Contrasto alla droga:il Molise c'è

di Ilenia Perrella-

Campobasso a Palazzo Vitale si è riunito il tavolo tecnico per il contrasto ha lo scopo di promuovere un coordinamento con le Amministrazioni locali, i Piani sociali, i responsabili del Sert, per la programmazione, su tutto il territorio regionale, di politiche di prevenzione e di contrasto alla droga, nonché di politiche per il trattamento e il recupero delle persone dedite al consumo di sostanze stupefacenti.

(UMDI UNMONDODITALIANI) La Regione Molise, in sede di concessione del patrocinio e dell’utilizzo dello stemma istituzionale, potrà chiedere che accanto alla dicitura “Con il patrocinio della Regione Molise” e al proprio logo venga riportato un motto, uno slogan, un avvertimento contro la ludopatia, la tossicodipendenza, l’alcolismo, il tabagismo, ovvero ogni altro fenomeno di rilevanza sociale. Lo ha deliberato la Giunta regionale approvando la Direttiva per la concessione del patrocinio gratuito, per l’adesione ai Comitati d’onore e per l’utilizzo dello stemma-logo istituzionale. È uno dei primi effetti di quanto concordato dal Tavolo tecnico per il contrasto alla droga, insediatosi qualche giorno fa a Palazzo Vitale. Alla riunione, presieduta dal governatore del Molise, hanno preso parte il sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale, consiglieri regionali di maggioranza e minoranza, l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Campobasso, i rappresentanti delle Procure di Campobasso, Isernia e Larino, la consigliera di Parità regionale, il direttore amministrativo dell’Asrem, esperti del Sert, il fondatore della Comunità terapeutica Molise “La Valle” di Toro. Istituito sulla base di un ordine del giorno votato dal Coniglio regionale, il Tavolo tecnico ha lo scopo di promuovere un coordinamento con le Amministrazioni locali, i Piani sociali, i responsabili del Sert, per la programmazione, su tutto il territorio regionale, di politiche di prevenzione e di contrasto alla droga, nonché di politiche per il trattamento e il recupero delle persone dedite al consumo di sostanze stupefacenti. La prima riunione del Tavolo è servita a evidenziare le diverse e complesse problematiche correlate al fenomeno droga prospettate da diverse angolazioni. Si è trattato di un primo approccio ricognitivo, cui farà seguito, di qui a un mese, un secondo incontro, nel corso del quale verrà stilato e approvato un programma che ponga in essere azioni di informazione capillare sul territorio contro le tossicodipendenze.

17 / 05 / 2019

Ultimi aggiornamenti


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10