Bojano: è epidemia. In arrivo uno stregone dall’Africa centrale

di Mina Cappussi e Antonio Rocco

stregone africanoIl “professionista” è già sul volo Bangui–Roma e una delegazione dell’amministrazione Di Biase è già partita alla volta della capitale per accoglierlo con tutti gli onori. Dovrà fare una danza salva-giunta e fermare l’emorragia di palazzo San Francesco. Impresa ardua, che la medicina ufficiale di Villa Esther non è riuscita a compiere. Ci riuscirà il negromante?

(UMDI – UNMONDODITALIANI) Moria assessorile. Una nuova malattia? No, una modalità fresca fresca di gestione della cosa pubblica targata Marco Di Biase. Che succede a Palazzo San Francesco? Gli assessori e i consiglieri con delega si perdono per strada, smarriscono la strada, brancolano senza meta, uno ad uno rassegnano le proprie dimissioni dalla carica, rimettono la delega. Sembra un’epidemia, e non c’è, al momento, un vaccino utile a fermarla. Almeno dal punto di vista della “medicina ufficiale”. Quella seguita nella clinica locale Villa Esther, quella da protocollo degli ospedali molisani. Per trovare una formula arresta-assessori si dovrà ricorrere ad uno stregone e sembra che sia già partita la ricerca, presso le agenzie di riferimento, per un negromante o un fattucchiero dell’Africa centrale, pronto a sbracciarsi nell’agognata danza salva-giunta, in grado di arrestare l’emorragia delle deleghe all’interno di Bojano Futura, la lista che ha ottenuto la vittoria dei voti alle ultime elezioni amministrative del 5 giugno 2016 con il rinforzo di Paolo Di Laura Frattura. Sta per scoccare il fatidico primo anno e il gruppo si frammenta, mostra segni di cedimento, lascia supporre attriti e contrasti.

E dunque, cominciamo dall’inizio.

Come un fulmine a ciel sereno arrivano le dimissioni dei componenti dell’ufficio di presidenza, composto dai professionisti Sergio Perrella e Giacomo Papa. E’ poi la volta della delega alle Politiche sociali rimessa al sindaco da Carmen Zuccarino, che resta una semplice consigliera. Stessa sorte per Silvio Perrella, medico e odontoiatra, che rassegna le dimissioni da capogruppo. Sembrava finita e invece la ciliegina sulla torta l’ha messa Roberta Scinocca, che sulla scrivania del sindaco, Marco Di Biase, ha rimesso le deleghe alle ‘Politiche comunitarie, fondi europei e fondi nazionali’. Anche Roberta è ormai solo una semplice consigliera, per il momento ancora nella maggioranza.

Che c’è dietro?

UN MONDO D’ITALIANI lo sa, ma per il momento scegliamo strategicamente di stare zitti e lasciare ai lettori la possibilità di interrogarsi da soli su quello che sta succedendo in comune, con il bilancio della vecchia amministrazione Silvestri che ha lasciato buchi a non finire e soldi, tanti soldi, spesi male. Dunque, all’ennesima rinuncia che ha fatto Marco Di Biase? Ovviamente ha accettato le dimissioni di Roberta Scinocca, nominando immediatamente il sostituto. Il nuovo assessore è Donato Toma, commercialista di Campobasso, attuale presidente dell’Ordine dei Commercialisti e già assessore comunale di Campobasso durante la legislatura di Gino Di Bartolomeo. Di Biase ha assegnato a Toma le deleghe che erano della Scinocca, ‘Programmazione economica, finanza, bilancio, tributi e patrimonio’.

DUE ASSESSORI ESTERNI E LA GIUNTA FA LA CURA DIMAGRANTE

Con Toma sono due gli assessori esterni della Giunta guidata da Di Biase, che si compone di due assessori legittimati dal voto popolare, il vice-sindaco Virgilio Spina (Lavori Pubblici) e Angelo Arena (Turismo, Spettacolo, Eventi della Tradizione Locale, Viabilità e Traffico, Decoro Urbano, Artigianato e Industria) e due assessori esterni esperti sulle tematiche specifiche loro affidati, Donato Toma e Michelina Iannetta, quest’ultima, lo ricordiamo, a zero spese per i cittadini avendo rinunciato alle indennità di carica.

UN’ALTRA EPIDEMIA

Ma lo stregone in arrivo direttamente dall’Africa centrale dovrà risolvere un’altra epidemia, quella dei segretari comunali. Ben cinque, anzi sei, in meno di un anno di mandato.

Dal primo aprile è Ciro Ramunni 45 anni, campano, il nuovo segretario nominato da Di Biase il 30 marzo, già segretario di Trivento, e attualmente a Sant’Elia a Pianisi, Monacilioni e Montagano. E’ il sesto in ordine di tempo per 9 mesi di mandato, al pari di una gestazione ordinaria di gravidanza.

Questa la lista dei dimissionari e dei silurati in ordine di tempo.

SEGRETARIO N.1

All’atto dell’insediamento c’era Domenico Nucci, nominato dal precedente Sindaco Silvestri e quindi inviso all’amministrazione successiva.

SEGRETARIO N. 2

E’ seguito Antonello Carlone, rimasto in carica 70 giorni, poco più di Papa Giovanni Paolo I, al secolo Albino Luciani, il cui papato durò dal 26 agosto 1978 al 28 settembre 1978, e sulla cui morte pesanti importanti ipotesi di assassinio. Nel nostro caso nessun caffè avvelenato è stato servito e i motivi sarebbero (il condizionale è d’obbligo) personali.

SEGRETARIO N. 3

Il terzo, a scavalco, è stato il segretario di Capracotta, Mario Giovanni Barone, di cui poco sappiamo.

SEGRETARIO N. 4

il quarto, sempre a scavalco, Silvia Perrella, nota professionista.

SEGRETARIO N. 5, O FORSE NO

In realtà doveva essercene addirittura un sesto, Cosimo Francesca, già titolare di Cercemaggiore e Montesarchio che aveva avuto un incontro con il sindaco accettando l’incarico e subito dopo rinunciandovi.

SEGRETARIO N. 6

Ciro Ramunni 45 anni, campano, nominato da Di Biase il 30 marzo, già segretario di Trivento, e attualmente a Sant’Elia a Pianisi, Monacilioni e Montagano.

Insomma, 6 segretari comunali in una “gestazione” di 9 mesi, dimissioni di due consulenti esterni, due assessori, due componenti dell’ufficio di presidenza: sì, ne conveniamo, i conti lasciati da Silvestri e Company non tornano facilmente, ma a ben guardare qualcosa che non funziona c’è, e sarebbe il caso di affrontare il problema prima che sia troppo tardi, visto che in città si vocifera delle possibili dimissioni anche del sindaco e quindi di un ritorno alle urne per i bojanesi. Speriamo si tratti di voci senza fondamento e che l’amministrazione Di Biase riesca a riprendere il bandolo della matassa imbrogliata all’inverosimile di palazzo San Francesco. Altrimenti arriva lo stregone. E allora saranno guai!

04 / 04 / 2017

Ultimi aggiornamenti


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-de-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10