Fui e Sono Eddie Redmount. Mario Monterosso racconta in teatro l’emigrazione italiana verso il sogno americano

di Redazione UMDI

Mario Monterosso torna in Italia con la commedia musicale Fui e sono Eddie Redmount, al Teatro Manzoni di Roma. Con questo spettacolo, Monterosso restituisce un pezzo di storia comune a molti italo-americani, e non solo, ed anche una grande lezione di vita, quella del sacrificio e della forza associata al sorriso, di chi ogni giorno lotta per avere un futuro di speranza e libertà

(UMDI UNMONDODITALIANI) Passato, presente, futuro s’intrecciano. E’ necessario che il mondo conosca l’emigrazione italiana e la sua storia, che ne riconosca il valore, ciò che siamo stati per essere ciò che siamo ora. Davvero si conoscono la vita di coloro che si allontanano, il loro destino? E chi rimaneva? L’emigrazione italiana è stato un viaggio di dolore, speranza, aspettative e esperienze di crescita individuale, personale, sociale e culturale, ed è giusto che venga ricordata e NON dimenticata. Se poi il teatro può essere un’arte che contribuisce al ricordo, ecco che si parla di Fui e sono Eddie Redmount è lo spettacolo scritto, diretto ed interpretato da Mario Monterosso, musicista e compositore catanese, che torna in Italia con questa commedia teatrale, in scena il 16 Dicembre al Teatro Manzoni di Roma con la regia di Claudio "Greg" Gregori. Lo spettacolo è un racconto sincero, e divertente, del fenomeno che fece emigrare centinaia di Siciliani nel cosi detto Nuovo Mondo: l’America! Una commedia musicale nella quale chiunque abbia affrontato un addio al proprio paese ed alla propria terra natale, si riconosce e ripercorre un pezzo di quella storia. Un ritratto non nostalgico, ma diretto e sincero, a tratti folcloristico inteso come storia genuina e vera, che riporta alle radici della propria terra. La commedia nasce in realtà da un progetto discografico, che rende omaggio alla matrice siciliana dello swing (spesso sottovalutata) complice il fatto che il dialetto siciliano, grazie alla sua metrica, si presta alle sonorità di questo stile americano degli anni ’40 e ’50. Un percorso narrato attraverso dodici canzoni, dove il dialetto siciliano si fonde con l’americano e l’italiano, donando così un’identità precisa al personaggio che dentro di sé non riesce a dimenticare la sua terra, con i sui mille volti e colori. Attraverso la musica emerge la forza del dialetto catanese che fa scaturire il sorriso anche in situazioni difficili e tristi, celando un velo di nostalgia. I brani sono racchiusi in un disco dal titolo omonimo dello spettacolo e pubblicate dall’etichetta Goodfellas.

FUI E SONO EDDIE REDMOUNT

Prendendo in prestito il suo terzo nome, cioè Edoardo, ha immaginato la storia di un lontano parente che nel periodo a cavallo tra fine anni ‘40 ed inizi ‘50 affronta il viaggio che lo porterà dalla sua amata Sicilia alla grande meta del sogno americano di libertà e speranza, cioè New York City. Attraverso i dodici brani che compongono la colonna sonora, vengono narrati così i diversi episodi di Edoardo Monterosso, divenuto in terra americana Eddie Redmount. Un uomo che incarna il desiderio inconscio della felicità e della fortuna. Un viaggio quasi senza tempo, che inizia con la partenza del ferryboat fino all’arrivo ad Ellis Island, l’incontro con Sinatra e l’amore per Carmelina, figlia di un boss della malavita di Coney Island, fino all’arrivo di una lettera ricevuta dalla Sicilia e all’epilogo. Un mix fra realtà e romanzo, passato e presente, quasi un racconto personale ma all’interno di una cornice temporale diversa che mescola finzione e realtà. Il suo percorso di vita infatti è molto simile al parente immaginario: Mario, influenzato da piccolissimo per la musica grazie alla famiglia, comincia adolescente a scrivere le sue prime canzoni e forma la sua prima band. Da Catania a Roma, dove per 16 anni lavora presso il tribunale, alternando i faldoni agli spartiti musicali. Ed infine la decisione di trasferirsi nel 2016 a Memphis nel Tennessee, terra natale del grande Elvis. E quindi l’inizio della sua nuova vita, e della piena carriera musicale come chitarrista, compositore, produttore e cantante, cioè la sua vera essenza. Nelle sue vene scorre da sempre l’amore per lo swing, il blues, il country ed il rock’n’roll.

MARIO MONTEROSSO

Ha collaborato con diversi artisti: da Carmen Consoli, a Dale Watson, passando per i Jolly Rockers di Lillo e Greg e Tav Falco & The Panther Burns di cui ha prodotto due album. Curioso e sperimentatore, non si separa quasi mai dalla sua amata chitarra, alla quale alterna la scrittura musicale. Con il progetto “Fui e sono Eddie Redmount”, Mario Monterosso restituisce un pezzo di storia comune a molti italo-americani, e non solo, ed anche una grande lezione di vita, quella del sacrificio e della forza associata al sorriso, di chi ogni giorno lotta per avere un futuro di speranza e libertà.

29 / 11 / 2019


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-de-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10