Dalla Francia arriva il Reddito Universale: Macron e il suo piano da 8 miliardi

di Romina Nocera -

“Fai di più per chi ha meno” lo slogan introdotto da Macron. Un progetto produttivo, educativo e solidale quello del Reddito Universale che attraverso un meccanismo “semplice, equo e trasparente” riattiverà il mondo del lavoro

(UMDI-UNMONDODITALIANI) Dalla Francia arriva la notizia dell’introduzione del “reddito universale”. Ad annunciarlo è il Presidente Macron che punta a garantire a tutti condizioni di vita minime; un piano anti povertà di circa 8 miliardi. Lo slogan scelto per la presentazione della “Strategia nazionale di prevenzione e lotta alla povertà” è “Fai di più per chi ha meno”. Obbiettivo del Presidente: “sradicare in una generazione la grande povertà”. Il piano è rivolto ai nove milioni di francesi, ovvero il 14% della popolazione che vivono in condizioni di povertà assoluta. Gli aiuti prevedranno una copertura sanitaria, asili, aiuti alle madri che tornano al lavoro, la colazione a scuola per i bimbi che vivono nella aree povere del paese, l’aumento degli aiuti per le famiglie monoparentali, e l’innalzamento a 18 anni dell’obbligo scolastico. Alla base del piano c’è una strategia che si fonda su due principi cardine: prevenzione della precarietà e aiuto al reinserimento nel mondo del lavoro. Il tutto è stato reso possibile grazie all’aiuto del Ministero della Sanità e della Solidarietà sociale. Una mossa che potrebbe far risalire le sue quotazioni in un contesto di difficoltà politica su più fronti e calo di popolarità. «Non possiamo più tollerare che la dignità dei bambini non venga rispettata» ha annunciato Macron, insistendo sul fatto che «non è un piano caritatevole ma un progetto produttivo, educativo e solidale, tre principi che sono le radici della Repubblica». Con questo piano il governo intende «combattere i nuovi volti della povertà e fondare lo Stato provvidenza del XXI secolo». Principale strumento del Piano sarà il «reddito universale», che sarà introdotto con una legge nel 2020 e che consentirà a tutti di vivere decentemente». Sarà un reddito «universale perché ognuno potrà pretenderlo non appena i suoi redditi passeranno al di sotto di una certa soglia». Un meccanismo «semplice, equo e trasparente», che riattiverà il mondo del lavoro: un contratto con impegni e responsabilità reciproci, corredato da «diritti e doveri supplementari» ha precisato il presidente. Chi vorrà beneficiarne dovrà infatti iscriversi in un «percorso di inserimento in cui sarà impossibile rifiutare oltre due offerte ragionevoli di lavoro» ha concluso.

14 / 09 / 2018

Ultimi aggiornamenti


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10