Hip Hop: la sottocultura americana avrà un museo nel Bronx, a New York

di Grazia De Gregorio

Promozione di nuove forme d'arte e di aggregazione urbana. La cultura hip hop avrà finalmente un muso. Sarà situato dov’è nato tutto, il Bronx. Un po’ di storia.

(UMDI UNMONDODITALIANI) Hip vuol dire conoscenza, sapere, hop significa salto, movimento. L’hip hop è la necessità di reagire, e finalmente avrà un suo museo a New York. Lo ha annunciato Kurtis Blow, una delle leggende del rap, evidenziando, che il museo sarà a giusta ragione nel Bronx, dove di fatto è nato il genere musicale. Il museo sarà all'interno di un complesso residenziale e di intrattenimento che sarà costruito sul versante est della 149ma strada lungo il fiume Harlem. Secondo gli organizzatori del progetto, quello che sarà chiamato Universal Hip-Hop Museum aprirà i battenti nel 2023. "Sarà un fantastico pezzo di storia per questa cultura - ha detto Blow -. La mia eredità avrà una legittima sede dove tutti potranno venire a vedere da vicino". Blow è stato il primo rapper ad avere un successo commerciale e il primo a firmare un contratto discografico con una etichetta multinazionale. The Breaks, un singolo estratto dal suo album del 1980 Kurtis Blow, diviene il primo brano rap certificato disco d'oro nella musica hip hop.

LA MUSICA HIP HOP

La musica hip hop, anche nota come hip hop o musica rap, è un genere musicale nato negli Stati Uniti d'America negli anni settanta, caratterizzato da musica ritmica stilizzata che comunemente accompagna il rapping. Il genere si è sviluppato come parte della cultura hip hop, una sottocultura definita da quattro elementi stilistici chiave: MCing/rapping, DJing/scratching con giradischi, break dancing e graffitismo. E’ volontà di reagire alla violenza, povertà e dall’emarginazione, anche razziale, dei giovani che vivevano nei ghetti. La musica hip hop è influenzata da genere musicali già esistenti come il funk, il soul, il blues, la salsa, il jazz e altri ancora. Sebbene spesso usato per riferirsi esclusivamente al rapping, la parola hip hop denota in modo più appropriato la pratica dell'intera sottocultura. L'hip hop, sia come genere musicale sia come cultura, si è formato durante gli anni 1970, quando i block party diventarono sempre più popolari a New York City, in particolare tra i giovani afro-americani residenti nel Bronx. Tuttavia, la musica hip-hop non è stata registrata ufficialmente per la radio o la televisione fino al 1979, soprattutto a causa della povertà durante la nascita dell'hip-hop e della mancanza di accettazione al di fuori dei quartieri del ghetto.

13 / 03 / 2019


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10