LACER AZIONI. IN MOSTRA LA (PUBBLI)CITTÀ STRAPPATA. IMMAGINI DI ROBERTO ALBORGHETTI DAL 16 AL 18 LUGLIO ORIOCENTER (AEROPORTO BERGAMO ORIO).

di Mina Cappussi –

ROBERTO ALBORGHETTI HA SCELTO DI METTERE A TACERE LE PAROLE E FAR PARLARE LE IMMAGINI. EGLI SPIA” I MANIFESTI, LE PUBBLICITÀ, TUTTO CIÒ CHE È IMMAGINE CARTACEA INCOLLATA, STRAPPATA, RIATTACCATA, IN UNA SOVRAPPOSIZIONE DI STILI, COLORI, MESSAGGI, UNA RILETTURA DI QUEI MESSAGGI, ALLA LUCE DELLE SOVRAPPOSIZIONI. QUANDO IL TEMPO TENDE ALL’INFINITO ANCHE LO SPAZIO ASSUME NUOVE E INCREDIBILI DIMENSIONI. LA “CONTAMINAZIONE” DIVIENE, COSÌ, ARTE.

(UNMONDODITALIANI). Una visuale del riciclo che restituisce emozioni, una dinamica di linguaggio dall’eccezionale forza evocativa, una inquadratura della realtà che trascende i canoni e solletica la fantasia. E’ ciò che mi viene in mente osservando le opere di Roberto Alborghetti, collega giornalista, che ha scelto di mettere a tacere le parole e far parlare le immagini. Ma si tratta di immagini inconsuete, lontane dalla visione comune, immagini non manipolate, “naturali”, possiamo dire. Sì, perché Alborghetti “spia” i manifesti, le pubblicità, tutto ciò che è immagine cartacea incollata, strappata, riattaccata, in una sovrapposizione di stili, colori, messaggi, espliciti o subliminali. Alborghetti procede semplicemente, genialmente, ad una rilettura di quei messaggi, alla luce delle sovrapposizioni, come una fotografia con un tempo di posa lunghissimo, all’interno del quale si consumano emozioni, sensazioni, eventi a contaminare la scena originale. Quando il tempo tende all’infinito anche lo spazio assume nuove e incredibili dimensioni. La “contaminazione” diviene arte, quando si riesce a leggerne il messaggio nascosto, quando si scoprono nuovi punti di osservazioni, sbarazzandoci di sistemi di giudizio canonici. Sono le laceR/Azioni di Alborghetti, movimento e azione che nasce dalla rottura degli schemi, opere d’arte racchiuse in frammenti di carta strappata, deposta come sacello fecondo, sui muri di tutto il mondo.

Una trentina fra le quindicimila "laceR/Azioni" catturate da Roberto Alborghetti in questi anni, approdano eccezionalmente ad Oriocenter (Aeroporto Bergamo Orio al Serio) con una speciale "tre-giorni", dal 16 al 18 luglio 2010. L’esposizione – sul tema “Acqua, Aria, Terra e Fuoco” – darà modo al pubblico di vedere da vicino il lavoro di ricerca che Alborghetti ha svolto, in giro per il pianeta, ovunque ci siano muri e manifesti, sulla carta della pubblicità strappata. Presentate con lo slogan-messaggio "Possiamo vedere cose che nemmeno immaginiamo", le “laceR/Azioni” giungono nel contesto di una esposizione dopo anni in cui sono state proposte al pubblico del web attraverso social networks come MySpace o ArtSlant.

LACER/AZIONI : il progetto e l’esperienza “visual

Lo scorso anno è stato pubblicato un album-portfolio nel quale Roberto Alborghetti ha raccontato come è nato e si è sviluppato il suo hobby-ricerca. La sua è essenzialmente un’azione di indagine fotografica sui particolari, che poi vengono restituiti ai propri occhi (e a quelli degli altri) con risultati coloristici sorprendenti che spesso eguagliano o superano la fantasia creativa.

Invece di strappare la carta lacerata dai muri - e sottoporla a modifiche e trattamenti coloristici, come già fatto da Villeglè e Rotella - Alborghetti coglie attraverso l’obiettivo della fotocamera gli aspetti meno evidenti degli strappi e li consegna alla visione, su diversi supporti, così come essi sono, senza cambiarli o arte-farli.

“LaceR/Azioni” è un progetto multidisciplinare che interessa varie espressioni creative. Le immagini sono state al centro di test kinesiologici di sperimentazione sulla percezione sensoriale ed emozionale (sinestesi). Nella “community” di MySpace sono state “adottate” per la produzione di videoclip che lo stesso Alborghetti ha realizzato con musicisti di varie parti del mondo. Stilisti e designer di moda, come Alvin Thompson di NewCouture, le prendono come fonte di ispirazione.

La mostra sarà ufficialmente aperta venerdi 16 luglio, alle ore 10, presso la “piazzetta” di Oriocenter, che dà sull’aeroporto di Bergamo Orio. Hanno collaborato per l’evento: l’arch.Giampaolo Biffi, il pittore Aldo Mapelli, l’Impresa edile Alessandro Colombo, l’Editrice Velar e Punto e Linea fotolito, grafica, pubblicità e comunicazione.

LACER/AZIONI: Note biografiche dell’autore

Giornalista professionista, autore di una trentina tra saggi e biografie, ha lavorato in periodici e quotidiani (è stato inviato de “L’Eco di Bergamo”), ha curato documentari televisivi, dirige riviste specializzate nel settore della didattica, dell’edutainment e della formazione. Coordina workshops e progetti sull’uso dei mezzi di comunicazione e sulla lettura all’immagine. Per l’attività giornalistica ha ricevuto il Premio Acqui Terme, il Premio Beppe Viola, il Premio Anmil Sicurezza sul Lavoro. Ha vinto l’ European Award for Environmental Reporting – il cosiddetto “Pulitzer” europeo sulle tematiche ambientali - assegnatogli nel 1992 nel Parlamento Europeo.

THEY ARE “LACER/ACTIONS”

Oil-paintings? Collages? Decoupages? Chalks pastels? Acrilics? No, nothing of all that. They are “laceR/Actions”, a new frontier of the creative expression, a sort of impressive “mechup” of different languages.

It has been a long time that Roberto Alborghetti works on his project. His incredible research is concerning ripped advertisings. He has gathered thousands of pictures from city walls all over the world. Abstract and visionary images become art works, reproduced on canvas or on other materials (textiles, paper, glass…) An astonishing “dimension of colours” invite us to discover that in the reality “we may see thing that we wouldn’t imagine”.

In fact – as Roberto Alborghetti says - we find it difficult to think that behind faded and torn messages there may still be “something” to be seen or discovered. But these images - “lacer/Actions” - continue to be a mirror of the talking city. They are the post-communicating findings of a product, an event, a performing idea. For Roberto Alborghetti, in the lacerated advertisings is recognizable the “unwrapped” city, self-destroying in the messages, self-regenerating and self-reproducing in new visual elements, often contradictory, dissonant, discordant, but still surprisingly vital.

Some of Roberto Alborghetti ‘s “lacer/Actions” are shown also in a booklet-portfolio that collects a very little selection of the images that Roberto Alborghetti took during his singular research about torn (publi)city.

ROBERTO ALBORGHETTI / BIO

Journalist and writer, he has written more then thirty books (biographies, interviews, stories),he has worked in magazines and newspapers, he has produced Tv documentaries, he is editor in chief of magazines concerning didactic, education and edutainment. He leads workshops about media literacy and image education.

He has won lot of journalism Prizes, such as Premio Acqui Terme, Premio Beppe Viola, Premio Anmil Safety in Work. He is the only one Italian journalist who received the European Award for Environmental Reporting given to him in 1992 in the European Parliament.

He has created “laceR/Actions”, a multidisciplinary project that involves Image reading and urban analysis in a new view of “low brow art”. “laceR/Actions” is also a “book-portfolio” that gathers a selections of 40 pictures chosen among the 15.000 ones that Roberto Alborghetti has taken during his research about torn (public)city.

UN MONDO D'ITALIANI -- ITALIAN INTERNATIONAL DAILY MAGAZINE

www.unmondoditaliani.com

Il Giornale Quotidiano Internazionale, con sede a Bojano, e a Roma (via Zanardelli, 36) già autorizzato nel 2006 dal Tribunale di Campobasso N.2/96, come edizione on line de “LA VOCE DEL POPOLO” e nel 2010 come e-magazine indipendente, diretto da Mina Cappussi,diffuso in ogni angolo del pianeta in cui vi sia una comunità italiana, sede di STAGE FORMATIVI per l’Università Roma Tre,Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professioni del web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e su SKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA della Patagonia Argentina e all’emittente radiofonica pubblica del sud America, Radio Nacional.Nata come LRA, Estación de Radiodifusión del Estado, ha trasmesso per la prima volta il 6 Luglio 1937dall’ufficio di Posta e Telegrafia nella città di Bs.As.Oggi è più conosciuta come Radio Nacional e trasmette da Viedma a Ushuaia, da Bs. As a Formosa; ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia su 93.5 FM

Da oggi UN MONDO D’ITALIANI E TRSP A SERVIZIO DELLA GENTE: OGNI GIORNO.

Nei prossimi giorni, su TRSP, il programma televisivo settimanale UN MONDO D’ITALIANI in collaborazione con questo magazine.

www.oraitalia.blogspot.com

Ora Italia el programa de radio de los italianos en la Patagonia. Producido y realizado por la Asociación Emiliano Romagnola de la Comarca Viedma Carmen de Patagones. En convenio con "Un Mondo di Italiani" el periodico online del Molise y con la "Radio Emilia Romagna" la radio de la Región en Podcast.

scrivi a minacappussi@gmail.com

facebook: mina Cappussi

Iscriviti al gruppo facebook: Un Mondo d’Italiani http://www.facebook.com/group.php?gid=37063563859

IL FAN CLUB FACEBOOK:

http://www.facebook.com/mina.cappussi#!/pages/MINA-CAPPUSSI-FANS-CLUB/115534231816194?ref=sgm

11 / 07 / 2010


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-de-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10