Colori di un’apocalisse/La decomposizione dei manifesti pubblicitari. Alborghetti in mostra a Siena

di Serena Lastoria

Dal 6 ottobre al 4 novembre 2012, alla Rocca Aldobrandesca (Piancastagnaio, Monte Amiata-Siena) Roberto Alborghetti presenta “Colori di un’apocalisse. La decomposizione dei manifesti pubblicitari: una provocazione per gli occhi e la mente” mostra incentrata sulle sue provocatorie “Lacer/Azioni” : quaranta opere che rappresentano la decomposizione dei manifesti pubblicitari e dei “segni” sui muri e lungo le strade di paesi, città e metropoli. L’esposizione sarà accompagnata da forum e workshops rivolti soprattutto al pubblico degli studenti

lacer/azioni(UMDI UNMONDODITALIANI) Una Provocazione per gli Occhi e la Mente: è questo il fulcro della mostra di Roberto Alborghetti incentrata sulle sue provocatorie “LACER/AZIONI”, in programma dal 6 ottobre al 4 novembre 2012 presso la suggestiva Rocca Aldobrandesca di Piancastagnaio, sul Monte Amiata, in provincia di Siena. C'è già viva attesa per l'iniziativa, basta del resto navigare sul sito Blog Roberto Alborghetti dove le pagine dedicate all'evento sono cliccatissime in tutto il mondo (in questi giorni hanno superato i 50.000 visitatori). E titolo non poteva essere più azzeccato per questa esposizione eccezionalmente promossa dal Comune di Piancastagnaio e da Osa Onlus. Alborghetti presenterà una quarantina di opere che rappresentano il senso della sua ricerca artistica, basata sull'osservazione e sulla riproduzione di quella che è una delle tante “apocalissi” dei nostri tempi, ossia la decomposizione dei manifesti pubblicitari e dei “segni” sui muri e lungo le strade di paesi, città e metropoli. Roberto Alborghetti, con l'esposizione alla Rocca Aldobrandesca, entra con il suo sguardo in questa grande babele di colori e parole decomposti, lacerati e degradati (dal tempo, dall'ambiente e dall'uomo) per coglierne l'energia cromatica, ridando vita e ragione a ciò che è considerato, a tutti gli effetti, un rifiuto od un elemento disturbante (per l'occhio e per il panorama urbano). La storica Rocca di Piancastagnaio, con il suo impagabile scenario che evoca i passaggi del tempo, si offre come spazio ideale per esaltare il contrastante linguaggio dei colori e delle forme delle composizioni di Roberto Alborghetti. La mostra sarà accompagnata da forum e workshops rivolti soprattutto al pubblico degli studenti, ai quali sarannomostra alborghetti proposti anche i videoshows costruiti attorno ai videoclips che Roberto Alborghetti ha realizzato con le sue composizioni. In mostra anche tre singolari sciarpe di pura seta che Alborghetti ha realizzato in edizione limitata in collaborazione con il noto textile designer Bruno Boggia, che ha lavorato con i più celebri stilisti di moda internazionali. L’inaugurazione si terrà il 6 Ottobre 2012, alle ore 11 presso la Sala Conferenze del Comune di Piancastagnaio; Gli orari di apertura sono: 10-12,30/17-19,30 (sabato, domenica e tutti i festivi; dal 23 al 27 ottobre per gli eventi di Penne e Video Sconosciuti). Visite su appuntamento ed informazioni: telefono 0577/784134; e-mail: info@prolocopiancastagnaio.it.

PROMOCLIP: COLORI DI UN'APOCALISSE – ROBERTO ALBORGHETTI MOSTRA ALLA ROCCA 2012 LACER/AZIONI: TRA CONTAMINAZIONI E SPERIMENTAZIONI LACER/AZIONI è un progetto di Roberto Alborghetti, giornalista professionista, autore di saggi e biografie, fotografo. Da anni ha l'hobby di “catturare”, in giro per il mondo, particolari e dettagli dell'apparente caos della carta lacerata delle affissioni. Ha finora raccolto oltre 40.000 immagini che giocano a contaminarsi con stili, forme ed espressioni diversi. Impressionati dall'obiettivo digitale, poi trasferite su tela o su tessuti, riprodotte su litografia o scansionate in un videoclip, i particolari delle lacerazioni pubblicitarie sembrano riprendere nuova vita e ragione di essere, in una sovrapposizione di messaggi e di colori. Così afferma l’autore di LACER/AZIONI: “Ci riesce difficile pensare che dietro messaggi sbiaditi e stracciati ci possa essere ancora “qualcosa” da vedere o scoprire. Eppure, queste alborghettiimmagini continuano ad essere uno specchio della città che comunica, della città che parla. Sono le tracce ed i reperti post-comunicanti di un prodotto, di un evento, di uno spettacolo, di una idea… in cui è riconoscibile la città strappata, la città “scartata”, che si autodistrugge nei messaggi, che si auto-rigenera e si auto-riproduce in elementi visivi nuovi, spesso contrastanti, dissonanti, disarmonici, ma sempre sorprendentemente vitali.” L'attività collegata al progetto, ha visto Roberto Alborghetti tenere workshops nelle scuole nell'ambito delle sue esperienze sulla media education. Le sue immagini hanno inoltre suggerito la sperimentazione di test kinesiologici sugli effetti sensoriali e sinestetici. Nel 2009 ha pubblicato un album-portfolio che raccoglie una ristretta selezione delle migliaia di immagini impressionate in giro per il mondo nel corso della sua ricerca. Nel luglio 2010 Roberto Alborghetti ha tenuto una mostra presso Oriocenter (Aeroporto di Bergamo Orio al Serio) visitata da oltre trentamila persone; tema dell'esposizione: “Acqua,Terra, Fuoco, Aria”. Nel settembre 2011, il noto columnist dell'Huffington Post, Srini Pillay, autore di libri sul “Brain Imaging”, psichiatra all'Università di Harvard, ha dedicato alle LACER/AZIONI di Roberto Alborghetti un apporofondito articolo sullo stesso HuffPo. Nell'ottobre 2011, Alborghetti ha partecipato alla Parallax Art Fair di Londra, presso la Royal Opera Arcade. Il nascente Museo di Arte Contemporanea di Mercatello sul Metauro (Pesaro Urbino) creato dallo scultore Pasquale Martini, ha voluto che una tela di Alborghetti figurasse accanto alle opere pittoriche di artisti italiani e mondiali. Nel 2011, Roberto Alborghetti ed il textile designer Bruno Boggia - che ha lavorato con i più celebri stilisti internazionali – hanno dato vita ad una singolare sperimentazione che ha portato alla creazione di 3 sciarpe di seta, in edizione limitata,alborghetti 2 basata sulle immagini dei poster decomposti di LACER/AZIONI. Una delle più attive e note blogger americane, Marina Chetner, dal suo blog newyorchese di WordPress ha definito le sete di Alborghetti “il prossimo grande trend della moda”. Il mondo della moda d'Oltreoceano ne è stato subito incuriosito ed affascinato, come gli stilisti emergenti Rolando Santana ed Alvin Thompson (NewCouture). LACER/AZIONI è condiviso sul web attraverso Artslant, Facebook, LinkedIn, MySpace, Pinterest, Twitter. Su WordPress le “gallerie virtuali” di Alborghetti hanno già attirato oltre 50.000 visitatori di tutto il mondo. Su YouTube, oltre 10.000 i downloads dei videoclips che Alborghetti ha creato in collaborazione con artisti musicali di varie Nazioni: qui il linguaggio delle immagini si fonde con quello della musica, originando a sua volta nuovi flussi e frammenti sonori e visivi. Il progetto di Roberto Alborghetti è aperto anche a sperimentazioni e contaminazioni, come quelle avvenute con esperti e compositori di musicoterapia e con autori americani di “Haiga” (immagini associate alle composizioni- Haiku). ROBERTO ALBORGHETTI / Nota biografica. Giornalista professionista, autore di una quarantina tra saggi e biografie, ha lavorato in periodici e quotidiani (è stato inviato de “L’Eco di Bergamo”), ha curato documentari televisivi, dirige riviste specializzate nel settore della didattica, dell’edutainment e della formazione. Coordina workshops e progetti sull’uso dei mezzi di comunicazione e sulla lettura all’immagine. Per l’attività giornalistica ha ricevuto il Premio Acqui Terme, il Premio Beppe Viola, il Premio Anmil Sicurezza sul Lavoro. Ha vinto l’ European Award for alborghettiEnvironmental Reporting – il cosiddetto “Pulitzer” europeo sulle tematiche ambientali - assegnatogli nel 1992 nel Parlamento Europeo.

MINA CAPPUSSI: “UN LINGUAGGIO DALL'ECCEZIONALE FORZA EVOCATIVA”

Mina Cappussi, scrittrice e giornalista, docente presso l'Università Roma Tre e direttore dell'agenzia internazionale “UNMONDODITALIANI” ha così scritto: “Una visuale del riciclo che restituisce emozioni, una dinamica di linguaggio dall’eccezionale forza evocativa, una inquadratura della realtà che trascende i canoni e solletica la fantasia. E’ ciò che mi viene in mente osservando le opere di Roberto Alborghetti, collega giornalista, che ha scelto di mettere a tacere le parole e far parlare le immagini. Ma si tratta di immagini inconsuete, lontane dalla visione comune, immagini non manipolate, “naturali”, possiamo dire. Sì, perché Alborghetti “spia” i manifesti, le pubblicità, tutto ciò che è immagine cartacea incollata, strappata, riattaccata, in una sovrapposizione di stili,mina cappussi colori, messaggi, espliciti o subliminali. Alborghetti procede semplicemente, genialmente, ad una rilettura di quei messaggi, alla luce delle sovrapposizioni, come una fotografia con un tempo di posa lunghissimo, all’interno del quale si consumano emozioni, sensazioni, eventi a contaminare la scena originale. Quando il tempo tende all’infinito anche lo spazio assume nuove e incredibili dimensioni. La “contaminazione” diviene arte, quando si riesce a leggerne il messaggio nascosto, quando si scoprono nuovi punti di osservazioni, sbarazzandoci di sistemi di giudizio canonici. Sono le Lacer/Azioni di Alborghetti, movimento e azione che nasce dalla rottura degli schemi, opere d’arte racchiuse in frammenti di carta strappata, deposta come bacello fecondo, sui muri di tutto il mondo.”

® Riproduzione vietata. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

UN MONDO D'ITALIANI -- ITALIAN INTERNATIONAL DAILY MAGAZINE

www.unmondoditaliani.com

UMDI un mondo di italianiAgenzia Stampa, Casa Editrice, Giornale Quotidiano Internazionale, con sede a Bojano, a Campobasso, a Roma (via Zanardelli, 36) e a Viedma, in Patagonia, già autorizzato nel 2006 dal Tribunale di Campobasso N.2/96, come edizione on line de “LA VOCE DEL POPOLO” e nel 2010 come e-magazine indipendente. Diretto da Mina Cappussi, sede di STAGE per l’Università Roma Tre,associato al quotidiano ORA ITALIA della Patagonia Argentina e all’emittente radiofonica pubblica del sud America, Radio Nacional.

Ora Italia el programa de radio de los italianos en la Patagonia. Producido y realizado por la Asociación Emiliano Romagnola de la Comarca Viedma Carmen de Patagones. En convenio con el periodico "Un Mondo di Italiani".

Scrivi a minacappussi@gmail.com

facebook: mina Cappussi – Mina Cappussi II – Mina Cappussi III – MINA CAPPUSSI FANS CLUB

Iscriviti al gruppo facebook: Un Mondo d’Italiani

Edita il PRIMO DIZIONARIO DELL’EMIGRAZIONE ITALIANA www.dizionarioemigrazione.it, sotto l’egida del Ministero Affari Esteri e del Ministero dell’Istruzione.

mi dispiace, perdono, grazie, ti amo

25 / 09 / 2012


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-de-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10