Bojano: Terre Longhe, il quartiere degrado salvato dai cittadini

di Samuele Doganiero

PaoloBonavita un ragazzo come tanti altri, soli 24 anni e già un senso di appartenenza e di responsabilità. Ha provvisto, insieme ad altri vicini del quartiere, a ripulire le piazze delle case popolari, come dimostrazione dell’amore per il suo paese.

(UMDI – UNMONDODITALIANI) Erba alta quasi un metro, sporcizia, insetti. Il degrado è grande a Terre Longhe, il popoloso quartiere di Bojano, circa mille abitanti, lasciato nello stato di abbandono da molti, troppi mesi. Una bella piazza, ampia, sorvegliata dall’effige della Madonna di Lourdes, i bambini che giocano a pallone tra le erbacce, con il pericolo, sempre presente, di veder sbucare una vipera. Ma è l’unica piazza di cui dispongono, l’unico punto di aggregazione di una comunità spesso bistrattata. Ma loro non ci stanno a fare i reclusi, e hanno deciso di ribellarsi con il sorriso sulle labbra, rimboccandosi le maniche e dandosi da fare per combattere il degrado. Paolo Bonavita è un ragazzo come tanti altri, soli 24 anni e già un senso di appartenenza e di responsabilità che gli fa onore, ha avuto l’idea di procedere in maniera ufficiale per intervenire, come cittadino attivo vicino alla comunità. Paolo, insieme alla madre Mariateresa dopo aver chiesto il permesso al comune, al responsabile ufficio Lavori Pubblici del comune di Bojano, Bernardino Primiani, hanno subito iniziato i lavori, pochi strumenti e tanta volontà. Dotati di scope, decespugliatore e sacchi dell’immondizia Paolo, la madre Mariateresa e tutti gli aderenti tra cui Lucia, Francesca e Mario hanno iniziato a pulire le erbacce e il pattume di piazza Giovanni Paolo II differenziando anche la plastica dall’umido. L’idea di Paolo, realizzata tutta a sue spese, è nata per una questione personale, ovvero ripulire il quartiere dov’è cresciuto e dove molti bambini oggi stanno crescendo, e soprattutto per dare esempio agli altri ragazzi della piccola comunità.

CASETTE IN LEGNO

Sarebbe una bella idea anche quella di recuperare dei fondi immobiliari persi a causa della cattiva gestione, adiacenti alle piazze precedentemente nominate. Si tratta di una ventina di casette in legno, in passato adibite alle scuole elementari e medie, che non essendo periodicamente curate sono andate verso il degrado. Vengono ormai utilizzate dai teppisti e dai tossicodipendenti per soddisfare le proprie necessità.

11/07/2019


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-de-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10