Attività fisica: non è mai troppo tardi per cominciare a volersi bene

di Andrea De Marco -

Secondo i risultati di un nuovo studio americano i benefici sulla salute sarebbero simili sia che si cominci durante l'adolescenza che in età adulta

(UMDI-UNMONDODITALIANI) Non è mai troppo tardi per mettersi in gioco. O, più semplicemente, per cominciare a svolgere un po' di attività fisica e beneficiare di tutti gli effetti positivi sulla nostra salute, come ridurre il rischio di mortalità e combattere le malattie cardiovascolari, le infezioni, i tumori. A suggerirlo è uno studio appena pubblicato su Jama Network Open, nel quale i ricercatori del National Cancer Institute di Bethesda, nel Maryland, hanno dimostrato che, indipendentemente dall'età in cui si comincia a mettersi in movimento, che sia adolescenza oppure età adulta, si può comunque godere ugualmente di tutti questi benefici per la salute.

Lo studio

Per capire in che modo l'esercizio fisico influenzi la salute nelle diverse fasce di età, i ricercatori hanno passato in rassegna i dati relativi a 315mila adulti americani tra i 50 e i 70 anni. L'analisi si è basata su sondaggi riguardanti le abitudini di vita dei partecipanti e le ore settimanali che dedicavano all'attività fisica, durante diversi periodi della vita, adolescenza (15-18 anni), giovinezza, tra i 35 e i 39 anni, e, infine età adulta, tra i 40 e i 61 anni. “La maggior parte degli studi condotti fino a oggi si è concentrata sui benefici offerti dall'attività fisica per brevi periodi di tempo e solitamente durante l'età adulta”, spiegano i ricercatori. “Il nostro, invece, è il primo studio che ha cercato di esaminare come lo svolgimento dell'esercizio fisico nelle diverse fasi della vita possa essere associato al rischio di mortalità”.

L'adolescenza

Dai risultati è emerso che i partecipanti che sono stati costantemente più attivi e hanno, quindi, svolto una maggior quantità di esercizio fisico in ciascun periodo della vita preso in considerazione nello studio hanno presentato anche un rischio più basso di mortalità per tutte le cause, per le malattie cardiovascolari e i tumori. Ad esempio, rispetto ai partecipanti costantemente inattivi durante la loro vita, coloro che hanno svolto attività fisica fin dall'adolescenza hanno presentato un rischio di mortalità inferiore tra il 29 e il 36%.

L’ età non conta

Ma dai risultati i ricercatori hanno osservato anche un altro dato molto interessante: coloro che hanno riferito di essere stati sedentari durante l'adolescenza, ma di essere stati poi più attivi in età adulta, tra i 40 e i 60 anni, presentavano comunque un rischio di mortalità per tutte le cause inferiore del 32-35%, sempre rispetto a chi è rimasto sedentario per tutta la vita. “L'evidenza scientifica indica chiaramente il ruolo benefico dell’attività e dell'esercizio fisico nella prevenzione primaria e secondaria in ambito cardiologico, diabetologico, oncologico, neurologico, pneumologico e psichiatrico”, spiega Marco Scorcu, Consigliere Nazionale della Federazione Medico Sportiva Italiana (Fmsi). “In questo lavoro sono stati dimostrati i benefici dell’attività fisica in relazione alle patologie cardiovascolari e ai tumori e il dato più significativo emerso dallo studio è che cominciare l'attività fisica in età adulta offre una protezione analoga (per queste patologie) all'iniziarla in età giovanile. È evidente quindi che non è mai troppo tardi per iniziare”.

14 / 03 / 2019

Ultimi aggiornamenti


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri.

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10