Giocattoli d’epoca in mostra al Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide di Cassano allo Ionio

di Mina Cappussi –Mina Cappussi e Giulio Golia de Le Iene, popolare trasmissione TV

Laboratorio su come giocavano Greci e Romani. Bambole, di legno, di porcellana, di plastica, Lenci, Furga, oggetti e mobili d’arredo per case in miniatura, giostre, trenini, automobiline, trottole, pupazzi, Pinocchio, il Signor Bonaventura, giocattoli di legno, antichi teatrini di burattini e marionette, il gioco dell’Oca, Monopoli. La storia del giocattolo in Italia, segue il passaggio dalla realtà rurale di inizio secolo, fino agli albori del boom economico. Giochi che sono serviti a statuire ruoli e identità, confini ideali entro i quali imparare le regole della società.

(UMDI – UNMONDODODITALIANI) Giocattoli: evocano l’infanzia, la tenerezza, la fantasia, un mondo ovattato e magico che manteniamo preziosamente in fondo al cuore. Proprio i giocattoli, databili da fine Ottocento a metà anni ’50 del secolo scorso, saranno i protagonisti della mostra che sarà inaugurata domenica 2 dicembre 2018, alle ore 17.00, al Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide a Cassano sullo Ionio in provincia di Cosenza. Alla inaugurazione interverranno: Adele Bonofiglio, direttore del Museo; Anna Lucia Casolaro, responsabile dei Servizi Educativi e Gianluigi Trombetti, Ispettore onorario pei i Beni A.A.S. di Castrovillari e curatore della mostra, che rimarrà aperta fino al 31 gennaio 2019. Ci saranno, immancabili, le bambole, di legno, di porcellana, di plastica, di tipo tradizionale e automi ingegnosi, oggetti e mobili d’arredo per case in miniatura, i giocattoli in latta quali giostre, trenini, automobiline, trottole, pupazzi e personaggi quali Pinocchio, il Signor Bonaventura e Topolino, giocattoli di legno, il mondo magico degli antichi teatrini di burattini e marionette, i giochi da tavolo, dal il gioco dell’Oca, Monopoli (in Italia pubblicato dalla Editrice Giochi dal 1935), scacchi, dama, carte, giocattoli militari

GIOCATTOLI PER COSTRUIRE IDENTITÀ E RAPPRESENTARE LA STORIA DELL’ITALIA

I giocattoli rappresentano una delle forme più alte di creatività italiana, veri e propri fenomeni di costume. La storia del giocattolo in Italia, per quanto riguarda la prima metà del Novecento segue il passaggio dalla realtà rurale di inizio secolo, fino agli albori del boom economico del secondo dopoguerra. Sono giochi che sono serviti a statuire ruoli e identità, stereotipi, se vogliamo, confini ideali entro i quali imparare le regole della società. I giochi, dunque con cui le nostre nonne hanno costruito la loro identità sociale e culturale, in pratica bambole e suppellettili per la casa, dalle più raffinate della torinese Lenci alle più diffuse della mantovana Furga. I giochi destinati a forgiare i bambini, fatti di soldatini e i piccoli mezzi di trasporto in latta con stampa mimetica; i giochi per apprendere i ruoli nella società: dal trattore in legno alla stazione dei pompieri, all’auto della polizia, gli aerei e le macchine futuriste. Per la bambola più venduta al mondo, Barbie, il cui vero nome è Barbara Millicent Roberts, nata a Willow, nel Wisconsin, bisognerà attendere il 1959 quando, il 9 marzo, venne commercializzata dalla Mattel la nota fashion doll con un costume intero a righe bianche e nere e capelli bruni.

GIOCHI DEI GRECI E DEI ROMANI: LABORATORIO PER I PIU’ PICCOLI

Per l’occasione, i giovani fruitori, potranno partecipare al laboratorio didattico “I giochi dei Greci e dei Romani” durante il quale verranno organizzati antichi giochi ormai in disuso, con la finalità di accrescere la conoscenza della civiltà greco-romana. Il laboratorio, a cura dei Servizi Educativi del Museo con la collaborazione dei Tirocinanti Regionali MiBAC, verrà riproposto, previa prenotazione e per Angela Acordon direttore POlo Museale della cAlabrial’intero periodo di permanenza della mostra, per le scolaresche del territorio. L’iniziativa si avvale del contributo della Casa Editrice “Il Coscile” di Castrovillari. La mostra, da non perdere, si terrà dal 2 dicembre 2018 al 31 gennaio 2019. Il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide di Cassano allo Ionio (Cosenza), è diretto da Adele Bonofiglio e afferisce al Polo Museale della Calabria diretto da Angela Acordon. Responsabile dell’Ufficio Stampa è Silvio Rubens Vivone

30 / 11 / 2018


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10