9 Novembre 1989. 30 anni fa, la notte in cui il Muro di Berlino cadde

di Grazia De Gregorio

155 chilometri di cemento e filo spinato, testimone grigio di persone, storie, sullo sfondo di una Germania spezzata dal triste passato della guerra. Il Muro di Berlino per 28 anni divise in due non solo una città ma il mondo intero. Sono passati 30 anni dalla storica notte in cui la barriera divisoria della capitale della Germania cadde

(UMDI UNMONDODITALIANI) 9 Novembre 1989. Sulle note di Heroes, la voce di David Bowie risuona di calma potenza, abbraccia le anime, dà voce a una generazione e fa la storia mentre i picconi abbattono il Muro di una Berlino divisa tra l'est e l'ovest della cortina di ferro. Sono passati 30 anni dalla storica notte in cui la barriera divisoria della capitale della Germania cadde, abbattuta dalla mano nuda dell'uomo, mentre crollava tra polvere, pianti e abbracci di gioia. Iconiche, poi, sono le foto che ritraggono giovani che si arrampicavano sul muro, quando si tiravano su a vicenda, oltrepassando i confini; nella stessa Heroes di Bowie, si può leggere “Io riesco a ricordare, in piedi accanto al Muro, i fucili sparavano sopra le nostre teste, ma noi ci baciavamo come se niente potesse accadere, mentre la vergogna era dall'altra parte. Possiamo batterli, e allora potremmo essere eroi, anche solo per un giorno”. Concepito il 13 agosto 1961, per 28 anni il “grande mostro” divise in due non solo una città ma il mondo intero, separando famiglie, amici e destini; 155 chilometri di cemento e filo spinato, testimone grigio di persone, storie, sullo sfondo di una Germania spezzata dal triste passato della guerra. Solo tre giorni dopo la caduta, si conta che oltre due milioni di persone passarono quel confine, negato per 28 anni, segnando (almeno simbolicamente) la fine di un'epoca.



EHRMAN, L'ITALIANO CHE “FECE CADERE” IL MURO

Il 9 novembre 1989, nella sala stampa del comitato centrale della Sed, fu di Riccardo Ehrman, giornalista italiano, la domanda su quando il nuovo regolamento sui transiti tra le due Germanie sarebbe entrato in funzione. A rispondere al quesito di Ehrman vi era il responsabile dell'informazione del partito, Günter Schabowski, il quale, non avendo ricevuto informazioni dal Politbüro, diede la storica risposta: "a quanto ne so io, subito, da ora". Le parole ebbero un'eco immediata e subito moltissime persone si recarono presso il muro, leggendo l'annuncio come la decisione di aprire il confine tedesco per lasciar passare i cittadini che volessero andare a Ovest. Le guardie di confine, sorprese e prive di indicazioni, aprirono i checkpoint e una gran massa di berlinesi dell'est si riversò a ovest senza controllo. Per questo il 9 novembre 1989 è considerata la data della caduta del Muro.


IL MURO OGGI

Erinnerungskultur, la cultura della memoria. Oggi è possibile osservare alcune pezzi del Muro, recuperati e inseriti su nuove fondamenta. A Berlino le zone “sopravvissute” del muro si dividono in: East side gallery, Mauerpark, Torre di guardia di Schlesicher Busch, Memoriale del muro di Berlino di Bernauerstrasse, Checkpoint Charlie. Ampie porzioni del muro sono state frantumate e utilizzate per la costruzione di strade asfaltate, altri pezzi sono diventati blocchi storici venduti all'asta.


IL MURO DI BERLINO

Il Muro di Berlino era un sistema di fortificazioni fatto costruire dal governo della Germania Est per impedire la libera circolazione delle persone tra il territorio della Germania Est e Berlino Ovest. È stato considerato il simbolo della cortina di ferro, linea di confine europea tra le zone controllate da Francia, Regno Unito e U.S.A. e quella sovietica, durante la guerra fredda.


08 / 11 / 2019


 






UMDI UN MONDO D'ITALIANI www.unmondoditaliani.com

COLLABORA CON NOI: scrivi a minacappussi5@gmail.com

se ti piace scrivere, se sei determinata/o, volitiva/o, volenterosa/o e soprattutto appassionata/o. Cerchiamo in particolare una/un aspirante giornalista per gli Italiani nel Mondo su BOJANO!

IL GIORNALE quotidiano DI TUTTI GLI ITALIANI NEL MONDO

IN REDAZIONE: Andrea-de-Marco, Marta-Ucciferri, Kerres, Marucci, Goffredo-Palmerini, Carmelina-Rico, Serena-Lastoria, Angela-Perrella, Giulia-Marzani, Manuela-Forte, Nicoletta-Saccomanno, Carlo-Di-Stanislao, Min.-Cul.-Pop., Stefania-Paradiso, Benedetta-Massoni, Angelo-Sanzò, Federica-Polegri, Gustavo-Vitali, Ugo-Gentile, Simona-Aiuti, Alessio-Papa, Ma.-Nu., Franco-Iadarola, Magalì-Pizarro, Anna-Ovidi, Sabina-Iadarola, Francesco-Luca-Borghesi, Gabriele-Iaconis, Penelope, Pippi, Scipione-L'Aquilano, Maria-De-Michele, Fer. Bru, Vincenza-Alfano, Alejandra-Daguerre, Anna-Maria-Marinelli, Chiara-Landi, Arianna-Braccio, Bartolomeo-Alberico, Dalna-Gualtieri, Grazia-De-Gregorio, Samuele-Doganiero

CAPOREDATTORE: Sabina Iadarola (giornalista OdG)

Iscriviti all'associazione CENTRO STUDI UN MONDO D'ITALIANI

Università Roma Tre: Corso di Comunicazione sul Web: Direttrice del Master: prof.ssa Franca Orletti

Maurizio Barba, Antonella Cavallo, Lavinia Cicciarelli, Monica Corda. Leonora Faccio,

STAGISTI edizione precedente: Stefania Paradiso, Marta Colomba (oggi Yahoo-Milano), Ambra Veglia, Mina Mingarelli, Ilaria Ghelfi. Tutor: Annarita Guidi.

INVIATO DA MOSCA: Massimo Eccli

INVIATO SPECIALE DI GUERRA: Michel Upmann

Il Giornale telematico quotidiano internazionale diretto da Mina Cappussi, dedicato agli Italiani nel mondo.

Notiziario ufficiale del progetto Agorà Mediapolis "Un Mondo di Italiani", cheraccoglie storie, ricordi, pensieri, emozioni, sensazioni, di chi è partito, di chi è tornato, di chi non c’è più, con l’obiettivo di lasciare un’impronta alle generazioni future, affinché, alla luce della Memoria, non dimentichino i sacrifici, le aspirazioni, le conquiste, i sogni le speranza, di chi ha dovuto lasciare la propria Terra, le proprie radici, alla ricerca di un futuro migliore. Il giornale on line degli Italiani in ogni parte del mondo, un faro sempre puntato, pronto a raccontare le storie di straordinaria ordinarietà, a fornire notizie, indicazioni, informazioni, aggiornamenti. Il giornale che, partendo da una delle più piccole regioni d'Italia, il Molise, collega idealmente tutti gli italiani in ogni angolo del pianeta, offrendo ospitalità, notizie, indagini, servizi, un forum di discussione. Sede di stage per l'Università Roma per l’Università Roma Tre, Master post laurea in Scrittura, traduzione e comunicazione nelle professionidel web, del cinema e della televisione, collabora con l’emittente televisiva TRSP con il programma omonino UN MONDO D’ITALIANI visibile a breve in chiaro e suSKY in tutto il mondo, associato al quotidiano ORA ITALIA che..scopre l'Italia su Radio Nacional 93.5 FM, network e programma di Radio in etere per Radio Nacional Viedma, nella Patagonia Argentina . La ciudad de Viedma, capital de la provincia de Río Negro, se alza en la punta este del territorio arrogándosela descripción deportal de ingreso a la Patagonia Argentina, al límite con la región más austral de Buenos Aires, ha sottoscritto un accordo con Radio Emilia Romagna, RER, per il programma Ora Italia www.oraitalia.blogspot.com

Da oggi LE RUBRICHE: UN MONDO D'ARCHEOLOGIA a cura di Adriana Niro

Unmondoditaliani.com -


www.unmondoditaliani.com - www.unmondoditaliani.it - di Mina Cappussi - email: minacappussi@gmail.com

testata giornalistica on-line con autorizzazione del tribunale di Campobasso n. 3/10 del 31.03.10