Macachi accecati in nome della pseudo scienza degli interessi. Le associazioni animaliste scendono in piazza

di Grazia De Gregorio

Nati per essere cavie. 6 macachi saranno oggetto di studio di una nuova ricerca dell’Università di Torino, e verranno accecati in nome della scienza. Il progetto Lightup del professor Tamietto fa infuriare gli animalisti, che scenderanno in piazza per manifestare contro la sperimentazione animale e il crudele test quinquennale

(UMDI UNMONDODITALIANI) Cosa c’è di etico in un progetto che prevede l’utilizzo di primati fino alla morte? L’Università di Torino, in collaborazione con l’ateneo di Parma, è responsabile di una nuova sperimentazione durante la quale 6 macachi verranno operati e resi ciechi per studi su deficit visivi nell’essere umano. Esperimenti-tortura sulle scimmie, il cui unico obiettivo è quello di ricreare un “modello animale” per lo studio delle persone affette da blindsight, ovvero visione cieca, fenomeno per il quale si perde la vista a causa di un danno celebrale e non per problemi legati all’occhio. “L’Università di Torino ha ricevuto il finanziamento di oltre 2 milioni di euro da fondi pubblici per la sperimentazione - denuncia Lav, la Lega anti vivisezionee l’autorizzazione dal Ministero della Salute per procedere a una ricerca invasiva su primati non umani, dalle conseguenze irreversibili. Gli esperimenti – conclude l’associazione animalista italiana – comportano la lesione della corteccia visiva attuata presso lo stabulario dell’Università di Parma. Il ricorso in parallelo a persone fa decadere ogni giustificazione addotta al ricorso a scimmie”. In questo esperimento-tortura saranno coinvolti da 4 a 6 macachi, nati per essere, a loro insaputa, cavie. L’esperimento prevede che siano resi ciechi clinicamente (tramite un intervento al cervello), addestrati e usati per cinque anni. Poi saranno eutanizzati, ovvero uccisi. I macachi verranno prima sottoposti a un training durante il quale, quasi ogni giorno, per ore, verranno immobilizzati su delle sedie e costretti a riconoscere delle immagini. Dopo questa fase verranno resi ciechi. L’intervento al cervello, molto invasivo e doloroso, si svolgerà in autunno e l’intera sperimentazione durerà 5 anni. Lo studio verrà condotto contemporaneamente anche su volontari umani: la ricerca su nuove cure per persone ipovedenti ha compiuto passi importanti solo grazie alle sperimentazioni su malati umani consapevoli.

PROGETTO LIGHTUP

“Far (tornare a) vedere il cervello cieco a livello corticale: dalla computazione neurale alle dinamiche di sistema alla base della consapevolezza visiva negli umani e nelle scimmie”. Questa le definizione tradotta del porgetto LIGHTUP, il cui leader è professore Marco Tamietto, del dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino. Lo studio sarà quinquennale (2018-2023), ed è stato finanziato da ERC, L’European Research Council. “Il progetto dura 5 anni – afferma Tamietto - Al termine, gli animali coinvolti verranno eutanasizzati da personale specializzato e con le metodologie indolori previste dalla legge per questa specie.”

CAVIE INCONSAPEVOLI

“Questi macachi vivono in piccole gabbie metalliche completamente spoglie - dicono da Essere Animali - Inseriti nel cranio e nelle tempie hanno degli elettrodi, necessari per gli esperimenti di neuroscienze a cui sono sottoposti. Una vita di totali privazioni porta molti di loro a comportamenti stereotipati: si muovono avanti e indietro nella gabbia, leccano compulsivamente le pareti e mordono lucchetti e sbarre.”

LA MANIFESTAZIONE

Animal Aid Italia, Comitato Tutela Diritti Animali e M.E.T.A., hanno organizzato una manifestazione contro la sperimentazione animale e il progetto LIGHTUP. Sull’evento Facebook si legge: “La sperimentazione dello psicologo Tamietto per torturare i 6 macachi di Parma va avanti e non si possono conoscere le procedure! Il Tavolo Ministeriale per la promozione della ricerca senza animali è segreto, non fanno trapelare nulla riguardo le riunioni avvenute! Abbiamo chiesto un incontro con il nuovo Ministro Roberto Speranza ma siamo stati ignorati! PRETENDIAMO RISPOSTE! Animal Aid Italia, Comitato Tutela Diritti Animali e M.E.T.A. invitano associazioni e cittadini a tornare sabato 12 ottobre p.v. davanti al Ministero della Salute, dopo il presidio del 26 giugno, perchè vogliamo risposte alle nostre domande. I dipendenti del Ministero, compreso il Ministro, sono stipendiati con i soldi delle imposte dei cittadini, e devono rendere conto pubblicamente e con totale trasparenza del loro lavoro !! Vogliamo salvare i macachi e vogliamo una ricerca scientifica senza animali! Vi aspettiamo numerosi alle ore 14,00 in Piazza Castellani sabato 12 ottobre, noi non molliamo mai!”

07 / 10 / 2019


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-de-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10