Borghi molisani sostenibili e il Giubileo della Luce. Inaugurata intesa Anci con il Ministero dell’ambiente

di Romina Nocera -

“Puntare sull’illuminazione sostenibile significa aiutare l’ambiente ma anche, come in questo caso, mettere in risalto l’Italia dei comuni e la sua strettissima relazione con il Capitale Naturale”. Con queste parole si apre il Giubileo della Luce, per la valorizzazione dei comuni e dei Borghi, punto forte del Molise

(UMDI-UNMONDODITALIANI) Lavorare insieme, una giornata dedicata dall’Energia e alla mobilità sostenibile. Parte così l’intesa tra Anci e il Ministero dell’Ambiente volta a valorizzare i comuni e i Borghi meno conosciuti e mettendo in evidenza tesori storico-religiosi, cattedrali e luoghi di culto a lungo ignorati. Così, ha preso forma il progetto “Giubileo della Luce “al fine di coniugare efficienza energetica e valorizzazione del patrimonio religioso, culturale e ambientale dei comuni italiani. Ai primi 17 interventi in 11 Regioni, finanziati con 1 milione e mezzo di euro del Ministero, oggi si aggiungono altre risorse e, la graduatoria oltre alla già premiata Roccavivara grazie al suo splendido 12esimo posto, vede premiare Guardialfiera e la sua Porta Santa, la prima della Cristianità Mondiale, con il suo 20esimo posto, sperando in un ampliamento della graduatoria premiale. Infatti, altri Comuni Molisani ricoprono posti che vanno dal 33esimo di Sant’Elia a Pianisi, 37esimo di Montagano, 39esimo Sepino, 42esimo Castelpetroso, 50esimo Guardiaregia. Esclusi poiché 56esimo 58esimo, Bojano e Sant’Angelo Limosano. Roccavivara e Guardialfiera sono oggetto di un finanziamento pari ad euro 100.000 per Ente. “Puntare sull’illuminazione sostenibile – afferma il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti – significa aiutare l’ambiente ma anche, come in questo caso, mettere in risalto l’Italia dei comuni e la sua strettissima relazione con il Capitale Naturale. Il Giubileo della Luce – spiega il ministro – ha origine da un messaggio straordinario, quello universale del Santo Padre e del suo impegno per la Casa Comune: è un progetto – conclude Galletti – che vogliamo portare avanti, anche con nuove risorse, nella direzione di un ambiente sempre più protagonista della crescita sostenibile dei territori e delle comunità che li abitano”. “Sono contento nel constatare la risposta dei colleghi dei Comuni, oggi qui numerosi. È un’occasione importante per ascoltare le istanze e i fabbisogni di tutte le amministrazioni – piccole, medie e metropolitane – sui principali temi che compongono la sostenibilità energetico-ambientale. Come Associazione intendiamo riportare le istanze dei Comuni all’interno di una piattaforma organica di posizionamento verso i nuovi interlocutori di Governo”. Lo ha detto il sindaco di Parma e presidente della Commissione Anci ambiente, energia e rifiuti, Federico Pizzarotti, intervenendo ai lavori della Giornata per il clima, energia e mobilità sostenibile organizzata presso la sede nazionale dell’Anci il 10 aprile per fare il punto sui principali temi energetico ambientali d’impatto a livello urbano. “Solo attraverso un costante dialogo tra i livelli di governo si riesce a garantire il raggiungimento degli obiettivi, attuazione efficace e ottimale utilizzo delle risorse”, ha aggiunto Pizzarotti. Al dibattito del 10 aprile, insieme al segretario generale dell’Anci Veronica Nicotra, sono intervenuti tra gli altri il direttore generale direzione per il mercato elettrico, le rinnovabili e l’efficienza energetica e il nucleare del Mise Sara Romano, il presidente e ad del Gse Francesco Sperandini e il presidente di Enea Federico Testa. Il progetto vuole in particolare valorizzare, con la forza della luce sostenibile, quei comuni piccoli meno conosciuti, ma in cui sono presenti i tracciati dei “cammini” o antiche vie (ad esempio le Vie Francigene) assieme ad elementi di forte attrattività come aree parco o naturalistiche, piccoli tesori d’arte o importanti testimonianze storiche e religiose, come anche prodotti e tradizioni artigianali e culturali delle tante comunità locali italiane. Uno scopo ancora più motivato alla luce degli ultimi eventi sismici che hanno colpito diverse località interessate dal progetto. L’illuminazione è dunque ancora più fortemente chiave di rinascita di questi luoghi, di conoscenza dei luoghi meno noti al grande pubblico a livello nazionale e internazionale, capace di disegnare un itinerario di progetti sul territorio omogenei tra loro e replicabili su scala nazionale, nel rispetto delle specificità locali. Dei 134 comuni che hanno inviato la propria candidatura, 50 hanno presentato un progetto che ha raggiunto nella fase di valutazione svolta da Anci un p punteggio ritenuto qualitativamente sufficiente (almeno 50/100). Da un punto di vista tecnico, la luce sarà non invasiva, servirà a valorizzare il sito e le sue potenzialità, dove possibile contribuirà a creare zone di socializzazione negli spazi pubblici urbani, metterà in relazione i siti scelti con il territorio circostante, le emergenze architettoniche, i beni culturali ed ambientali, creerà assi visivi per segnalare con sobrietà la presenza del sito anche a distanza. Da un punto di vista progettuale e dei fondi destinati al territorio, si tratta di un progetto pilota per attivare a livello locale investimenti capaci di stimolare economia, valore e creatività su ampia scala, promuovendo nello stesso tempo l’approccio del viaggio lento e della mobilità a basso impatto ambientale come nuovo paradigma di sviluppo. Una giornata che ha visto confrontarsi Municipalità quali Assisi, Monteriggioni, Fossacesia, Sessa Aurunca, Cerignola, Colle Val D’Elsa, Roncisvalle, Piovà, Massaia, Rapino, Caravaggio, Ficulle, Acerenza, Greccio, Anagni, Otranto, Frassinoro, Fara San Martino ed appunto, Roccavivara e Guardialfiera. E’ giusto ricordare che Guardialfiera ha visto come alfiere del progetto, oltre i Borghi d’Eccellenza, il suo maestro culturale “Vincenzo di Sabato” a cui davvero vanno i ringraziamenti per la sua tenacia e la sua voglia Culturale che ha dell’incredibile e pone al vento che spande su tutto il territorio, la giusta e contagiosa Positività. Presenti il Sindaco Vincenzo Tozzi, i consiglieri Giuseppe Ruggiero ed Itala Troilo per Guardialfiera, il Sindaco Franco Antenucci ed il Consigliere Giuseppe Porfirio per Roccavivara, accompagnati dal coordinatore dei Borghi d’Eccellenza, Maurizio Varriano.

15 / 04 / 2018

PER LA TUA PUBBLICITA' SUL QUOTIDIANO INTERNAZIONALE UN MONDO D'ITALIANI RIVOLGITI AL NOSTRO UFFICIO COMMERCIALE, al 338 8918 290. Condizioni speciali di abbonamento. Sostieni il quotidiano che arriva direttamente al cuore, nato dalla passione, fatto con professionalità. Puoi fare una donazione liberale detraibile dalle tasse sull’Iban IT66Y 02008 40971 00010 5033856 intestato all’associazione di volontariato onlus Centro Studi Agorà Mediapolis Un Mondo d’Italiani.

________________________________

®© Riproduzione vietata. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

UN MONDO D'ITALIANI -- ITALIAN INTERNATIONAL DAILY MAGAZINE

www.unmondoditaliani.com

www.unmondoditaliani.it

www.minacappussiartista.it

www.molisenoblesse.com

Agenzia Stampa, Casa Editrice, Giornale Quotidiano Internazionale, con sede a Bojano, a Roma (via Zanardelli, 36) e a Viedma, in Patagonia, già autorizzato nel 2006 dal Tribunale di Campobasso N.2/96, come edizione on line de “LA VOCE DEL POPOLO” e nel 2010 come e-magazine indipendente. Diretto daMina Cappussi,diffuso in ogni angolo del pianeta in cui vi sia una comunità italiana,sede di STAGE FORMATIVI per l’Università Roma Tre,associato al quotidianoORA ITALIAdellaPatagonia Argentinae all’emittente radiofonica pubblica del sud America, Radio Nacional,Ora Italia el programa de radio de los italianos en la Patagonia. Producido y realizado por la Asociación Emiliano Romagnola de la Comarca Viedma Carmen de Patagones. En convenio con "Un Mondo di Italiani" el periodico online del Molise y con la "Radio Emilia Romagna" la radio de la Región en Podcast.

Scrivi a minacappussi@gmail.com

facebook: Mina Cappussi – Mina Cappussi II – Mina Cappussi III – Mina Cappussi Cinque

Iscriviti ai gruppi facebook: Un Mondo d’Italiani , TG facebook

Pagine facebook:MINA CAPPUSSI FANS CLUB, Traduci Detti Molisani in Inglese, Mina Cappussi 4

Edita il PRIMO DIZIONARIO DELL’EMIGRAZIONE ITALIANA www.dizionarioemigrazione.it, mi dispiace, ti prego perdonami, grazie, ti amo

Pua mai au mai ka po iloko o ka malamalama

sito mina cappussi artista:

http://www.minacappussiartista.it

http://www.premioceleste.it/artista-ita/idu:76841/

Ultimi aggiornamenti


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/a, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: già Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo - Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. - Tutor: Annarita Guidi. -

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10.