Covid e sovraffolamento carceri. Il garante del Molise scrive al presidente Mattarella

di Redaz.UMDI*

L'emergenza coronavirus scatena preoccupazione anche all'interno delle carceri italiane, al punto di spingere alcuni detenuti veneti a scrivere una lettera al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il Presidente ha, inoltre, accolto il commento di Leonitina Lanciano, Garante dei diritti delle persone private della libertà personale, comprendendo la difficile situazione delle carceri e promettendo di adoperarsi nei limiti delle sue possibilità.

(UMDI – UNMONDODITALIANI) Nelle scorse ore, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha risposto alla lettera dei detenuti veneti, contenente preoccupazione a seguito dell’emergenza coronavirus, e disapprovazione per quanto riguarda l’ulteriore limitazione della libertà personale messa in atto per evitare l’aggravarsi degli effetti del virus. Leontina Lanciano, Garante dei diritti delle persone private della libertà personale, commenta: “È necessario sottolineare come la perenne condizione di sovraffollamento e la conseguente precarietà delle condizioni di salute negli istituti penitenziari – soprattutto alla luce dell’emergenza sanitaria in corso – è la stessa segnalata da tutta la popolazione carceraria italiana, in tutte le case circondariali nazionali. In veste di Garante regionale dei diritti delle persone private della libertà personale ho raccolto direttamente, anche qui in Molise, le medesime sollecitazioni provenienti dai detenuti presenti nelle strutture di Campobasso, Isernia e Larino. Quale organo di garanzia, inoltre, mi sono già impegnata a far pervenire le istanze così ricevute alle Istituzioni competenti. Intanto, ritengo doveroso esprimere un sincero apprezzamento per le parole spese dal presidente Mattarella le quali, in una condizione di estrema difficoltà come quella attuale, offrono un sostegno e un conforto "istituzionale" di grande significato per l’intera popolazione carceraria”. Il presidente della Repubblica, Mattarella, di seguito, afferma: “Ho ben presente la difficile situazione delle nostre carceri sovraffollate e non sempre adeguate a garantire appieno i livelli di dignità umana e mi adopero, per quanto è nelle mie possibilità, per sollecitare il massimo impegno al fine di migliorare la condizione di tutti i detenuti e del personale della Polizia penitenziaria che lavora con impegno e sacrificio”.

*Editing by Francesca Risi

24 / 03 / 2020


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE QUOTIDIANO DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-De-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer.-Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Leonora Faccio, Monica Corda, Maurizio Barba.

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", che raccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale online degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professioni del web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonimo UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e su SKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina. La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica online con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10