Campobasso, sanità ridotta all'osso. Intervengono i militari

di Ilenia Perrella-

La Sanità molisana è diventata un campo di battaglia. Le soluzioni creative non tardano ad arrivare... Come? Facendo appello all'esercito! Qui gli aggiornamenti recenti.

(UMDI UNMONDODITALIANI) Abbiamo assistito, sotto l’egida di tutte le formazioni politiche che si sono succedute, ad una colonizzazione clientelare delle strutture pubbliche che sono state progressivamente smantellate fino ad arrivare alla situazione attuale e, contemporaneamente, ad una progressiva ipertrofia delle strutture private,che hanno drenato sempre più fondi pubblici. In un territorio con 300.000 abitanti, i sei ospedali presenti più le altre strutture pubbliche, sarebbero state più che sufficienti a creare una ottima sanità per i cittadini , senza debiti. Invece si è deciso di espandere la spesa con l’accreditamento di strutture private e la gestione mirata alle esigenze clientelari e non ai bisogni reali della popolazione. Ciò ha determinano un debito pubblico enorme che ha portato al commissariamento della nostra sanità. Per questo motivo, Iorio prima e Frattura dopo, hanno acceso due mutui di 50 e 250 milioni di euro che noi cittadini stiamo pagando. In pieno commissariamento, Iorio ha proceduto alla rottamazione dei medici che ha determinato un primo importante depauperamento del personale. Associando questa rottamazione al blocco del turnover si arriva alla drammatica situazione attuale di carenza di personale con la necessità di chiamare i militari. Non dimentichiamo, inoltre, che il primo atto dopo l’accensione del mutuo di 250 milioni da parte di Frattura è stato quello di pagare 87 milioni per prestazioni extrabudget,senza alcuna verifica ed oggetto di contraddittorio legale, ad alcune strutture private. Con l’ultimo POS si è accentuato lo smantellamento delle strutture pubbliche ed il trasferimento di posti letto e servizi ai privati convenzionati. Ciò ha determinato pronto soccorsi intasati, malati lasciati per giorni su barelle, tempi biblici per ricoveri e prestazioni. Le lunghe liste di attesa per gli interventi, dovute oltre che alla carenza di posti letto nel pubblico anche alla drammatica carenza di medici, sono alla base della notevole migrazione sanitaria che ha raggiunto il 28%, la più alta in Italia, come riferiscono le agenzie nazionali. Dopo 12 anni di commissariamento abbiamo una sanità pubblica disastrata, un privato convenzionato ipertrofico ed ancora un debito pubblico presente. Questo debito di 22 milioni nell’ultimo anno, per 15milioni è determinato da prestazioni da pagare ai privati convenzionati. Il Forum in difesa della sanità pubblica di qualità, di fronte a questo disastro attuale chiede ai Commissari ad acta di procedere ad un’attenta analisi dell’origine e del permanere del debito pubblico per individuarne le vere cause e procedere alla correzione di quei fattori che lo determinano e invita la popolazione, in assenza di forze politiche che possano difendere un bene comune come la sanità pubblica, a mobilitarsi per bloccare l’attuale disastro che sta privando tutti noi ed i nostri figli di un servizio fondamentale.

07 / 06 / 2019

Ultimi aggiornamenti


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-de-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10