I Professionisti Italiani di Boston si chiamano PIB

di Generoso D’Agnese *

Negli Stati Uniti, sul Charles River, oltre 400 soci per promuovere l’italianità a Boston, i PIB Professionisti Italiani a Boston«PIB» punto di riferimento della continuità italiana nel New England, modello per le comunità di italiani in altre città statunitensi che si stanno ispirando al programma sviluppato dal PIB. PIB organizza incontri con le eccellenzePIB professionisti Italiani a Boston italiane che si fermano a Boston. In casa si parla e si mangia italiano, attività volte a far incontrare i più piccoli. Favorita la nascita di gruppi gemelli di PIB a New York, Montréal, Madrid, Philadelphia. Tra italiani all’estero si crea un legame e un “cameratismo” che tra gli italiani in Italia difficilmente esiste.

(UMDI UNMONDODITALIANI) BOSTON - Aggregare professionisti italiani dell’area di Boston, facilitare collaborazioni tra iscritti, favorire i contatti tra professionisti in Italia e colleghi italiani e PIB Professionisti Italiani a Bostonstranieri di Boston, organizzare eventi culturali interessanti per la comunità italiana, ma aperti anche alla partecipazione internazionale; insomma, promuovere l’italianità a Boston. Sono chiari e pragmatici gli obiettivi delineati dallo statuto di PIB: il gruppo di Professionisti Italiani a Boston che, nel giro di soli due anni, è diventato ilPIB professionisti Italiani a Boston punto di riferimento per i giovani connazionali che scelgono le sponde del Charles River come punto di partenza per il loro curriculum negli States, e non solo.

Professionisti, imprenditori, ricercatori, artisti italiani che vivono nell’area di Boston: sono queste le figure che danno corpo al sodalizio apolitico nato in quest’angolo PIB professionisti italiani a Bostonnord-orientale degli Stati Uniti, culla dell’indipendenza americana. Ma, soprattutto, sono giovani. Giovanni Abbadessa, Cynthia Carrillo Infante, Marcella Debidda, Federica Del Monte, Elisa Dell’Oglio, Melissa Gallin, Nadia Di Carlo, Marco Ferrara, Francesco Fragasso, Eugenia Garrisi, Salvatore Mascia, Tiziana Musacchio, Valentina Oppezzo, Nicola Orichuia, Alberto Pepe, Marco Perucchi, Bastiano Sanna, SandroPIB professionisti italiani a Boston Santoro, Alessandro Vianello, Davide Zaccagnini: sono questi i nomi del direttivo di un’associazione che vanta membri provenienti dal mondo accademico e industriale, e che rappresenta un vero modello per le comunità di italiani in altre città statunitensi che si stanno ispirando al programma sviluppato dal PIB.

Una reteper vivere bene

Philadelphia«Nei primi anni – spiega Michele Abbadessa, co-fondatore e coordinatore del sodalizio – vivevo a Philadelphia, in Pennsylvania, dove ho conosciuto tanti italiani. Le associazioni cui mi avvicinavo, aggregavano soprattutto gli italo-americani che magari non parlano la lingua italiana; oppure italiani arrivati negli Stati Uniti diversi decenni fa. Anche a Boston era la stessa cosa. Così, insieme ad alcuni amici, ho deciso di fondare un’associazione riservata a professionisti che vivono nell’area di Boston e che parlano la lingua italiana. I “Professionisti Italiani a Boston” (www.piboston.org) sono più di 400, oltre a un paio di centinaia di affiliati internazionali. Siamo inseriti nel tessutoItalia Usa sociale e professionale della città, nonostantela maggior parte di noi sia qui da meno di vent’anni. Questo perché si tratta di professionisti, in genere specializzati in Italia, trasferitisi qui per occupare posizioni lavorative di rilievo oppure per specializzarsi in una delle prestigiose università bostoniane, e che poi sono rimasti qui per lavoro. La difficoltà Charles River Bostondi ottenere visti per lavoro, unita alla competitività del nordest americano, è un elemento di selezione naturale del livello professionale degli italiani che rimangono a Boston. Al mio arrivo in città, nel 2007, non si sapeva esattamente quanti italiani lavorassero qui. Oggi i nuovi arrivati possono contare su una community attiva che organizza eventi sociali e professionali utili sia per sentirsi a casa che per crescere sul piano lavorativo. E che si sforza di fare da ponte con l’Italia».gruppo PIB Boston

Abbadessa – senior medical director di ArQule – dopo aver lavorato alcuni anni in un dipartimento di oncologia a Milano, ha proposto a un laboratorio americano un progetto che poi è stato approvato e finanziato. Infine si è trasferito negli Stati Uniti con l’idea di non restarci più di un anno. «Il primo impatto è stato molto positivo – ammette –. Tutto sembrava funzionare molto bene dal punto di vista lavorativo. Ma dopo il primo anno, ho cominciato a vedere anche gli aspetti negativi, soprattutto quelli riguardanti la sanità e l’educazione, decisamente più complesse rispetto all’Italia. Ma anche logiche di crescita professionale che non sempre sono perfette. Dopo essere stati lontani dal proprio Paese per un po’ di tempo, si tende poi a PIB gruppo italiani a Bostonidealizzarne alcuni aspetti, perché magari si viene influenzati da sentimenti nostalgici». Impegnato a sostenere le attività di collaborazione con il Consolato d’Italia e con altri gruppi di giovani italiani negli Stati Uniti, il PIB organizza incontri con le eccellenze italiane che si fermano a Boston. «In casa – precisa Michele – si parla e si mangia italiano. Nostro figlio sta imparando a parlare italiano, inglese, spagnolo, e ha numerosi coetanei italiani con cui giocare, oltre a quelli americani. Nell’ambito di PIB, sono già nate varie attività volte a far incontrare i più piccoli in modo che anche i figli dei membri possano beneficiare del gruppo. Stiamo favorendo anche la nascita di gruppi gemelli di PIB a New York, Montréal, Madrid, Philadelphia. E speriamo anche in altre grandi città all’estero».

Un «concentrato» di talenti

Console d'Italia a Boston, Giuseppe Pastorelli«Avevo sentito parlare di PIB prima di arrivare a Boston – ricorda il console d’Italia Giuseppe Pastorelli, insediatosi a fine 2010 – e ho scoperto che rappresenta la realtà altamente qualificata della recente presenza italiana. Questa è una specificità di Boston. Non si trova questa concentrazione di talenti in altre città».

La specialità di Valentina Oppezzo è la fotografia. Nata a Casal Monferrato ventinoveProfessionisti Italiani a Boston per Mitaly anni fa, e trasferitasi a 19 anni a Trieste per gli studi universitari, dopo la laurea al DAMS, Valentina ha scelto il mondo dell’immagine per la sua professione. Dopo un periodo passato a vendere polizze assicurative, decise di approfondire la sua passione per la fotografia e divenne assistente di importanti fotografi. «La molla che mi ha spinto a partire per gli States è arrivata da Francesco, che oggi è mio marito. All’epoca era studente, dottorando di fisica, alla Sissa, la Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste. Gli fu offerto un contratto come “post doc” presso il laboratorio di biochimica della Brandeis University di Waltham, appena fuori Boston. Così decidemmo di partire e di provare l’“esperienza americana”. Per lenostre famiglie non fu facProfessionisti italiani a Bostonile accettare l’idea della nostra partenza. Personalmente non ho avuto nessun problema a lasciare l’Italia ma sicuramente, i primi tempi a Boston non sono stati facili. All’interno di una grande realtà come questa, è difficile conoscere persone e instaurare legami, soprattutto all’inizio. E poi a Boston d’inverno fa freddissimo! Mio marito e io abbiamo vissuto l’esperienza americana fino in fondo, cercando di conoscere per lo più persone locali o con le quali, almeno, si parlasse la lingua inglese. Ma poi, pian piano, siamo stati risucchiati nel meccanismo dei rapporti e delle amicizie tra connazionali, perché tra italiani all’estero si crea un legame e un “cameratismo” che tra gli italiani in ItaliaProfessionisti italiani a Boston difficilmente esiste. Attualmente abbiamo molti amici italiani, anche se non frequentiamo esclusivamente italiani. Il PIB, a cui siamo iscritti da circa un anno, rappresenta un’ottima occasione per instaurare rapporti sociali e professionali».

Il coraggio di rischiare

Nel 2010, grazie a un nuovo visto, Valentina ha Herry Potterdeciso di aprire il suo studio fotografico, nel quale realizza ritratti, fotografie di prodotti, e portfolio di modelli e modelle. Autrice del volume Harry Potter al Cinema, edito in Italia da Le Mani Editore, la giovane professionista insegna anche italiano agli adulti presso scuole serali e associazioni. «Francamente – conclude Valentina – se fossi rimasta in Italia, la fotografia si sarebbe probabilmente ridotta a un hobby. Qui, invece, mi sono sentita più motivata, circondata da esempi positivi e da tanta determinazione. Gli americani investono molto, fanno debiti e a volte perdono tutto. Gli italiani hanno sempre un gruzzolettosalvadanaio, gli italiani hanno sempre un gruzzoletto da parte in banca, ma, onestamente, ci provano meno. Manteniamo ancora molti contatti con l’Italia, con gli amici e le nostre famiglie. L’esperienza americana, al di là di quanto durerà, è destinata a finire perché abbiamo deciso fin da subito che, a un certo punto, saremmo tornati a casa. Gli States sono tutto fuorché un Paese che garantisce assistenza. E anche il solo UMDI unmondoditaliani.com quotidiano internazionale fondato e diretto da Mina Cappussifatto di mandare i propri figli all’asilo costa cifre strepitose e impensabili».

* Il Messaggero di Sant’Antonio, diretto da Padre Luciano Segafreddo

Edizione italiana per l’estero

® Riproduzione vietata. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

UN MONDO D'ITALIANI -- ITALIAN INTERNATIONAL DAILY MAGAZINE

www.unmondoditaliani.com

www.dizionarioemigrazione.it

Agenzia Stampa, Casa Editrice, Giornale Quotidiano Internazionale, con sede a Bojano, a Roma (via Zanardelli, 36) e a Viedma, in Patagonia, già autorizzato nel 2006 dal Tribunale di Campobasso N.2/96, come edizione on line de “LA VOCE DEL POPOLO” e nel 2010 come e-magazine indipendente. Diretto da Mina Cappussi,diffuso in ogni angolo del pianeta in cui vi sia una comunità italiana, sede di STAGE FORMATIVI per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professioni del web, del cinema e della televisione, associato al quotidiano ORA ITALIA della Patagonia Argentina e all’emittente radiofonica pubblica del sud America, Radio Nacional.Nata come LRA, Estación de Radiodifusión del Estado, ha trasmesso per la prima volta il 6 Luglio 1937 dall’ufficio di Posta e Telegrafia nella città di Bs.As.Oggi è più conosciuta come Radio Nacional e trasmette da Viedma a Ushuaia, da Bs. As a Formosa; ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia su 93.5 FM

www.oraitalia.blogspot.com. Ora Italia el programa de radio de los italianos en la Patagonia. Producido y realizado por la Asociación Emiliano Romagnola de la Comarca Viedma Carmen de Patagones. En convenio con "Un Mondo di Italiani" el periodico online del Molise y con la "Radio Emilia Romagna" la radio de la Región en Podcast.

scrivi a minacappussi@gmail.com

facebook: mina Cappussi – Mina Cappussi II – Mina Cappussi III – MINA CAPPUSSI FANS CLUB

Iscriviti al gruppo facebook: Un Mondo d’Italianihttp://www.facebook.com/group.php?gid=37063563859

IL FAN CLUB FACEBOOK:

http://www.facebook.com/mina.cappussi#!/pages/MINA-CAPPUSSI-FANS-CLUB/115534231816194?ref=sgm

Edita il PRIMO DIZIONARIO DELL’EMIGRAZIONE ITALIANA sotto l’egida del Ministero Affari Esteri e del Ministero dell’Istruzione.

mi dispiace, perdono, grazie, ti amo

09 / 07 / 2011


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10