Barcellona Juventus. Catalani ko. La vecchia signora in semifinale di Champions

di Antonio Di Monaco-

Juventus da sogno. Una qualificazione merita per i Drughi. Sono ora in semifinale di Champions League. Grande prestazione contro il Barcellona sia all'andata che al ritorno. Messi inesistente in entrambe le partite.

(UMDI- UNMONDODITALIANI) Barcellona Juventus, quarti di finale di ritorno finisce a reti inviolate, zero a zero. Può esultare il popolo bianconero, la dirigenza, e sopratutto il grande mister Massimiliano Allegri. Ora la vecchia signora è in semifinale di Champions League dopo una nuova e grande prestazione contro i Catalani al Camp Now. La Juve ha rischiato pochissimo e ora può pensare solo al sorteggio di venerdì a Nyon. Tutti i complimenti bisogna farli in primis hai ragazzi, per quello che hanno fatto e che stanno facendo in questa magnifica stagione. I Drughi hanno fatto un passo in avanti contro un grandissimo avversario. Hanno svolto una gara molto difensiva, sono partiti bene, poi in certe occasioni si sono "un pò rilassati". Sono stati sempre in partita, e sopratutto concentrati al cento per cento. Il passaggio è meritato. Questo non è di certo un traguardo, la Juventus ci crede, non vuole di certo fermarsi qui. Cercherà in tutti i modi di arrivare alla finale di Champions che si svolgerà a Cardiff. Hanno tutte le carte e le possibilità per raggiungere tale obbiettivo. Questo è il momento in qui si decide la stagione e di certo non devono mollare proprio ora. Sono professionisti veri e proprio e hanno un grande senso di responsabilità. Bisogna inchinarsi di fronte a questa squadra. Miglior difesa di Champions (solo 2 gol subiti) e miglior difesa del campionato (20). Unica squadra italiana ad aver raggiunto 7 volte la semifinale della Champions. In 5 delle precedenti 6 ha poi centrato la finale. Nella storia della Champions è avvenuto solo in altre due occasioni: nel 2012-13 col Bayern Monaco e nel 2007-08 col Manchester United. La Juve non subisce gol in Europa da 531 minuti, al momento la striscia più lunga della competizione. Chiamatela pure blindatura, come evoluzione del catenaccio, orgoglio e storia del nostro calcio. Resistente a tutto e interpretato con tale sublime pienezza da sollevare rimpianti solo per le numerose occasioni avute e sciupate per chiudere il confronto al Camp Nou con un successo che sarebbe stato ampiamente legittimo. Lustratevi gli occhi, la Juve ha appena cominciato. Nessuna è come lei. Nessuno potrà ora fermarla.

20 / 04 / 2017

Ultimi aggiornamenti


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/a, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: già Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo - Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. - Tutor: Annarita Guidi. -

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziarioufficiale delprogetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore.

Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti.

Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione.

Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it- di Mina Cappussi - email minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10.