Champions League: la sorpresa Monaco in semifinale. Battuto al Louis il Dortmund di Tuchel

di Antonio Rocco

Finisce 3-1 al Louis per i monegaschi, che dopo il 3-2 dell’andata ipotecano la semifinale. Illusorio il gol di Reus al 3’ della ripresa.

(UMDI-UNMONDODITALIANI) Monaco, dopo il 3-2 a Dortmund di una settimana fa batte ancora il Borussia, stavolta con un 3-1, e staccano il biglietto per le semifinali della Champions 2016-17. Insieme a Juve, Real e Atletico Madrid, c'è la mina vagante biancorossa, che qualcosa concede sempre ma in avanti è devastante. Merito di una coppia perfetta, il 18enne Mbappé e il 31enne Falcao, che ieri hanno cancellato sul nascere qualunque progetto di ribaltone dei tedeschi. Non succedeva da otto anni che la Germania si ritrova senza semifinaliste nella coppa dalle grandi orecchie. Gli applausi del Louis II per Marc Bartra, difensore del Borussia rimasto ferito nell'attentato di Dortmund, regalano sorrisi ed emozioni: lo spagnolo saluta e poi si accomoda in tribuna mostrando una maglietta con gli stemmi delle due squadre e la scritta "Fuerza Bartra". Quanto hanno inciso i fatti dell'11 aprile sulla prestazione dei gialloneri? Tanto, specialmente all'andata, stasera invece a disorientare la banda di Tuchel sono stati i gol e le ripartenze dei biancorossi di Jardim. E le scelte iniziali: il tecnico del Borussia ha sorpreso tutti puntando su un 3-4-2-1 con Durm sulla destra (e Dembelé in panca) per contenere le discese di Mendy e Lemar, ma la mossa si è rivelata letale. Perché è sulla corsia mancina che il Monaco ha costruito i suoi due gol in 17 minuti: al 3' Mendy arriva al tiro e Mbappé infila dopo una respinta tragicomica di Burki, 15 minuti dopo ci pensa El tigre, lasciato solo da Ginter, a raddoppiare di testa su cross di Lemar dopo una bella combinazione con i soliti Mendy e Mbappé. Tuchel corregge presto l'errore (dentro Dembelé al 27'), ma l'unica occasione giallonera nel primo tempo arriva da fermo, con una punizione di Sahin che si stampa sul palo quando siamo sull'1-0.

Orgoglio Reus

L'orgoglio di Reus riapre i giochi al 3' della ripresa, ma esaurita una spinta fatta più di possesso che di occasioni vere e proprie (a sfiorare il gol sono ancora Falcao e Mbappé), la rincorsa del Borussia si spegne. Quando Germain segna il gol del 3-1 al 36', pochi secondi dopo essere entrato in campo, i gialloneri hanno già alzato bandiera bianca. E il Monaco vola in semifinale di Champions per quarta volta nella sua storia, dopo 13 anni.

20 / 04 / 2017

Ultimi aggiornamenti


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/a, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: già Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo - Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. - Tutor: Annarita Guidi. -

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziarioufficiale delprogetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore.

Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti.

Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione.

Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it- di Mina Cappussi - email minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10.