Marcinelle 63 anni dopo. Il ricordo ancora vivo degli emigrati italiani morti nella tragedia

di Kaory Ruggeri -

Nella tragedia di Marcinelle, 63 anni fa morivano 136 emigranti italiani in una miniera belga. Simbolo che, anche oggi, la crisi spinge i giovani italiani a lasciare il proprio paese per opportunità di lavoro e per una vita migliore

(UMDI UNMONDODITALIANI) 63esimo anniversario di una tragedia lontana nel tempo che però non ha stinto il dolore delle famiglie che persero i loro cari in quelle orribili circostanze; dolore tramandato di generazione in generazione. 60 minatori abruzzesi e 7 molisani persero la vita a Marcinelle l’8 agosto del 1956, poco meno della metà dei 136 emigranti italiani che rimasero sepolti nel pozzo di Bois du Cazier da cui non uscirono più262 vittime. Si trattò di un incendio, causato dalla combustione d'olio ad alta pressione innescata da una scintilla elettrica innescata dall'urto del montacarichi che, avviato al momento sbagliato dai minatori, urtò contro una trave d'acciaio, tranciando un cavo dell'alta tensione. L'incendio, sviluppatosi inizialmente nel condotto d'entrata d'aria principale riempì di fumo tutto l'impianto sotterraneo. Fu una delle più cruente stragi sul lavoro della storia europea più recente. In ricordo della tragedia, oggi la miniera Bois du Cazier è patrimonio Unesco. Per il Molise una sofferenza che si rinnovava nelle medesime modalità a 49 anni di distanza dallo scoppio della miniera di Monongah in West Virginia del 6 dicembre 1907 dove su 360 morti se ne contarono 171 italiani e tra questi 87 molisani. La storia replicava il dolore delle famiglie, l’assenza di adeguate misure di sicurezza e la latitanza dello Stato Italiano che il 23 giugno 1946 aveva firmato l’Accordo Uomo–Carbone con il Belgio impegnandosi ad inviare operai e contadini, in gran parte del Sud, in cambio della fornitura di carbone che serviva prioritariamente allo sviluppo industriale del Centro–Nord. Ricordare questa pagina triste del Molise è un dovere morale perché si onori la memoria di quelle vittime e perché le classi dirigenti della nostra terra non si esaltino troppo nella rievocazione di quella borghesia parassitaria che perpetuava e perpetua i propri privilegi con scarso interesse per le fasce sociali meno abbienti. Le commemorazioni di Marcinelle che, avvengono ogni anno, rischiano di apparire come un rito obsoleto di un mondo che ormai non c'è più: minatori, operai, manovali spesso analfabeti che, si recavano all'estero per guadagnarsi il pane lasciando le proprie famiglie. Questo disastro rappresenta ieri, come oggi, il simbolo del bisogno che milioni di italiani hanno di partire, per cercare una vita migliore e nuove opportunità di lavoro. Oggi, la crisi ha aperto una nuova era di emigrazioni dei giovani italiani e, il simbolo di Marcinelle ci invita a non abbassare la guardia sulla tutela dei diritti dei lavoratori migranti.

19 / 09 / 2019


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-de-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10