Giò Di Tonno inaugura il Museo Delle Lettere D’Amore

di Goffredo Palmerini

Martedì 9 agosto, a Torrevecchia Teatina, importante donazione dello scrittore Ugo Riccarelli. Sarà Giò Di Tonno ad inaugurare, insieme al sindaco Katja Baboro, il Museo delle Lettere giò di tonnod'Amore di Torrevecchia Teatina. Non esiste mezzo più efficace per esprimere le grandi passioni. La lettera d’amore rimane la forma più letta e desiderata del mondo, non scalfita dalla moda tecnologica dei messaggini sms e dalle e-mail. Nella serata si esibirà anche Tatiana Pavlova, pianista e compositrice, nata a Mosca.

(UNMONDODITALIANI) Sarà Giò Di Tonno, il cantante abruzzese vincitore con Lola Ponce del festival di Sanremo, ad inaugurare, insieme al sindaco Katja Baboro, il Museo delle Lettere d'Amore di Torrevecchia Teatina. Diverrà così uno dei Musei più singolari al mondo, nel costituire uno straordinario fondo di memorie ed emozioni attraverso la raccolta, la catalogazione e la conservazione di preziose testimonianze private, le più intime, che così diventeranno un patrimonio condiviso. Di particolare rilievo le lettere di insigni figure del mondo letterario, raccolte nel corso degli anni dalle varie edizioni del Premio ovvero provenienti da munifiche donazioni, che potranno costituire una sezione di significativo rilievo culturale unica al mondo. Il taglio del nastro è previsto per leore 21 presso il Palazzo Ducale Valignani, alla presenza di numerose Autorità. Nel Museo, esposta accanto alle lettere dei vincitori delle varie edizioni del singolare concorso - scrittori di fama nazionale quali Giulia Alberico, Giulia Carcasi, Renatolettera d'amore Minore, Maurizio De Giovanni, Antonio Spagnuolo, Anna Ventura - spicca la prima donazione acquisita dal Museo: una lettera d'amore inedita di uno dei maggiori scrittori italiani viventi, Ugo Riccarelli.

Ma altre ne giungeranno a breve, asserisce il sindaco Katja Baboro: "Il Museo intende acquisire le lettere d'amore di scrittori viventi di fama nazionale e internazionale, inoltre accoglieremo anche testimonianze del passato. In questo decennio con il concorso abbiamo raccolto un vero e proprio patrimonio storico, una quantità enorme di lettere d'amore, circa diecimila, dalle quali si può ricostruire una storia del nostro paese non solo dal punto di vista sociologico ma anche degli affetti, per individuare quale è stato nell'ultimo decennio in Italia il corso dei sentimenti, quale la disposizione affettiva, quali i desideri, quali i sogni, quali gli eventi, le persone, gli oggetti per i quali il nostro popolo ha espresso la sua propensione. Insomma grazie a questo concorso è possibile cercare di tracciare una sorta di storia emotiva e affettiva degli italiani. Proprio per permettere a studiosi e ricercatori la possibilità di inaugurazione del museoanalizzare e studiare il fenomeno, abbiamo creato questo Museo che rimarrà aperto al pubblico".

Le fa eco Massimo Pamio, delle Edizioni Noubs e presidente dell'Associazione Abruzziamoci che ha promosso il progetto: "Non esiste mezzo più efficace per esprimere le grandi passioni. La lettera d’amore rimane la forma più letta e desiderata del mondo, non scalfita dalla moda tecnologica dei messaggini sms e dalle e-mail. Se nel passato costituiva un “respiro segreto del cuore”, oggi rappresenta un modo per esternare i nostri sentimenti che sempre più spesso releghiamo in secondo piano. Abbiamo sempre più bisogno di comunicare le nostre emozioni, ma con un pudore che non ha nulla a che fare con le grottesche, oscene piazzate delle trasmissioni televisive che finiscono per banalizzare anche la nostra vita interiore. Comunque, se la lettera d'amore finisce nel museo, è segno che il mondo cambia e che la tecnologia sta corrompendo la vena romantica dell'uomo, ne sta modificando sostanzialmente la sensibilità percettiva e affettiva, e questo è un caso da non trascurare per comprendere meglio il mondo in cuimuseo lettere d'amore viviamo". Giò Di Tonno, singer abruzzese, darà il suo concerto presentando in anteprima nazionale pezzi tratti dal nuovo album "Giò", che uscirà a fine agosto, anticipato da un singolo a maggio, "Com'è bello aspettare", una canzone d'amore, appunto, che ha molto interessato gli organizzatori del Premio, i quali consegneranno al cantante un riconoscimento alla carriera artistica nel corso della cerimonia di premiazione della XI edizione del Concorso Internazionale "Lettera d'Amore", che si svolgerà all'aperto, a partire dalle 21 e 30, nel giardino del Palazzo Ducale Valignani.

Nella serata si esibirà anche Tatiana Pavlova, pianista e compositrice, nata a Mosca. Dai cinque ai ventiquattro anni Tatiana Pavlova frequenta la Scuola e l’Istituto Superiore di Musica di Gnessin, a Mosca, dove ottiene sia la laurea sia il master con lode. Vincitrice di numerosi concorsi nazionali e internazionali, sia d’interpretazione che di composizione, la sua versatilità musicale le permette di suonare musica da camera e recital e di esibirsi, come compositrice o solista, con orchestre in diversi paesi dell’Europa e delle Americhe. La sua tatiana pavlovadiscografia, in veste di pianista, comprende: Antologia di 5 Secoli di Musica Portoghese; primo volume dell’Opera Omnia per Pianoforte Solo di S. Rachmaninov (doppio CD); Sonate per Violino e Pianoforte di Mozart, con Frédéric Pelassy. In veste di compositrice, invece, incide gli album Joaninha da Ternura, El abrazo de la luz, Equinoccio e Lettere D’amore, quest’ultimo colonna sonora composta per l’omonimo spettacolo teatrale di Dacia Maraini. Attualmente risiede in Italia. Tra i suoi impegni più recenti si segnalano il concerto Capriccio di Stravinsky, diretto dal maestro Claudio Desderi al Teatro Vittorio Emanuele di Messina; il suo ultimo album Col-our-s, con le proprie composizioni; infine, il suo tour promozionale presso il festival Circuito del Mito in Sicilia.

Glilettere d'amore attori Giuliana Antenucci e Icks Borea leggeranno i testi premiati. Sul palco la Giuria presieduta dal prof. Vito Moretti, dell’Università di Chieti, e composta da Giuseppina Verdoliva, Chiara Fiori, Massimo Avenali e Massimo Pamio. Questi i vincitori della XI edizione del Premio: 1° (ex-aequo) Rosanna Di Iorio di Chieti e Francesco Di Vincenzo di Chieti; 2° (ex-aequo) Serena Carestia di Manoppello e Stefano Santosuosso di Avellino; 3° (ex-aequo) Tiziana Ercole di Parigi e Daniele Mennella di Torre del Greco.Questi i Premi speciali della Giuria: Floredana De Felicibus di Atri, Nicola Di Lernia di Seregno, Vincenzina Di Muzio di Manoppello, Cristina Mosca di Giulianova.
La Giuria, infine, ha segnalato i seguenti Autori: Mauro Barbetti di Osimo (Ancona), Angelantonio Citro di Mercato S. Severino (Salerno), Mario D’Alessandro, giornalista di inaugurazione museoChieti, Maria Di Mauro di Tollo (Chieti), Vanes Ferlini di Imola, Manuela Gallina di Cles (Trento), Jean Marc Georgel, cittadino francese nato ad Algeri, Flora Alberta Lembo di Chieti, Elena Malta di Pianella (Pescara), Luigi Antonio Marchese di Torrevecchia Teatina (Chieti), Cristina Massa di Seregno (Milano), Sasa Perugini, scrittrice di Belgrado attualmente direttrice del Syracuse University of Florence a Firenze, Saverio Ranciati di Perugia, Magda Seta e Bruno Spadaccini di Pescara.

* Ugo Riccarelli è nato a Cirié (Torino) nel 1954 da famiglia toscana. Ha studiato Filosofia presso l'Università di Torino e si è occupato per anni di azioni culturali in campo scolastico, cinematografico e teatrale, diplomandosi come Operatore Culturale nel 1976, lavorando anche presso l’ufficio stampa del comune di Pisa. Nel 1995 è stato tra i vincitori del premio del concorso RAI-Corriere della Sera "Sette per sette" con il racconto breve “Come ti faccio ugo riccarelliimpennare l'audience”, dal quale è stato realizzato un radiodramma. Con "Le scarpe appese al cuore" ha vinto il premio Chianti 1996, con "Un uomo che forse si chiamava Schulz" il Selezione Campiello 1998, lo Strega nel 2004 con "Il dolore perfetto", il Premio De Lollis nel 2009 con "Comallamore". I libri più recenti: "La repubblica di un solo giorno" (Mondadori, 2011), "Ricucire la vita" (Piemme, 2011).

** Giò Di Tonno è nato a Pescara il 5 agosto 1973. Dopo i primi anni di studio classico, si appassiona alla musica leggera ed in particolare scopre la figura del cantautore, ovvero del “poeta” che si racconta cantando. Così, a soli quindici anni, inizia a scrivere canzoni e ad interpretarle col supporto di diverse band di cui diverrà frontman, proponendole in numerose manifestazioni musicali. L’insieme di queste esperienze formerà ben presto la sua personalità artistica, tanto da riuscire ad imporsi, con successo, nei concorsi canori più importanti: nel 1993 al “Sanremo Famosi” con la canzone “La voce degli ubriachi” e nel 1994 e 1995 al giò di tonno in notredame de paris“Festival di Sanremo” rispettivamente con i brani “Senti uomo” e “Padre padrone”. Tutte le rassegne erano “targate” Pippo Baudo. A queste esperienze fa seguito il suo primo cd omonimo, molto apprezzato dalla critica, prodotto da Franco Bixio ed arrangiato da Vince Tempera. Molte sono le tournée e le esibizioni a cui ha partecipato in questi anni, in Italia ed all’estero, anche insieme ad altri nomi della musica leggera internazionale. Negli anni successivi alle sue partecipazioni sanremesi, allarga i suoi orizzonti professionali al fine di completarsi come artista e comincia a studiare recitazione; un percorso che lo avvicinerà al teatro-musicale, dove le due arti, canto e recitazione, si fondono alla perfezione. E’ attualmente intensa, l’attività didattica di Giò, proprio inerente il teatro-musicale.

Nel 2001 viene scelto da Riccardo Cocciante per interpretare Quasimodo, il gobbo campanaro innamorato della zingara Esmeralda, nell’Opera musicale “Notre Dame De Paris” prodotta da David Zard. Dal suo debutto, nel Marzo 2002, Giò ha replicato lo spettacolo circa 550 volte, calcando i palcoscenici dei più importanti teatri italiani. Da ricordare, su tutti, l’Arena di Verona, nella quale è stato registrato il fortunatissimo e vendutissimo DVD dello spettacolo, trasmessogiò di tonno e lola ponce a più riprese, sempre con notevole successo, anche dalla Rai. Nel Giugno 2004 partecipa al grande show televisivo di Fiorello “Stasera pago io - Revolution” su Rai Uno. Nel 2004 incide con Fabio Concato ed Eugenio Finardi il singolo “Les nuites d’Afrique” che fa parte della compilation omonima, finalizzata a scopi benefici. A settembre 2005 viene chiamato dalla Walt Disney per la versione italiana del film già campione d’incassi in America “Chicken Little”, in uscita a Natale nelle sale cinematografiche, in cui Giò canta le bellissime canzoni dei protagonisti del film. Il 25 Marzo 2006 apre il concerto della regina del soul “Dionne Warwick” all’ Auditorium di Vicenza. Dal 2006 è Socio Onorario, nonché Testimonial, della sezione A.I.L. (Associazione Italiana contro le Leucemie, il Linfoma e il Mieloma) di Pescara. Nel Novembre 2006 debutta come protagonista nella versione Italiana del musical “Jekyll & Hyde” spettacolo che da oltre 10 anni riscuote grandi successi a Broadway. A Dicembre 2006 realizza per l’Ail Pescara Onlus il cd di cover natalizie “BUON NatA.I.L.” che ha venduto più di 10.000 copie in un mese. Semprenel Dicembre ‘06 riceve il prestigioso Premio “Dante lettereAlighieri”, per essersi distinto nel campo della musica.

Nel 2007 partecipa alla fiction di Rai Uno “Un caso di coscienza” per la regia di Luigi Perelli, in cui è protagonista – insieme a Sebastiano Somma – di un episodio in cui interpreta il cantante Danko. Per la puntata incide un brano della colonna sonora scritto da Maurizio Solieri. A Giugno 2007 ha realizzato l’Inno Nazionale dell’ A.I.L. “L’amore è un elefante” scritto con Alessando Di Zio e scelto dallo stesso Prof. Mandelli, presidente e fondatore dell’Associazione. Nel Novembre 2007 porta in scena “L’Orco”, fiaba musicale del compositore Giorgio Bernabò che vede la partecipazione di Antonella Ruggero e Patrizia Laquidara. Nel Marzo 2008 vince la 58ma edizione del Festival Di Sanremo in coppia con Lola Ponce con il brano dal titolo “Colpo di fulmine“ scritto da Gianna Nannini. Il 4 Luglio 2008 esce il suo attesissimo nuovo album dal titolo “Santafè” prodotto da Maurizio Raimo per la Raimoon Ed. amoreMusicali e distribuito dalla Edel Italia, con la partecipazione straordinaria di Giancarlo Giannini. Il 4 Ottobre 2008 Giò debutta nella Nazionale Italiana Cantanti. Sempre nell’Ottobre 2008 esce il DVD della Walt Disney “La bella addormentata nel bosco” in cui Giò, insieme a Lola Ponce, presta la voce per il brano principale “Io lo so”.

Il 7 Dicembre 2008 Giò ha l’onore di duettare con Dionne Warwick in occasione del Concerto di Natale che si è svolto a Verona e trasmesso da Rai Due; insieme hanno interpretato il celebre brano “That’s what friends are for” portato al successo dall’artista americana. Nel mese di Febbraio 2009 Giò conduce il programma “Buonanotte ai Suonatori” della Mezzanotte di Radio2. Nel 2009 scrive la sigla finale del programma tv della Gialappa’s Band “Mai dire Grande Fratello Show”, in onda su Italia 1, interpretata da Lola Ponce, dal titolo “Fuori di me”. Nel Maggio 2009 lettere d'amoreporta in scena “Oscuro e la strega” fiaba musicale del compositore Giorgio Bernabò, con la partecipazione dei Colours Roller Team, straordinaria compagnia di pattinatori. Attualmente fa parte del cast de “I promessi sposi”, opera musicale di Michele Guardì e Pippo Flora, in cui interpreta Don Rodrigo.
Il 29 Aprile del 2010 c’è stata l’anteprima del musical all’interno del Duomo di Milano, con la partecipazione di Giorgio Albertazzi. Lo spettacolo ha debuttato allo Stadio San Siro di Milano il 18 Giugno 2010, e l’evento è stato ripreso dalla Rai e trasmesso i primi di settembre in prima serata.

® Riproduzione vietata. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

UN MONDO D'ITALIANI -- ITALIAN INTERNATIONAL DAILY MAGAZINE

www.unmondoditaliani.com

www.dizionarioemigrazione.it

Agenzia Stampa, Casa Editrice, Giornale Quotidiano Internazionale, con sede a Bojano, a Roma (via Zanardelli, 36) e a Viedma, in Patagonia, già autorizzato nel 2006 dal Tribunale di Campobasso N.2/96, come edizione on line de “LA VOCE DEL POPOLO” e nel 2010 come e-magazine indipendente. Diretto da Mina Cappussi,diffuso in ogni angolo del pianeta in cui vi sia una comunità italiana, sede di STAGE FORMATIVI per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professioni del web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e su SKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA della Patagonia Argentina e all’emittente radiofonica pubblica del sud America, Radio Nacional.Nata come LRA, Estación de Radiodifusión del Estado, ha trasmesso per la prima volta il 6 Luglio 1937 dall’ufficio di Posta e Telegrafia nella città di Bs.As.Oggi è più conosciuta come Radio Nacional e trasmette da Viedma a Ushuaia, da Bs. As a Formosa; ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia su 93.5 FM

www.oraitalia.blogspot.com. Ora Italia el programa de radio de los italianos en la Patagonia. Producido y realizado por la Asociación Emiliano Romagnola de la Comarca Viedma Carmen de Patagones. En convenio con "Un Mondo di Italiani" el periodico online del Molise y con la "Radio Emilia Romagna" la radio de la Región en Podcast.

scrivi a minacappussi@gmail.com

facebook: mina Cappussi – Mina Cappussi II – Mina Cappussi III – MINA CAPPUSSI FANS CLUB

Iscriviti al gruppo facebook: Un Mondo d’Italianihttp://www.facebook.com/group.php?gid=37063563859

IL FAN CLUB FACEBOOK:

http://www.facebook.com/mina.cappussi#!/pages/MINA-CAPPUSSI-FANS-CLUB/115534231816194?ref=sgm

Edita il PRIMO DIZIONARIO DELL’EMIGRAZIONE ITALIANA sotto l’egida del Ministero Affari Esteri e del Ministero dell’Istruzione.

mi dispiace, perdono, grazie, ti amo


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10