilli, Vitalino Scasserra, Tonino Masucci, Michele Carnevale, Antonello Martelli, Victor Rizzi, i ciaspolatori e lo staff del rifugio, Luigi Del Riccio, Kimberly Baccaro, Zaira Gianfrancesco, Sebastiano Pinelli, Pio Liberatore, Pietro Ricciardone, Pierpaolo Iannitelli, Giuseppe Scasserra, Pierluigi D’Angelo, Ivan Di Marco, instancabili e presenti in ogni occasione, i piatti prelibati del rifugio, accompagnati dal vino simbolo del Molise, la Tintilia, ha stupito per bellezza e completezza di paesaggio. E, grazie a Molise Extreme Team e a DGA Funivie di Gino De Gregorio, abbiamo potuto arrivare, non con poche difficoltà vista l’eccezionale nevicata, nel pianoro più bello e significativo del Matese, la Gallinola con la sua Baita ed il suo personale dal sapore tradizionale ed ospitale, per poter assaporare la polenta più buona del Mondo preparata da Felice e dal suo staff dei polentari. Una puntata all’insegna del bello, di un Molise visto con gli occhi di un visitatore che, nelle vesti del regista Riccardo Barbieri, vince la lotta contro lo stereotipo che la vuole relegata, come regione senza vita e senza una vera anima; quel Molise che non esiste ma, una volta che lo si visita, rimane indelebile nelle menti e nei cuori”.

BORGHI D’ECCELLENZA: IMPRESA IN SOLITARIA CHE COINVOLGE L’ITALIA

Un documentario, che dopo il successo del 5 dicembre con le immagini di Termoli, Bojano, Matrice, Petacciato, che ha tenuti seduti per oltre 20 minuti, circa 2.000.000 di spettatori in diretta , 900.000 in streaming, 750.000 in differita ed oltre 30.000 nella visione del promo, promette di bissare tale successo e ripetere il valore superlativo della regione Molise anche grazie allo stesso Barbieri che ha voluto inserire professionisti molisani quali il maestro Claudio Luongo con le sue musiche e Maurizio Varriano coordinatore dei Borghi d’Eccellenza. Una sinergia che ha reso i documentari sempre più moderni e sempre più di qualità eccelsa tanto da meritarsi il primato in termini di ascolto. Su Maurizio Varriano vale la pena fare una piccola digressione. Il coordinatore nazionale di Borghi d’Eccellenza da anni porta avanti un discorso di promozione delle eccellenze. Il Molise gli deve molto per questa inaspettata popolarità sui canali televisivi nazionali.

MOLISE NOBLESSE: IL MOVIMENTO PER LA GRANDE BELLEZZA

Non a caso tale popolarità nasce a ridosso della creazione di Molise Noblesse, il Movimento per la Grande Bellezza che parallelamente sostiene la forza di un’avanguardia artistica, l’e-MOVO Mirr or Art, pure nato a Bojano. Un Movimento noto alla gente comune che segue l’appassionata e ricca programmazione di eventi, attività, corsi, incontri, seminari, convegni, mostre, tavole rotonde e il Molise Award in the World, ma ignorato sistematicamente dalla politica. Nonostante le promesse di finanziamento della Regione Molise, infatti, il Movimento non ha ancora ricevuto neppure un centesimo dagli assessorati regionali di competenza, né dalla Cultura, né dal Turismo, né dallo Sport e né tantomeno dal Sociale.

SERVE UNA FILM COMMISSION

Il Molise che vive di gravi defezioni politiche in termini turistico culturali, - continua Varriano - che non riesce ad esprimere il suo potenziale, per via di una politica che negli ultimi anni non è stata in grado di gestirlo, sembra oggi votato ad uno scatto di reni, grazie anche ad un nuovo passo interpretativo da parte dei vari soggetti che mirano ad essere partecipi e, finalmente, più solidali, alla costruzione di una rete. L’imminente perimetrazione del Parco del Matese, presto sulle reti Rai, con una puntata di Linea Bianca che si spingerà sino a Capracotta, neve permettendo, dovrebbe essere girata dal 15 al 17 o 18 gennaio, grazie alla troupe Rai capeggiata da Massimiliano Orsini e Lino Zani, consentirebbe, in mancanza di un referente istituzionale e di una collaborazione vera, un ulteriore passo verso una strategia di promozione turistica e culturale, mai attuata e mai pensata in questi termini. Insomma, il Molise sarà al centro di un progetto che mai ha visto accendere i riflettori così in maniera massiccia su una regione che non ha istituito una film commission, e per la quale a breve, grazie alla collaborazione con il sindaco di Conca Casale, Luciano Bucci, la Film Commission Lazio, la Commission Sulmonese e a Molise Cinema, vedrà la nascita, proprio a Conca Casale, di un comitato per la creazione della Film Commission Molise-Campania. Ci si attende quella coralità che sino ad ora è stata assolutamente assente. Solo in questo modo il Molise potrà tornare ad essere la Terra dei Sanniti, con quella sua unicità di respiro internazionale che non dovrà temere più la concorrenza accecante delle altre realtà Italiane.

01 / 01 / 2019


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10