Discarica di Sassinoro: Consiglio di Stato blocca i lavori. Esulta la gente

di Romina Nocera -

Dopo l’iniziale blocco della discarica di rifiuti di Sassinoro con l’ordinanza Del Consiglio Di Stato è arrivata la notificazione: “Il Consiglio di Stato non ha sospeso l’autorizzazione unica alla realizzazione e gestione dell’impianto di compostaggio nel Comune di Sassinoro”

(UMDI-UNMONDODITALIANI) “La Rete delle Associazioni e dei Comitati di Tutela Ambientale di Campania e Molise, prende atto con soddisfazione della Sentenza del Consiglio di Stato pubblicata in data odierna con cui si accoglie l'appello del Comune di Sassinoro e si ribalta la pronuncia del TAR Campania, bloccando momentaneamente la realizzazione dell'impianto di trattamento rifiuti per 22 mila tonnellate annue ubicato alle falde del Matese, a ridosso del fiume Tammaro e a confine con il Molise. La mobilitazione popolare continuerà con maggiore determinazione fino alla revoca in autotutela del Decreto di Autorizzazione emesso dalla Regione Campania, così come continuerà la lotta delle associazioni professionali, forze sociali e amministrazioni locali fino alla trattazione in sede di merito della controversia, con l'auspicio che con grande solerzia si avviino gli atti per la perimetrazione del Parco Nazionale del Matese al fine di scongiurare lo stravolgimento ambientale, la devastazione paesaggistica e lo snaturamento vocazionale della Valle del Tammaro e di una delle aree più belle e ricche dal punto di vista storico, archeologico e turistico del Centro-Sud d'Italia”. A seguito dell’ordinanza Del Consiglio Di Stato è arrivata la seguente notificazione: “Il Consiglio di Stato non ha sospeso l’autorizzazione unica alla realizzazione e gestione dell’impianto di compostaggio nel Comune di Sassinoro”. La New Vision, la società che realizzerà la mega discarica nell’area Pip del piccolo comune tra Campania e Molise, fa chiarezza sulla vicenda dal punto di vista giudiziario. La mobilitazione dell’amministrazione locale, del comitato e delle varie associazioni ambientaliste è finita davanti ai giudici amministrativi grazie al ricorso presentato dal Comune: prima il Tar, poi il Consiglio di Stato. Il ricorso era stato bocciato in primo grado. La New Vision dice: l’impianto di compost da 22mila tonnellate si farà. «Il cronoprogramma di attuazione e messa in esercizio proseguirà come previsto, secondo rigorosi criteri di piena tutela dell’ambiente, del territorio e degli abitanti», scrivono dalla sede campana.

11 / 06 / 2018

Ultimi aggiornamenti


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: già Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo - Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. - Tutor: Annarita Guidi. -

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10.