Digital strategist: l’italo-islandese Claudio Iannetta col pallino del media trending, parte di Molise Noblesse, il Molise che incanta

di Samuele Doganiero e Grazia De Gregorio –

Claudio Iannetta, strategie sociale e biotecnologie alimentari, nativo di Bojano, è cittadino del mondo. Esclusiva www.unmondoditaliani.com per Molise Noblesse Movimento per la Grande Bellezza www.molisenoblesse.comIntervista all'italiano-islandese-molisano Claudio Iannetta, specializzato nelle strategie social e biotecnologie alimentari, con la profonda passione per i viaggi e lo sport. L'idea della margarina il cui marketing fu affidato ai blogger con "C'è torta per te". Molise Noblesse, Movimento per la Grande Bellezza è talent scout delle eccellenze italiane nel mondo. A maggior ragione se si tratta di un sannita autentico, affinché sia motivo d’orgoglio anche per coloro, che hanno il cuore molisano, ma casa nel mondo, come il nostro Claudio.

(UMDI-UNMONDODITALIANI) Dalla margarina ai gioielli: storia di un digital strategy di successo, che ha girato il mondo senza mai dimenticare il suo paese natale. Richiestissimo negli Usa, vuole sostenere le start up di nicchia, con un brending al top. Il quotidiano internazionale UMDI Un Mondo d’Italiani, ha avuto l’opportunità di intervistare il molisano Claudio Iannetta. Nella vita è un cosmopolita, ma nel cuore ha la capitale dei Sanniti Pentri, Bojano. Fervente viaggiatore, è andato via di casa a soli 19 anni, per vivere il suo sogno. Qui l’intervista esclusiva.

Ciao Claudio! È per noi un piacere intervistare un un’eccellenza made in Molise. Com’è iniziata la tua brillante carriera?

‘’In breve mi sono laureato in biotecnologia alimentare 10 anni fa e sono un appassionato viaggiatore. Ho vissuto in Islanda, in Norvegia, Australia e New York.’

Claudio, si può dire, che sei cittadino del mondo… Hai affrontato molti viaggi in paesi esteri, ma dove hai trovato il coraggio di prendere in mano la tua vita, e renderla così ricca d’esperienze?

‘’Inizialmente dopo le superiori sono stato un po’ obbligato e vivendo lontano dalla famiglia, a soli 19 anni, è stato veramente difficile. Ma è come se avessi gettato un seme, che presto è diventato un albero: e questo è il seme della curiosità. Durante uno dei miei viaggi ho conosciuto una ragazza con cui ho iniziato a condividere la mia voglia di emigrare e ci siamo trasferiti in Islanda, dove ho vissuto per 8 anni, mi sono laureato in biotecnologie alimentari in 3 anni poi ho lavorato nell’ospedale nazionale e in un’azienda Claudio Iannetta attorniato da uno stuolo di amici. Esperto di strategie social, è italo islandese. Intervista esclusiva www.unmondoditaliani.comdi genetica acquisendo così il diritto alla cittadinanza.’’

La regola di un uomo in viaggio, è non tornare mai come sei partito. Questa lunga permanenza in Islanda cosa pensi ti abbia trasmesso?

‘’L’Islanda è molto particolare, la definirei naturale, magica, lunare e selvaggia, nonostante molto piccola è facilmente accessibile e piena di opportunità. Grazie alla loro efficiente organizzazione si è generata in me una forma mentis secondo la quale tutto è possibile e questo mi ha aiutato per la mia crescita. Da cittadino Islandese ho frequentato un anno il master in Norvegia, in seguito in Australia dove ho conseguito un master a Melbourne e prima di arrivare a New York, a Milano dove mi occupavo del controllo della produzione di margarina e del brand di questo prodotto (Vallè).’’

La biotecnologia alimentate è un ambito professionale in crescita, e nell’industria agroalimentare la figura del biotecnologo, si sta ritagliando il suo spazio. Ma la tua mente è anche proiettata all’analiticità, alle strategie di mercato. Come sei riuscito a migliorare il brand della margarina?

‘’In primis mi sono preoccupato di migliorare la salubrità del prodotto e poi ho avuto l’idea di generare una relazione tra il mondo digitale e il mondo reale creando modelli di prodotti finali utilizzando come ingrediente primario la margarina.’’

Come modello hai utilizzato delle torte… Come mai hai optato per una scelta così particolare?

‘’Ho scelto di utilizzare le torte come modello e di farlo pubblicizzare dai blogger in modo da incrementare l’interesse verso tale prodotto. Sono state inventate, in soli sei mesi, 500 nuove ricette, che sono state riunite in un'unica raccolta ed inviate alla Lilt. Tramite il format su facebook "C’è torta per te" abbiamo creato eventi in cui era possibile vincere torte in tutta Italia e infine abbiamo creato un app per inviare auguri personalizzati su queste torte.’’

Ed è arrivato il successo.

‘’Siamo arrivati secondi nella classifica NC AWARDS del 2012 utilizzando comunque idee innovative e un budget non eccessivo in confronto ad altri progetti.’’

Sei andato via di casa giovanissimo, 19 anni. Spesso è necessario sacrificare un pezzo di sé, per raggiungere il premio finale… Come molti giovani, hai vissuto il sogno americano. Hai lavorato in una grande città come New York. Com’è stato possibile tutto questo per un ragazzo?

‘’Mi è arrivata la proposta tramite un’agenzia media. Inizialmente ho avuto difficoltà ma poi capite le dinamiche sono cresciuto velocemente e mi sono incaricato di molte responsabilità. È stata l’esperienza che ha innalzato i pilastri della mia attuale formazione.’’

Alle spalle hai un’esperienza di vita intensa, ricca di emozioni, e i tuoi occhi hanno avuto l’opportunità di osservare le bellezze del mondo. Ad oggi, come definiresti Claudio Iannetta?

‘’Oggi sono un digital strategist con il pallino del media trending con successive analisi dei risultati. I feedback sono importanti per capire se la strategia attuata è stata funzionante. È quindi un lavoro dinamico perché la strategia va cambiata di volta in volta in base al trend del momento.’’

Sei un esempio per molti giovani italiani, e molisani, che spesso si sentono chiusi nei confini di una piccola realtà. Ma c’è stato un momento in cui hai avuto rimpianti?

‘’Tanti e nessuno. Ho fatto tutto quello che mi è piaciuto ma ho comunque affrontato molti sacrifici, mi chiedo che fine avrei fatto se avessi seguito un percorso più semplice, se però tornassi indietro sarei pronto a ripartire.’’

Hai qualche progetto futuro per valorizzare prodotti made in Italy?

‘’Vorrei mettere in gioco le aziende locali in America creando una start-up su tutti i prodotti di nicchia, che sono eccezionali, ma non hanno comunque un buon marketing.’’

Parliamo un po’ della parte non formale di te. Date le tue numerose esperienze all’estero, quale nazione senti sia la tua patria?

‘’Sicuramente il mio cuore è Italiano, per la creatività e l’empatia, che mi hanno permesso di stringere legami profondi con la gente di altri Paesi e di aver raggiunto questo successo. Sono però innamorato dell’intero mondo.’’

Ognuno ha una passione, una via di fuga per sentirci liberi. Quali sono le tue passioni più grandi?

‘’Mi piace divertirmi ed uscire con gli amici, relazionarmi con persone nuove, giocare a tennis, praticare vela, sci e soprattutto ritrovare le vecchie amicizie bojanesi. Io e gli amici di Bojano (Cristian i primis - LEGGI QUI L'ARTICOLO SU CRISTIAN PERRELLA) ci inseguiamo in tutta Europa, ci incontriamo 2 volte all’anno facendo una maratona, per la nostra salute e per passare un pò di tempo insieme.’’

Sei originario del Molise. Che posto occupa Bojano nel tuo cuore, cosa significa per te?

‘’Bojano è la mia adolescenza, rappresenta le mie amicizie, le tradizioni ed è la mia culla sicura.’’

12 / 04 / 2019


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10